Narrativa italiana Romanzi Porci con le ali
 

Porci con le ali Porci con le ali

Porci con le ali

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il romanzo, narrato in prima persona e a due voci, quella dei liceali Rocco ed Antonia, racconta il loro anno scolastico presso un centralissimo liceo romano, tra impegno politico e momento personale, grandi speranze e grandi frustrazioni, primo tra tutti il loro grande amore destinato ad esaurirsi presto. Rocco gioviale, alla cui vitalità incombono frustrazioni e sensi di colpa, per un ruolo, quello maschile allora ideologicamente additato come prevaricatore e violento. Antonia, cerebrale fino al solipsismo, anela ad una maturità precoce. Non meno dell'altro pervasa da fantasie sessuali tenta di "legittimarle" con la propria integrità ed ortodossia ideologica. I due pensano molto ma si parlano poco. L'opera è stata tradotta in molte lingue e fece scandalo all'epoca della pubblicazione per il linguaggio triviale ed il contenuto esplicito di situazioni intime nonché per l'atmosfera di fondo in cui al disagio della condizione giovanile si accompagna la vitalità e, come suggerisce il titolo, ai grandi slanci ideali e sentimentali, l'ancoraggio forte a una realtà fatta di carne, che talvolta diviene gioia, oppure coscienza dei propri limiti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.6  (5)
Contenuto 
 
3.6  (5)
Piacevolezza 
 
4.2  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Porci con le ali 2021-02-19 18:21:31 AriMonda
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
AriMonda Opinione inserita da AriMonda    19 Febbraio, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piacere è tutto mio

“Porci con le ali”, pubblicato nel 1976, è frutto della collaborazione di due giovanissimi autori di sinistra: Lidia Ravera e Marco Lombardo Radice. Un testo interessante e a quanto pare divisivo, allora come adesso: c’è chi ne ha apprezzato il contenuto e il significato critico e chi lo ha bollato di oscenità o si è trovato d'accordo con l'immagine politica che restituiva. Questo testo non è andato incontro al processo per oscenità come “Altri libertini” di Tondelli, pubblicato solo 4 anni dopo, ma ha certamente attirato l’attenzione del pubblico e lo sdegno, soprattutto, dei militanti politici.

La storia narrata a due voci, quella di Antonia e Rocco, e scritta a due mani, quelle di Lidia Ravera e di Marco Lombardo Radice, è un intricarsi di aspetti politici, linguistici, sentimentali e sessuali. Da una parte abbiamo dei ragazzi sedicenni, romani, frequentanti il liceo Mamiani di Roma, che prendono parte a collettivi, riunioni, manifestazioni politiche e si lasciano invaghire dai discorsi dei ragazzi più grandi e politicamente impegnati; dall’altra parte abbiamo il racconto dell’adolescenza, calato all’interno di un contesto sociale specifico, quello dell’Italia post-sessantottina, ma che presenta i caratteri tipici dell’età di mezzo, atteggiamenti e ribellioni che accomunano i giovani di ogni epoca.

Così, pagina dopo pagina, attraverso lo sguardo dei protagonisti, viviamo gli stessi avvenimenti ma raccontati con due sensibilità diverse, quella femminile e quella maschile, e impregnati degli eventi storici e politici del tempo. In un momento storico in cui l’emancipazione femminile e sessuale sono sbandierati con orgoglio nelle piazze, Antonia svela a Rocco il dramma di essere donne e adolescenti, nella costante ricerca di equilibrio tra il sentirsi libere da ogni costrizione e il bisogno di essere apprezzate e desiderate: “se nessuno mi vuole come faccio a essere moglie e poi madre, o fidanzata o corteggiata o ammirata o uno di quei tremila participi passati che usano per definirci? Come faccio a essere quella che devo essere?”; e mentre gli uomini si vantano di essere femministi e aperti alle più svariate esperienze di genere e di sessualità, Rocco affronta una crisi di identità legata alla virilità e al proprio posto nel mondo, cerca nella compagnia dei ragazzi la possibilità di determinarsi e allo stesso tempo la possibilità di essere fragile.

Mentre gli adolescenti vivono in maniera per niente rivoluzionaria questa età difficile e dell’incertezza, ribellandosi al padre e alla madre, all’istituzione familiare in quanto tale, prendendo posizioni contradditorie e critiche nei confronti dei genitori, osservati con il disprezzo che solo gli adolescenti possono mostrare, mentre cercano con affanno una propria dimensione e di potersi definire, mostrano con chiarezza i limiti e le contraddizioni di un movimento giovanile che alla fine degli anni ’70 si stava già sclerotizzando e ripiegando in atteggiamenti stereotipati e convenzionali, tanto che le figure più importanti del movimento politico che appaiono all’interno del romanzo, non sono altro che uomini interessanti ad esercitare sessualmente il loro fascino sui più giovani, usandoli e manipolandoli.

La storia d’amore tra Rocco e Antonia è storia di due ragazzi acerbi e disillusi, che scoprono il sesso e si scoprono tra loro, che tastano con mano il desiderio di stare insieme e la delusione di fronte ad una realtà che non regge il confronto con le aspettative.

Questo romanzo, il cui linguaggio è volutamente portato agli eccessi, sia per documentare una precisa sottocultura, sia per operare una riflessione sul contesto sociale e linguistico del momento, l’ho trovato coinvolgente, interessante e soprattutto capace di raccontare le pene dell'adolescenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri libertini
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Porci con le ali 2016-04-07 07:56:35 charles
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
charles Opinione inserita da charles    07 Aprile, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Forse non tutti sanno che....

Ho ricevuto questo libro per regalo a Natale e come prevedibile l'ho letto in pochi giorni (o meglio, secondo l'abitudine ahimè, poche notti).

Il contenuto è godibile e boccaccesco, narra le vicende socio-sessuo-politiche di due adolescenti romani, alle prese con le prime manifestazioni, il '68, i primi dubbi, le prime scopate (sic), alternando in modo astuto il punto di vista di lui e di lei. Sebbene in modo diverso, entrambi i protagonisti si metteranno a nudo (non esclusivamente in senso letterale), scoprendosi a loro modo sensibili, attenti, e capaci di amare. Anche e nonostante gli eventi che li circondano implichino talvolta il chiudersi dentro il proprio carapace.

Un testo comunque lampante, allibisco pensandolo scritto nel 1976 da due giovanissimi autori, che pur ventenni dimostrarono una lungimiranza e maturità degna di esser ricordata.
Mi ha stupito il fatto che siano presenti nel testo pure delle bestemmie, senza alcuna censura. Davvero in anticipo sui tempi?

Sarei stato curioso di capitare su queste pagine una decina di anni fa, all'età dei protagonisti, probabilmente la sorpresa sarebbe stata autentica.

Una nota di curiosità, Marco Lombardo Radice ("Rocco") divenne un affermato medico psichiatra (proveniva da una nota famiglia romana), lavorò all'esterò e morì prematuramente d'infarto nel 1989. Proseguì anche la sua attività di scrittore, prevalentemente nell'ambito del saggio storico, continuando l'attività del padre.

Lidia Ravera ("Antonia"), vivente, si è dedicata alla stesura di diversi sceneggiati per la RAI, oltre che aver ottenuto la carica di Assessore alla cultura ed allo sport Regione Lazio.

La copertina celeberrima fu opera del futu-surrealista romano Pablo Echaurren, che ottenne un traino deciso grazie all'inaspettato successo del libro.

Consigliato? perchè no, un libro simpatico e comunque ben scritto in vista dell'estate, da commentare insieme alla fidanzata\o, o da regalare furbescamente a qualche cuginetto più giovane.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tolstoy, Baudelaire, Rimbaud, il primo Montale.
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Porci con le ali 2011-09-26 13:46:32 padoan.antonio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
padoan.antonio Opinione inserita da padoan.antonio    26 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il titolo dice tutto!!!! si tratta di porci .....

Un uomo e una donna. anzi un ragazzo e una ragazza. Un'Italia che sta cercando la maturità sessuale e gli ormoni che girano a palla!!! E' il libro dalle scene sessuali più esplicite che abbia mai letto! arrossisco anche un pochettino a ripensarci.
Si fa leggere in due giorni, io l'ho letto a 16 anni con la pubblicazione mondadori MITI, quelle che costavano pochissimo e l'ho letto in un giorno.
e mi ha sbalordito.
ero giovane e un pochetto inesperto. oggi se lo rileggessi non mi farebbe una piega.
Molto attuale anche se è di qualche generazione fa.
Il contenuto un po' scarseggia perchè tolto il sesso non è che rimane granchè, ma lo stile è potente, scritto in doppia mano una maschile e una femminile, fanno vedere le cose in due visuali diverse. La scoperta di sessualità da parte di una ragazza e da parte di un ragazzo.
Questi due qua fanno di tutto e di più ... e lo scrivono! nessuna restrizione e la cosa mi è piaciuta.
certo che all'epoca poi non ho detto a nessuno di aver letto quel libro, e manco l'ho prestato!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
consigliata a chi piace leggere scene sessuali veramente forti
sconsigliata a chi non piace leggere scene sessuali veramente forti
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Porci con le ali 2010-06-14 06:24:57 Ginseng666
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    14 Giugno, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La scoperta del sesso o dell'identità?

Un dubbio mi sorge legittimo dopo aver macinato in tre giorni questa lettura anti-convenzionale...
Ma questi due giovani, Rocco e Antonia, i protagonisti di questo libro, che scrivono in prima persona, sono alla ricerca del sesso o della loro personale identità?
Di tutte e due le cose, secondo me...
Ambientato in una Roma caotica degli anni '70, in un liceo, la storia si snoda tramite le voci dei due ragazzi, che all'inizio raccontano le loro esperienze di auto-erotismo, in seguito il loro incontro che li condurrà ad innamorarsi, conoscersi, frequentarsi, fare sesso e poi lasciarsi...perchè l'esperienza sessuale non sempre edifica, a volte se non è condivisa con la passione e il rispetto si esaurisce presto..
E' interessante vedere come l'atteggiamento della ragazza, romantico e idealista cozza con quello del ragazzo, assai violento e poco rispettoso, maschilista...convinto che il sesso sia solo fisicità...
Anche il dolore e il rifiuto, fanno parte della crescita e di un appropriarsi lento e faticoso della propria identità...
Ed è così che i due "porchetti aleati" comprenderanno, a loro spese, che non basta aver fatto sesso per sentirsi adulti, e che la conoscenza passa talvolta attraverso lo scontro e la rinuncia...
Da leggere.
Consigliato.
Ai ragazzi: nonostante il linguaggio scurrile, non ci trovo nulla di torbido, forse riusciranno a vedersi come in uno specchio...
Agli adulti, forse per conoscere meglio il mondo dei giovani e sorridere un po'.
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ai giovani sopratutto...perchè i grandi certe cose le sanno già..
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Porci con le ali 2010-06-04 06:50:39 piero70
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
piero70 Opinione inserita da piero70    04 Giugno, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un passo importante

Ecco questo è uno di quei libri che per me hanno rappresentato un step importante nella vita.
Non è un libro da premio Nobel, nè un pilastro della letteratura occidentale, ma semplicemente un libro che va letto al momento giusto.
Io per fortuna lo lessi...
Ero poco più che adolescente e fu come mettere la testa dentro la campana di San Lorenzo a Genova la domenica a mezzogiorno. Una bella sveglia direi. A cominciare da quell'incipit che mi lasciò sotto choc per i successivi 10 minuti.
Un romanzo che parla senza tabù e senza ipocrisie delle esperienze esistenziali e sessuali dei due protagonisti con il linguaggio dei giovani degli anni 70.
Certo lo scandalo è stato voluto dagli autori, soprattutto nell'Italia di quegli anni, un'Italia in rapido cambiamento, ancora rigida e bacchettona ma con in sè già i germi di qualcosa di nuovo.
I due protagonisti offrono due modelli comportamentali diversi e notevoli (geniale la trovata di narrare tutti gli avvenimenti prima con gli occhi di lui e poi con quelli di lei), che permettono ai lettori, adolescenti e non, di identificarsi all'istante in ognuno dei due. In quello che pensano, per come soffrono, per come vivono la loro sessualità e la loro identità politica e sociale.
Insomma una specie di pronto soccorso per adolescenti, ma che può essere apprezzato da lettori di ogni età.

Edit: dimenticavo una chicca. Sapete perchè il titolo così particolare? I porci con le ali sono gli adolescenti. Animali con bisogni "animaleschi" in fondo, ma capaci di volare sulle ali dei loro sogni e della loro fantasia. Un'anima divisa a metà tra queste due visioni. Per questo così difficili da capire!
Da provare assolutamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
161
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri