Narrativa italiana Romanzi Quella vita che ci manca
 

Quella vita che ci manca Quella vita che ci manca

Quella vita che ci manca

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Questo è un romanzo sull’amore, un amore spietato come solo quello tra fratelli può esserlo. Ma è anche un romanzo sull’unico altro amore che possa competere: quello tra un ragazzo e una ragazza. Gennaio 1991. Valentino osserva le piccole nuvole di fiato che muoiono contro i finestrini appannati della vecchia Tipo. L’auto che ha ereditato dal padre, morto anni prima, non è l’unica cosa che gli rimane di lui: c’è anche quell’idea che una vita diversa sia possibile. Ma forse Valentino è troppo uguale al posto in cui vive, la Fortezza, un quartiere occupato. Delia è più grande di lui, è bellissima ed è pulita. Perché lei non è della Fortezza. Ed è proprio questo il problema. Perché Valentino nasconde un segreto che non osa confessarle e soprattutto sente che scegliere lei significherebbe tradire la famiglia.

Recensione della Redazione QLibri

 
Quella vita che ci manca 2014-10-11 13:37:43 silvia71
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    11 Ottobre, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La durezza della vita

E' giovanissima Valentina D'Urbano, eppure una buona linfa narrativa le scorre nelle vene.
Alla sua terza prova, l'autrice si propone di andare al di là di ciò che definiamo degrado sociale, di porre l'attenzione sulle persone, dentro le case, tra quelle intimità domestiche difficili e disagiate.

Una periferia maledetta dove l'erba non cresce più, palazzi fatiscenti fuori controllo, visi torvi e grigi come le mura dei caseggiati, giovani la cui scuola è la strada che li sostenta con attività illecite; un mondo retto da regole dure e inflessibili, un mondo di cui porti il segno nel dna fin dalla nascita, il mondo che ti ha partorito e a cui devi appartenere.
Quell'altro mondo, quello “normale”, dove si lavora con onestà, dove ci si crea una famiglia in piena regola, è troppo lontano, inarrivabile.
Lo spaccato disegnato dalla D'Urbano è aspro, vivido ma senza superflue forzature; la sua penna si concentra sugli occhi e sul cuore di Alan, Anna, Valentino e Vadim.
Fratelli, figli di padri diversi, ma incatenati da un legame che va oltre la dedizione e l'amore, un legame viscerale fino a creare una barriera contro gli uragani di una vita complicata e fuori dai binari.
Il pathos creato da Valentina nel ritrarre la vita amara e coraggiosa dei suoi protagonisti è notevole; il freddo dei luoghi e dell'anima si schianta contro il calore di questi giovani perduti.
Quella dell'autrice non vuole essere un'operazione per giustificare un certo genere di vita; vuole essere il raccontare una storia a tuttotondo con la consapevolezza del male che si annida in tanti contesti sociali, ma allo stesso tempo vuole essere un invito a non fermarsi alla superficie della problematica, perché dietro al termine “degrado” comunemente usato, ci sono dei volti, dei nomi, delle storie, ci sono dei cuori marci e dei cuori da salvare, ci sono persone intenzionate a perseverare e ci sono persone che vorrebbero trovare il sentiero per evadere da quella gabbia.

Un buon romanzo, una scrittura moderna, ricca di dialoghi conditi da un gergo prettamente giovanile; un romanzo che riesce ad arrivare al cuore di chi legge, senza stupire con note eclatanti ma portando tra le righe tanta quotidianità di gesti e di pensieri.
Tanti giovani autori si cimentano su tematiche sociali attuali, tra questi a pieno titolo possiamo annoverare la D'Urbano, che con la sua ultima storia, immortala un pezzo della nostra società e delle nostre città.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.8  (6)
Contenuto 
 
4.0  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quella vita che ci manca 2018-03-10 12:26:51 evelyn73
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
evelyn73 Opinione inserita da evelyn73    10 Marzo, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

appartenenza al di là del legame di sangue

SPOILER - Primo libro per me della D'Urbano, che si è rivelata una piacevole scoperta. Lo stile narrativo crolla un po' nell'ultimo centinaio di pagine, un po' "buttate giù" e a tratti lente, rispetto invece alla parte precedente, molto accattivante e coinvolgente. I personaggi sono un po' alla Ammaniti , caratterizzati da vivere una situazione di disagio a più livelli.....Storia ambientata in un quartiere degradato, si narrano le vicissitudini di 4 fratelli da parte materna, i padri sono invece assenti per motivi che vengono via via spiegati (morte, rifiuto, latitanza all'estero). I principali temi trattati sono il forte senso di appartenenza alla famiglia al di là dei legame di sangue e indipendentemente dalle condizioni di vita (questione messa in evidenza anche dalla solitudine di Delia, di tutt'altra estrazione sociale rispetto ai 4 fratelli) e la possibilità sempre e comunque del riscatto personale, di potercela fare a cambiare rotta, a non rassegnarsi ai posti e alla vita che il fato ci vorrebbe assegnare. E questa possibilità per Valentino di migliorare se stesso dà un senso al dramma che colpisce l'amato fratello Alan.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ammaniti
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

Quella vita che ci manca 2016-08-15 11:09:58 Sofiaa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sofiaa Opinione inserita da Sofiaa    15 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Valentina D'Urbano colpisce ancora

Talvolta la vita può essere davvero dura. Valentino e i suoi fratelli lo sanno bene. Vivono alla Fortezza da quando sono piccoli, con la madre. Nonostante abbiano avuto quasi sempre un tetto sopra la testa non sanno cosa voglia dire essere davvero felici. Non hanno idea di che cosa sia la stabilità economica. Non c’è giorno in cui non debbano lottare per non lasciarsi scappare quel poco che hanno. Alan e Valentino sono gli uomini di casa e per questo devono cercare di proteggere anche Anna, la mamma e Vadim, in apparenza ventiquattrenne, in realtà neanche dodicenne. Vadim ha un serio problema che nessun medico può curare. I suoi genitori si sono accorti troppo tardi del suo ritardo mentale e intellettivo. Resterà per sempre un bambino di otto anni intrappolato nel corpo di un ragazzo, di un adulto, di un anziano. Valentino, ventenne con una vita davanti, non ha mai avuto una ragazza, Alan, invece, ne ha conosciute parecchie. Una parte di lui invidia il fratello ma nel complesso lui sta bene dove sta e si dice che non ha di certo bisogno di una donna per essere felice. Questa certezza dapprima vacilla, poi cade completamente quando incontra Delia. Lei ha ventisette anni ed è laureata. Non il tipo di ragazza che si incontra tutti i giorni alla Fortezza. Valentino ha paura, non crede di essere all’altezza, ma l’amore che prova per questa ragazza è così forte che lo costringe a mettersi in gioco. Pur di stare al suo fianco, Valentino inventa tante scuse per non dire quale sia il suo vero lavoro e come sia la sua vita, ma Delia è sveglia, non ci vuole molto perché capisca come stanno davvero le cose. Un romanzo che ti entra dentro e non se ne va più. Un romanzo allo stesso tempo struggente, forte, crudo e incredibilmente ricco di amore e insegnamenti. Niente da dire, Valentina D’Urbano si conferma ancora una volta una scrittrice molto capace, nonché una delle mie preferite.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quella vita che ci manca 2015-12-07 16:08:28 katia46
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
katia46 Opinione inserita da katia46    07 Dicembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giovani, forti e fragili

E' un romanzo che ti entra dentro. Per lo stile, fluido e profondo, per il linguaggio, quello che riconosci, perché ti appartiene, perché sei nato in un Quartiere, perché la vita l'hai trascorsa nei rioni, per strada. Non puoi non amarli. Non puoi non fare il tifo per Valentino, sperare che riesca a riscattarsi, con la potenza dell'amore. Non puoi non commuoverti per Alan, sentirlo tuo fratello, detestarlo come fratello ma amarlo proprio per questo. Ti entrano dentro, come la polvere che si respira leggendo. Stile spigoloso, ruvido, potente. Sei nella Fortezza, respiri il degrado, la noia, la paura. Il desiderio di riscatto, difficile, sempre in salita. E tu sei con loro. Merito di una scrittura che non si avvale di ricercatezza, ma proprio per questo arriva dritta al cuore. Un ritmo veloce, incalzante, mai noioso. Un linguaggio giovane come la storia che racconta, forte, doloroso e fragile, come la vita che si dipana tra le pagine.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il rumore dei tuoi passi
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quella vita che ci manca 2015-11-01 14:48:18 mariac
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
mariac Opinione inserita da mariac    01 Novembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

QUELLA VITA CHE CI MANCA

VALENTINA D’URBANO riparte da dove aveva lasciato Alfredo con “il rumore dei tuoi passi”, ossia in quel sobborgo dove non esistono illusioni, dove spesso manca perfino l’elettricità, dove c’è un solo bar, una sola piazza, un solo punto di ritrovo chiamato “Anfiteatro” e tanta tanta miseria.
Il quartiere è un reticolo di case da cui non puoi assentarti troppo perché hai paura che ti si fiondino dentro, da cui non puoi assentarti perché, in fondo, non hai un altro posto dove rifugiarti.
La famiglia Smeraldo è una delle tante squattrinate famiglie che vive alla “Fortezza”, occupando un appartamento freddo e inospitale, sfasciato dalla rabbia di Alan che, quando non sa come sfogare le sue frustrazioni, se la prende con i pochi mobili rimasti. La famiglia Smeraldo è una famiglia che ha smesso di sperare di meritare una vita migliore, che può contare solo su se stessa, che fa quel che può per tirare avanti ma è una di quelle famiglie che, nonostante tutto, si può definire unita. I fratelli Smeraldo si sentono persi, credono di avere il germe della Fortezza, non tentano più nemmeno di uscire dal vortice dell’autodistruzione.
Eppure Valentino qualche volta pensa a chi dalla fortezza ne è uscito, sì, ricorda quella ragazza un pò troppo aggressiva per i suoi gusti, si chiamava Beatrice. Lei ha deciso di chiudere con quel postaccio e cercare una vita migliore, pulita, legale. Certo anche lei si è portata dietro il suo bagaglio di dolore ma ha trovato la stimolo per fuggire.
Valentino pensa che anche lui potrebbe farcela, potrebbe così salvare Mamma, Anna e Vadim dalla miseria, potrebbe salvare se stesso dalle porte del carcere che tanto spesso gli sono sembrate così vicine e aperte. Potrebbe convincere Alan a seguirlo, a tentare di vivere in modo più pulito, di liberarsi della sua rabbia, del suo dolore, dei suoi abbandoni. Potrebbe ancora farcela a nascondere a Delia chi è realmente ed essere l’uomo che lei pensa di avere al suo fianco.
La D’urbano dopo “il rumore dei tuoi passi”, scrive un’altra storia fortissima. Concentrandosi, questa volta sui legami di sangue, conferisce la forza di una saga a una storia familiare in cui tutti i personaggi hanno una maturità e una solidità tale da poter vivere in modo autonomo all’interno del racconto, si fanno da subito amare perché sono dei disgraziati che creano dipendenza, apprensione e dolore. Sono simpatici, sono autoironici e sono spietati. Non riesci a giudicarli, gli sei vicino fino alla fine, vorresti condurli sulla strada giusta ma alla fine li giustifichi, li accetti.
Lo stile è semplice, scorrevole, tipico di chi vuole arrivare al cuore di tutti ed in particolar modo dei più giovani, credo sia proprio uno di quei romanzi da consigliare a chi ancora deve affacciarsi alle finestre del mondo per averne un’immagine cruda e realistica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quella vita che ci manca 2015-02-20 12:25:48 SARY
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
SARY Opinione inserita da SARY    20 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una vita dura

Case fatiscenti, lampioni singhiozzanti, strade buie peste, sagome appostate in angoli bui in attesa della botta, chi d’amore, chi di droga. Non è un quartiere abbandonato, è la Fortezza, occupata abusivamente da un popolo senza mezzi e speranze. La criminalità e il degrado sono ad alti livelli, l’unica garanzia è la fedeltà familiare, nella pochezza brilla e si rafforza l’unione, nella disperazione non c’è solitudine.
Lì dentro ci nasci, nessun si trasferirebbe di propria spontanea volontà in un postaccio del genere, peraltro sorvegliato a mano armata da spietati guardiani invisibili. Nasci con il peccato originale più peccaminoso degli altri, sei figlio di uno della Fortezza, occupi il gradino più basso della società, sono affari tuoi, campare è un problema solo tuo, buona fortuna … tanto manco ti sfiora quella, scavalca i muri di cinta e va oltre, verso orizzonti migliori.
Il dna non è un capriccio. Puoi provarci a farti una vita normale, però è un lavoraccio faticoso, uno sforzo quotidiano sfiancante, ma non è impossibile. Stai alla larga dalla droga, dalla delinquenza, dalle schiene fallate e rimboccati le maniche. Manda una preghiera lassù, chiedi che qualcuno guardi giù per un momento soltanto, è sufficiente, puoi ritrovarti oltre la collina con una ragazza a posto. Insieme, graffiandovi, scorticandovi, forse impari l’amore e l’altra vita, quella vera, quella che fa male e bene allo stesso tempo, quella che si srotola ogni giorno con gioie e dolori, ricordarti, più bellezza che bruttezza.
Forse dovrai toccare il fondo, forse dovrai sentirti una bestia, sicuramente dovrai vomitare bile e rabbia, versare sangue e sudore, ma se lo vuoi davvero, forse puoi voltar pagina, non dimenticare mai la tua famiglia, le tue origini, un monito, un bisogno, un dovere, un diritto.
Questo è il seguito (indipendente) del ”Il rumore dei tuoi passi” meno toccante, più speranzoso, crudo e sboccato, in perfetta sintonia con il contesto.
Concludendo, a chi ha apprezzato il primo lo consiglio vivamente, a chi non ha mai letto nulla della D’Urbano lascio un invito alla lettura di realtà sempre più diffuse.

“ Tu sei la mia ferita, sei un nodo che non si scioglie. Tu non sei di questo mondo, non gli appartieni. Questo posto non ti merita, io non ti merito ma non me ne frega niente, è qui che devi restare. Non ti voglio in nessun altro luogo, non posso tollerare che tu sia lontana da me e mi dissangua la tua assenza. É con me che devi stare.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il rumore dei tuoi passi
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Quella vita che ci manca 2014-12-30 22:00:47 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    31 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Valentino e i suoi fratelli

Storia cruda e molto sentita di 3 fratelli, una sorella , e della loro mamma, tutti inseriti in un contesto sociale difficile e tutti legati a doppio filo , nonostante la vita non abbia regalato loro momenti sempre facili . Chi spicca nella narrazione tra Alan,Anna, Valentino e Vadim è sicuramente Valentino, l'unico avuto da mamma Letizia dal suo secondo compagno poi deceduto. Valentino dimostra da subito una propensione al ragionamento e alla voglia di migliorare che gli altri si hanno , ma che spesso rinnegano in funzione dell'agire d'istinto. S'intrecciano tante storie in questo testo, molto particolare la descrizione dei comportamenti e dello stile singolare che ostentano molti degli abitanti del quartiere in cui abitano i protagonisti, la Fortezza(che poi pagina leggendo si scopre essere un nome di fantasia relativo a periferie romane). La storia d'amore poi tra Valentino e Delia, ragazza di peculiarità totalmente opposte allo stile di vita di Valentino, prende il sopravvento e, a mio avviso, tutti gli altri racconti vengono surclassati da questi avvenimenti. Estrapolo un passaggio emblematico, secondo me, del testo per concludere la recensione
..."Il sangue si lava, non è quello il problema. Il problema sono le cicatrici, che rimangono a distanza di anni ti ricordano chi sei e chi avresti potuto essere, e per questo fanno un male pazzesco"...
Particolare

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Ogni coincidenza ha un'anima
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Hippie
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I soldi sono tutto
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mio romanzo viola profumato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orrore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fa troppo freddo per morire
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il presidente è scomparso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo Catalanotti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Tu che sei di me la miglior parte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cattiva
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Lady Las Vegas
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I formidabili Frank
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri