Narrativa italiana Letteratura rosa Tutta la vita che vuoi
 

Tutta la vita che vuoi Tutta la vita che vuoi

Tutta la vita che vuoi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Ci sono attimi che contengono la forza di una vita intera. Ci sono attimi così pieni da sembrare infiniti. E’ un susseguirsi di quei momenti che Filippo vive il giorno in cui per la prima volta riesce a rispondere al professore di chimica che lo umilia da sempre. Appena fuggito da scuola vuole solamente raggiungere Giorgio, il suo migliore amico, che davanti alla chiesa si sta domandando perché non sia ancora riuscito a piangere al funerale di suo fratello. In una macchina che non potrebbero guidare senza patente, sono solo due adolescenti. Ma sono in lotta contro il mondo da cui non vogliono più essere sopraffatti. Mentre sono fermi in un parcheggio, arriva verso di loro una ragazza che corre a perdifiato. E’ Clo che ha appena rubato un telefonino, perché quello è il suo modo di spezzare la pioggia che sente dentro. Basta uno scambio di sguardi e i tre si capiscono, si riconoscono, si scelgono. Non servono tante parole. La voglia di vivere che portano dentro è palpabile. La voglia di cambiare è impressa nei loro volti. E allora è quello il momento giusto per fare tutto ciò che non hanno mai avuto il coraggio di fare. E Clo sa come aiutarli. Basta scrivere su un biglietto cosa potrebbe renderli felici. Così il buio intorno è un po’ meno scuro e lascia filtrare piccoli spicchi di luce. Lei ha lo zaino pieno di motivi per cui essere grati alla vita, come le nuvole quando sembrano panna o l’odore della carta di un libro nuovo. Ora spetta a Giorgio e Filippo trovare il loro motivo speciale per cominciare a vivere senza forse, senza dubbi, senza incertezze. Ma non sempre chi ci è accanto è sincero del tutto. Clo non riesce a condividere con loro la sua più grande speranza per il futuro. Perché a volte si è troppo giovani per capire che esiste qualcuno pronto ad ascoltare. Perché a volte ci sono segreti che non si è pronti a rivelare. Per farlo si deve ammettere che non bisogna temere l’arrivo della felicità per toccarla davvero.

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Del resto e di me stesso
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il basilico di Palazzo Galletti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri