Narrativa italiana Romanzi Puzza di morto a Villa Vistamare
 

Puzza di morto a Villa Vistamare Puzza di morto a Villa Vistamare

Puzza di morto a Villa Vistamare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

«Ti penso di giorno e ti sogno di notte, e ti aspetto nel mio personale eremo per vivere la nostra seconda, si spera lunga, giovinezza. Fai in fretta che c'abbiamo entrambi novant'anni. Tu di più!» La vecchiaia non è certificata - solo e sempre - dall'età. È per questo che la Secca, la Marescialla, Peppino lo Sciancato e gli altri pensano e agiscono come se avessero ancora mezza vita davanti. E così, tra un morto, una busta sigillata, un mezzo incendio e femori rotti, ci trascinano nel loro mondo affacciato su un lago. Un romanzo, questo, che è un inno alla speranza di un'altra giornata di sole, anche quando il tempo è ormai agli sgoccioli. Un romanzo che fa venire voglia di invecchiare come loro: i vecchietti di Villa Vistamare. Perché il mare, a volte, basta immaginarlo per vederlo davvero.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Puzza di morto a Villa Vistamare 2020-04-23 21:48:37 ALI77
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    23 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA SPERANZA IN UN'ALTRA GIORNATA DI SOLE

E' proprio il caso di dire che la speranza è l'ultima a morire.
Lo è almeno per questo simpatico gruppo di anziani, che nonostante siano alla fine della vita, non si scoraggia, cercano di apprezzare le piccole cose, come un sorriso, un'emozione, una sorpresa.
Cercano sempre di trovare il lato positivo delle cose, anche se sanno che il tempo sta per finire, non si danno per vinti e lottano per quello in cui credono.
Non si arrendono alla fine della vita, non si lasciano sopraffare dai ricordi del passato, dalla malinconia, dalla tristezza che giustamente potrebbe sopraggiungere in questa fase della loro esistenza.
Cercano di trovare un'altra giornata di sole, un altro sorriso, un altro momento di leggerezza.
Questo testo suscita dei momenti di riflessione soprattutto in questo periodo particolare che stiamo vivendo.
Siamo consapevoli che questi anziani non vivranno a lungo, però il libro non è pervaso dalla rassegnazione della morte che sta arrivando, ma dalla forza di trovare il bello anche quando forse non c'è.
Ecco che questa potrebbe essere una chiave di lettura diversa del romanzo, un inno alla vita, a continuare a sorridere nonostante tutto, ad essere ricchi di gioia perché apprezziamo i gesti più semplici che sanno regalarci un momento di assoluta felicità.
Molte volte sento dire che l'importante è essere giovani dentro, tutti loro lo sono : Peppino, Guerrino, Ernesto, Caterina, Gaspare, sono persone che hanno vissuto a pieno la loro vita e nonostante l'età hanno ancora molto da dare.
Un gesto gentile, un sorriso, lo sbocciare di un fiore, il cinguettino di un uccellino, ogni cosa potrebbe essere motivo per sentirsi ancora vivi, ancora per un altro giorno.

In questo mondo dove i giovani pensano solo a come farsi un selfie e a "controllare" la loro vita finta sui social, ci sono questo gruppo di anziani che dimostrano di essere molto più "giovani" e alla moda di tutti questi ragazzini.
Questo libro dà un grande messaggio oltre che di speranza, ma anche di lealtà, d'amicizia e di coraggio.
La vita non è finita fino a quando non lo è davvero, dovremmo sempre ricordarcelo e ve lo dice una che di natura è pessimista, ma dopo aver letto questo romanzo non ho potuto che sorridere, perché questo gruppo di anziani ispira solo sentimenti positivi e ci fa sperare di invecchiare come loro.
Ho trovato lo stile dell'autrice molto scorrevole e la lettura del romanzo è stata piacevole.
Secondo me, visto il numero delle pagine e i molti personaggi, non riusciamo a conoscere bene questi anziani che ci vengono descritti solo marginalmente.
Credo che questo libro possa essere veramente un inno di speranza, a non mollare, a tenere duro e ad aggrapparsi alla vita, non solo in questo momento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Puzza di morto a Villa Vistamare 2020-04-23 15:42:13 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    23 Aprile, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Villa Vistamare

«Perché ogni tessera ha il suo posto nel puzzle e quel posto può essere occupato da quel preciso pezzetto colorato e da quello soltanto. A volte, il posto, lo trovi alla prima occhiata: quello s’incastra senza alcuna difficoltà; altre volte devi forzare un po’, tanto da dubitare che quello sia il posto giusto e, naturalmente, può accadere che non lo sia.»

A Villa Vistamare si arriva in due modi: o percorrendo la strada panoramica che taglia una buona parte della collina e domina il lago del paese, o facendo l’unica strada che lo attraversa. Due vie tra loro inspiegabilmente parallele da cui si scorgono le stesse cose ma in modo diverso.

«Un po’ come succede nella vita perché, a seconda della prospettiva da cui si guarda, le situazioni, le persone, i problemi e financo le scarpe che s’indossano appaiono diversi. Quante volte un paio di scarpe che in vetrina o ai piedi di un altro erano bellissime, una volta indossate sono sembrate troppo a punta o troppo poco, con la punta troppo arrotondata o non abbastanza?»

Del terzo modo per giungere alla Villa, via battello, barca o motoscafo, ormai nessuno se ne ricorda, ma, ad ogni modo, il palazzo non passa inosservato con la sua maestosità ed eleganza, con quel paio di ettari di terra che lo circondano (di cui una parte destinata a orto e frutteto) e grazie ai suoi circa cinquanta residenti della terza o quarta età affatto silenti e affatto arresi al tempo che passa. Villa Vistamare, la struttura di accoglienza in cui essi sono ricoverati, è un luogo che si propone alla vista del lettore esploratore mediante un grande parco naturale all’interno del quale spicca quel lago dai colori del mare e che per questo non può che suscitare nella sua mente il miraggio della vista di quest’ultimo. Una vista, questa, che accarezza il cuore e l’anima di chi tra queste stanze di pagine si addentra. Con quelle rive, ancora, che si mimetizzano con la vegetazione e quel cielo che con le sue nuvole e i suoi colori sembra osservare con sguardo sornione quanto accade nelle giornate di quegli abitanti tanto eclettici quanto magnetici che ci prendono per mano.
Conosciamo così il Visentin che si rivolge a noi chiedendoci se abbiamo una sigaretta, conosciamo il Bersagliere e Augusto Cappelletti – detto il Bellachioma –, conosciamo Caterina Melchiorre, ricamatrice in pensione con la passione per il rosa e l’animo romantico dell’irrinunciabile sognatrice, che insieme alla sorella Claretta Melchiorre, forma il duo “Bonus Malus”, o ancora l’accurato e impeccabile Gaspare, ex Brigadiere, o la Monacelli, la donna che di mondo se ne intende.
Tuttavia, nella quotidianità che ormai scorre e regna sovrana, un avvenimento rompe la quiete delle acque: la dipartita del Conte Giovanni Alfonso Maria Visconte terzo della Smeraldina. Una quiete interrotta non tanto per la sua prevedibile prematura scomparsa quanto per quella missiva lasciata e all’interno della quale è dato in eredità ai residenti della casa di cura un capitale pari a due milioni di euro. E certamente una lettera del genere e con un così lauto tesoro non si lascia in custodita, no no.
Da qui hanno inizio le avventure di questi amabili vecchietti che ci fanno assaporare le emozioni nostalgiche di quel tempo che passa e che non torna. Ed è qui che entra in gioco la maestria di Patrizia Fortunati che, con una penna fluida, accattivante, ironica ma al contempo riflessiva, ci fa sorridere e ci fa meditare su questa fase della vita spesso temuta ma inevitabile. Tra aneddoti di gran simpatia, avventure rocambolesche, interrogatori ai danni del direttore ormai votato alla resa definitiva, ritroviamo i ricordi di questi uomini e di queste donne, ricordi che vanno dall’amore trovato e poi perduto, alle occasioni mancate, al desiderio di realizzazione. Un desiderio, quest’ultimo, che giunge al suo termine con il venir meno della stessa esistenza terrena. A questa consapevolezza si aggiunge la volontà di non arrendersi, di non lasciarsi andare, di intervenire sul corso degli eventi, del vivere sino all’ultimo quell’opportunità, quell’occasione che viene concessa. Perché ogni possibilità deve essere vissuta, provata affinché la speranza non venga mai meno.

«La speranza che accada qualcosa, possibilmente qualcosa di bello: che è la speranza di un altro giorno di sole con un leggero venticello che ti faccia apprezzare di più il tepore di quello che hai, la speranza di rimettersi in piedi dopo una frattura all’anca, di vedere i nipoti sposarsi e di avere ancora qualcosa da raccontare e qualcosa da ascoltare. La speranza che la vita riservi ancora un sorriso, anche hai novant’anni.»

Un inno alla vita. Un inno al sorriso, alla consapevolezza. Perché la morte è inevitabile ma c’è tanta strada da percorrere e con quel giusto grammo di allegria, è più facile traversarla. Occorre coraggio, forse. Occorre vincere l’incertezza di quei limiti che tendono quotidianamente a frenarci, chissà. Occorre semplicemente osservare, osservare da una prospettiva più ampia.

«Il lago, che quella sera era più bello di sempre, illuminato da una luna piena e tonda che ci rifletteva dentro, tornò a suonare la dolce melodia del mare.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri