Il calice della vita Il calice della vita

Il calice della vita

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


Arthur Malory è sconvolto. Nel giro di due giorni, ha visto il suo migliore amico, Andrew, morire per mano di uno spietato assassino, quindi è sfuggito per miracolo all'incendio che ha distrutto la sua casa. E tutto è iniziato con la telefonata con cui Andrew gli aveva annunciato di aver fatto una scoperta sensazionale riguardo alla loro grande passione: il Graal. Da quel momento, Arthur è diventato il bersaglio di uomini potenti e senza volto, determinati a completare una missione iniziata in Palestina nel 33 d.C. La sua unica possibilità di salvezza è trovare il Graal prima di loro e, per farlo, deve rintracciare e seguire una catena di indizi lasciati dal suo illustre antenato, Thomas Malory.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
2.2
Stile 
 
2.5  (8)
Contenuto 
 
2.4  (8)
Piacevolezza 
 
1.9  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il calice della vita 2018-08-10 11:57:27 cosimociraci
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
cosimociraci Opinione inserita da cosimociraci    10 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi più ne ha più ne metta

Il Stanto Graal, excalibur, re Artù, con un accenno alla pietra filosofare. Tanta roba ma purtroppo trita e ritrita. E' questo il destino di chi ha scritto la tetralogia de "La biblioteca dei morti". Da Glenn Cooper ci si aspetta di più del solito film all'Indiana Jones, anche se sono sicuro che Steven Spielberg potrebbe rimanere positivamente impressionato dal romanzo.

Il libro scorre naturalmente e ci accompagna in un fantasy che spazia dall'Inghilterra alla Spagna, dalla Francia fino in Palestina. La storia è avventurosa ma caro Glenn Cooper non vorrei essere io a ricordarti che il genere thriller prevede una costante tensione, anche abbastanza alta, cosa che non ho riscontrato.

Oscar per la scenografia, infatti ciò che più mi è piaciuto del romanzo sono proprio il ricordo alle ambientazioni che ho avuto la fortuna di visitare in alcuni viaggi, la Basilica del Santo Sepolcro in Palestina, la Cattedrale di Valencia e la stupenda Sagrada Família.

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
Per chi volesse un romanzo a metà tra lo scientifico ed il religioso ma con un po' di pepe in più, consiglio Origin di Dan Brown
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il calice della vita 2015-09-06 20:15:50 Piersamedi
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
Piersamedi Opinione inserita da Piersamedi    06 Settembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

FINALMENTE...L'HO FINITO!

Si dice che non si giudica il libro solo dalla copertina: e, purtroppo per Glenn, io il libro l'ho letto, sennò darei giudizi positivi (bella la copertina, no?).
Non sono solito essere così categorico, ma NO, il libro proprio non mi è piaciuto. Ho avuto difficoltà a finirlo, c'ho messo una vita, l'ho lasciato e ripreso più volte (e intanto ho iniziato altri due libri) e l'ho finito solo per "bon ton"; concordo con chi l'ha definito "Banale e Superficiale", nonostante l'argomento abbastanza importante come quello del Sacro Graal.

Lo STILE mi è sempre piaciuto, con le storie parallele in epoche storiche differenti ed è, ad oggi, l'unico motivo che mi spinge a leggere ancora Cooper (troppo lontani, ormai, i tempi della Biblioteca). Ma del libro è l'unica cosa che si salva.

Il CONTENUTO promette bene, l'argomento sembra interessante e sempre affascinante, ti avvicini pensando che possa sfruttarne l'aspetto religioso e invece...si addentra in un turbinio di concetti fisici e metafisici che raggiunge il cuore di una nicchia di lettori, annoiando tutti gli altri.

Per quanto riguarda la PIACEVOLEZZA, non c'è molto da dire: per lunghi tratti è stato pesante, lento e il "COLPO (?) di SCENA" è arrivato solo all'ultima pagina.

Ma poi, vogliamo parlare del FINALE? ah, no...non si può! Meglio...lascio la curiosità a chi avrà la pazienza di leggere tutto il libro!

Solo un'osservazione finale: leggo da troppo tempo "che fine ha fatto il Glenn Cooper della Biblioteca?". Io personalmente, che di suoi libri pure ne ho letti, inizio a pensare che questo sia il vero Cooper, e che la Biblioteca è stato un vero e proprio exploit.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2015-03-30 10:35:44 ferrucciodemagistris
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ferrucciodemagistris Opinione inserita da ferrucciodemagistris    30 Marzo, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sacro e la fisica delle particelle

Sul Sacro Graal la letteratura è vasta ed è associata a un alone di mistero che lascia dubbi sulla possibile veridicità o anche parte di essa. Dan Brown con il suo famoso “Il Codice da Vinci” ha dato enfasi a questa leggenda che ha focalizzato l’attenzione di moltissimi lettori su un eventuale risvolto storico della vicenda che ormai appartiene alla notte dei tempi risalenti alla formazione dell’universo da noi conosciuto, e ritornato con la vita di Gesù di Nazareth e la sua crocifissione.

Questo romanzo è un ulteriore tassello che si aggiunge all’ampio mosaico inerente la storia del sacro Graal e i tentativi che si sono fatti sin dal I secolo d.C. per giungere in possesso di questa reliquia che potrebbe cambiare le sorti della popolazione mondiale e rivedere, in maniera drastica, le attuali leggi della fisica sotto altri punti di vista che sconfinano al di là dei nostri orizzonti di comprensione.

Il protagonista del romanzo è un chimico, con la passione per la storia e l’archeologia, forse discendente da un altro personaggio anch’egli leggendario: il re dei britanni Artù con tutti i suoi cavalieri vissuti, secondo la tradizione, nel sud dell’Inghilterra nel V secolo d.C.

Arthur Malory, il nome del personaggio principale, viene a conoscenza di certe scoperte relative al sito dove potrebbe essere nascosto la sacra coppa, da dove bevve Gesù durante l’ultima cena, per mezzo di uno studioso, suo amico, che viene ucciso in circostanze drammatiche in presenza di Arthur. Questo tragico episodio diventa l’esordio per i successivi accadimenti il cui fine è trovare la sacra reliquia per la quale si presume abbia, oltre al fattore sacro, un potere particolare e inestimabile in quanto costituito da materiale sconosciuto con proprietà non appartenenti al nostro immanente. Il percorso di Arthur è costellato da continue peripezie affiancato da una donna, Claire, ricercatrice di fisica teorica.

La narrazione è affascinante anche se intrisa di nozioni di cosmologia e astruse teorie ( ma saranno poi così bizzarre? Mah!) su universi paralleli, smaterializzazione, sostanze con poteri da definire magici in quanto sconosciuti.

Un romanzo cui consiglio la lettura per acquisire maggiori informazioni su un mistero e un’enigma che potrebbe , forse, avere uno spiraglio di verità atto a dipanare qualche filo di una matassa ingarbugliata.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
231
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2015-01-25 16:44:04 Ylenia
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Ylenia    25 Gennaio, 2015

Sicuramente non il libro migliore di Glenn Cooper

Ho letto tutti i libri di questo scrittore e questo, insieme a La Mappa del destino, è stato quello che ho preferito meno. Come è tipico del suo stile si fanno dei salti di epoca senza tralasciare i punti di vista di ogni personaggio e senza lasciare vuoti o episodi all'immaginazione, tutto è abbastanza chiaro. Sottile il confine tra la scienza e la fede, un tema caro a Cooper, sempre presente nei suoi romanzi.
Ritmo esageratamente lento, a tratti decisamente noioso, poca azione. La storia c'è, i personaggi anche ma si trascinano forzatamente. E' un libro che ti fa venir voglia di contare quante pagine ancora ti restano da leggere e sperare che accada un colpo di scena perchè di certo non vuoi leggerlo tutto d'un fiato, il colpo di scena c'è ma il finale conferma che non si tratta di un libro eccellente, tanto rimane in sospeso, forse ci sarà un proseguo!?
Se si ama Glenn Cooper il libro va comunque letto ma con la consapevolezza che questa non è sicuramente la sua scrittura migliore. Non vedo l'ora di leggere qualcosa degno dei suoi primi fantastici romanzi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato si ma con tante riserve.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2014-02-18 19:52:34 lakylucy
Voto medio 
 
1.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
2.0
lakylucy Opinione inserita da lakylucy    18 Febbraio, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

sono 2 gli autori?

Ho la netta sensazione che questo libro sia stato scritto da 2 persone ben distinte.
L'introduzione spiega comprensibilmente l'origine dell'universo, certo, nulla di nuovo, comunque una rinfrescata sul big bang fa sempre bene.
La parte al passato potrebbe anche essere interessante e abbastanza coinvolgente. Certamente ha dovuto raccogliere molte informazioni su luoghi e personaggi.
Ma la parte al presente......haimè ...è proprio pessima! Innanzitutto sembra scritta da un altro autore, anzi autrice. Mielosa, sempliciotta, banale. I 2 protagonisti li avrei presi e sbattuti fuori dalla porta da quanto recitano male la propria parte. L'uomo è un tontolone, ad esempio sembra che quasi non ha importanza che la propria casa è stata distrutta. La donna è ben chiaro sin dall'inizio che sta recitando e si dimostra sveglia solo quando deve descrivere protoni e neutrini.
Anche le spiegazioni fisiche possono essere interessanti, ma son cose che se uno non è un po' infarinato in materia, di qua entrano e di là escono.
E il finale poi.....no comment!
Ho chiuso il libro ed esclamato: bah! Meno male che l'ho noleggiato in biblioteca ;-)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Storie e leggende su Excalibur, Artù e Graal.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2014-01-27 15:53:17 eleonora di cuori
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
eleonora di cuori Opinione inserita da eleonora di cuori    27 Gennaio, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Glen Cooper vacilla...

Insomma, non saprei bene come definire questo libro... non e' al livello dei custodi della biblioteca ma neanche bello come gli altri...
I lati negativi sono molti: innanzitutto la storia d'amore e' asciutta e innaturale, i dialoghi, soprattutto verso la fine, noiosi e incapibili a meno di essere laureati in fisica, che non e' il mio caso.
I personaggi sono troppi, ed i nomi si confondono nella trama.
Il lato positivo come sempre sono i flash back, che danno un po' di movimento e originalità alla storia...
E comunque non ho capito la fine...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2013-12-04 18:52:34 saurafumi
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
saurafumi Opinione inserita da saurafumi    04 Dicembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Banale e superficiale

Sono del parere che il miglior Glenn Cooper lo abbiamo visto nei primi due libri, La Biblioteca dei Morti e Il Libro delle Anime. Forse anche La Mappa del Destino si può salvare. Tutto il resto, buio completo.
Dialoghi banali, degni di sceneggiature di serie B, storie superficiali, con colpi di scena introdotti senza il minimo approfondimento... sembra quasi che gli abbiano veramente chiesto di scrivere due o tre libri all'anno, dal modo frettoloso in cui lo fa...
Qui la ricerca del Graal sembra una cosa alla portata di tutti... della serie, uno si sveglia la mattina e oplà, oggi mi metto a cercare il Graal... un indizio, peraltro ben evidenziato nelle prime pagine, ma a cui il protagonista arriva dopo tre o quattro capitoli mentre io l'avevo notato subito (cavolo, allora forse è vero che mi ci posso mettere anche io a cercare il Graal... :-)), e il gioco è fatto. Le cose sono troppo semplificate e troppo sbrigative, per un argomento di portata molto più vasta come questo. E mi limito a parlare solo di questo libro.
Veramente, non capisco tutto il suo successo. Più che di fronte ad un autore di successo mi sembra di trovarmi di fronte ad un generico dilettante, con tutto il mio rispetto per loro.
L'ho ricevuto in regalo, ma di certo non spenderò più soldi per questo autore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il calice della vita 2013-11-12 19:28:01 corpocontroundente
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
corpocontroundente Opinione inserita da corpocontroundente    12 Novembre, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

che caduta di stile!

Non mi capita spesso di "stroncare" un libro,e la cosa non mi piace, ma questo ultimo lavoro di Glenn Cooper è davvero banale.
Storia trita e ritrita,personaggi mal delineati e azione che non decolla;ma dove è finito il Cooper della "biblioteca dei morti"?
Dove è finita la scrittura scorrevole ma precisa per mezzo della quale rimanevi letteralmente "incollato" alle pagine?
e soprattutto le idee?
Sembra un libro scritto da altri,è raffazzonato e inconcludente...ho fatto davvero fatica a finirlo,come se al buon Cooper qualche editore abbia imposto un ritmo da "1 libro ogni 6 mesi"...ma la qualità non va daccordo con simili politiche.
Coraggio Cooper,il prossimo lo compererò sul ricordo dei primi bei lavori...ma il pubblico raramente perdona simili cadute di stile!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri