Narrativa italiana Romanzi Qualcuno ha rubato le mie ali
 

Qualcuno ha rubato le mie ali Qualcuno ha rubato le mie ali

Qualcuno ha rubato le mie ali

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In una Dublino degli anni ’70, l’arrivo di un taxi con a bordo una famiglia di italiani segna l’inizio di una grande amicizia tra due ragazzini: il figlio di un diplomatico italiano e Paul, un irlandese fuggito da un quartiere cattolico di Belfast a causa delle violenze e delle persecuzioni religiose. Anche se i due sono molto diversi tra loro, ciascuno diventa maestro di vita dell’altro e con il trascorrere degli anni si consolida un legame profondo, indissolubile, intimo. All’età di 17 anni, nelle vite dei due amici entra prepotentemente la questione irlandese: Paul, dopo aver preso contatto con i militanti dell’IRA, decide di tornare a Belfast. Per la prima volta ha lasciato l’amico fuori dalle sue scelte e le loro strade sembrano dividersi per sempre.



Recensione della Redazione QLibri

 
Qualcuno ha rubato le mie ali 2014-04-06 15:11:11 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    06 Aprile, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' AMICIZIA FA MIRACOLI ?

Può un'amicizia fare un miracolo? Si, se è autentica ... si!!!
Questa è la storia di un'amicizia che nasce tra due bambini inizialmente, adolescenti poi; un sentimento che si sviluppa , cresce sempre più, tanto da diventare indispensabile...tanto da portate l'uno a realizzare per l'altro i suoi sogni , le sue ambizioni...e oltrepassare la morte , ridandogli in qualche modo ancora vita.
Un ragazzo è irlandese e vive a Dublino, l'amico è italiano, recatosi là perchè figlio di un ambasciatore .
Entrambi segnati, sia pur in modo diverso, dalla propria figura materna; diversissimi come carattere e fisicamente e forse per questo complementari, ma con alla base una gran stima e un alto rispetto vicendevoli. Ognuno vede nel proprio amico la propria parte mancante.
Ho letto con gran coinvolgimento questa narrazione, provando una miriade di sensazioni ed emozioni : affetto, pena, amarezza, rabbia e anche tanta!
Si, ad un certo punto mi sono anche arrabbiata con l'autore per l'età del protagonista iniziato a forti esperienze sessuali a mio avviso del tutto premature.
Inizialmente ho associato la lettura di questo libro a "I ragazzi della Via Pal"; poi però la trama si è infittita, diventando sempre più complessa e coinvolgente.
Entusiasta di seguire le avventure dei due ragazzi, fino a quando, sia pur a gran malincuore ,uno dei due decide di seguire la propria strada da "irlandese". Eh, si, perchè questo libro trasuda di storia d'Irlanda, facendoti immergere nel dilemma e nel continuo dramma vissuto dai suoi abitanti. L'autore con profondo rispetto ci immerge in questa realtà, finora a me lontana e ci regala immagini d'incanto e superbe di un ambiente potente, superbo, ostile ma benefico,"di diperata vitalità che incita a resistere, a non arrendersi, a non piegarsi, ...dove la gente con la rabbia come compagna di vita, resiste per sopravvivere e sopravvive per vivere."
Proprio nel momento della separazione dei due amici però un tarlo mi è entrato nella mente...ma poichè la narrazione ha continuato a scorrere coinvolegndomi al massimo...questo mio dubbio è andato via via sfumando.
Ma ecco che alla fine, ho trovato la risposta a tutti i miei perchè, ridandomi la calma..eh, si, perchè di fronte ad un racconto basato su una realtà vissuta, non posso che assumere un atteggiamento di profondo rispetto.
Mai giungere a conclusioni affrettate, è stata ancora una volta questa una lezione per me.
Mi complimento davvero con questo autore, Emanuele Fantozzi, conosciuto grazie alla Qredazione che ringrazio vivamente.
E desidero concludere con un messaggio proprio per lui:
"Continua a scrivere e a regalarci ancora emozioni forti; con me hai fatto centro ed è successo: è stato come vivere un viaggio molto forte ed intimo...grazie di cuore!!!"
Buona lettura
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama l'Irlanda o ha piacere di conoscerla maggiormente...a chi ama una lettura che emoziona...
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Qualcuno ha rubato le mie ali 2014-07-22 09:25:19 Marco Caggese
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Marco Caggese Opinione inserita da Marco Caggese    22 Luglio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qualcuno ha rubato le mie ali

Il romanzo di Emanuele Fantozzi ha un'ambientazione inusuale e lontana dai nostri schemi.
Siamo in Irlanda del Nord, una terra funestata da una guerra lunga e dolorosa, fatta di soprusi, odi e rancori senza fine. Appare chiaro che l'autore ha approfondito i temi che tratta, dando una buona visione d'insieme della questione irlandese e facendoci sentire fortemente la tensione palpabile tra i protagonisti della vicenda. Su questi scenari si muovono i due personaggi principali, due ragazzini, uno Irlandese, l'altro Italiano, ed il romanzo li accompagna attraverso la loro vita, mostrandoci la formazione di ognuno di loro ed ancora un rapporto di amicizia che nasce e che diventa sempre più profondo e vero. Il libro trasporta il lettore fino allo sconcertante finale che scopriamo nell'ultima pagina.
Personalmente ho letto con piacere questo libro che sa raccontare di una terra difficile e di un'amicizia vera, ma lungo la narrazione ho, personalmente percepito una sorta di ingenuità nel racconto, a volte drammatico ed accattivante, altre didascalico. Qualche brano da la sensazione di somigliare molto ad una sceneggiatura cinematografica, che però ho sentito stridere con le atmosfere più sofferte di atri brani della storia.
Insomma, aspetto Fantozzi con entusiasmo alla sua prossima prova, spero maggiormente autoriale e matura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri