Joyland Joyland

Joyland

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Estate 1973, Heaven's Bay, Carolina del Nord. Devin Jones, squattrinato studente universitario, decide durante le vacanze di accettare un lavoro in un luna park. Appena arrivato nel parco divertimenti, popolato da strani personaggi, Dev scopre che il luogo nasconde un macabro segreto: nella Casa degli Orrori si aggira infatti il fantasma di una donna uccisa quattro anni prima in modo decisamente macabro. Per guadagnarsi il magro stipendio, il ragazzo non dovrà soltanto intrattenere i bambini con il suo costume da mascotte, ma anche combattere il male che minaccia Heaven's Bay. E difendere la ragazza della quale nel frattempo si è innamorato.



Recensione della Redazione QLibri

 
Joyland 2013-06-13 11:04:22 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    13 Giugno, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla fiera del Re

Stephen King ha superato i sessant'anni e diciamolo, in questa seconda giovinezza la sua narrativa e' cambiata. L'horror di un tempo e' scemato, resta la fantasia e un non so che di macabro e un sorriso commosso. Sapete che vi dico ? Che anche per me il tempo e' trascorso e non avrei piu' la forza di sostenere il giovane King.
Ma questo sì, decisamente sì...
Pago il biglietto, varco la soglia, un cappellino stinto , zucchero filato e hot dog, salsedine e popcorn, eccomi qui , benvenuta a Joyland.

1973 Heaven's Bay , Carolina del nord, solleticato il litorale sabbioso dalla schiuma oceanica e dal vento frizzante. Alle spalle del mare ammicca Joyland, fascino decadente per un vecchio parco che non sta al passo coi tempi, ma vende improvvisazione, vende divertimento.
E il vento canta , suonando con dita invisibili la grande ruota panoramica.
Ogni vecchio legno pregiato ha il suo tarlo, il Castello del Brivido occulta un terribile segreto, una bella ragazza assassinata anni addietro sulle carrozze del tunnel buio e fresco.
Un bambino su una sedia a rotelle guarda il mare, sogna di potere succhiare tra le labbra sottili il suo spicchio di divertimento, Joyland gli fa l'occhiolino.
Si chiama Mike, lassu' sulla ruota ride e osserva il mondo da cinquanta metri e vola , vola in alto come un aquilone felice che si addormenta su sempre piu' su, sulle ali del vento.

Un romanzo che tiene ottima compagnia, si legge con estrema velocita' in un'abbuffata di scrittura linda, divertente e avvincente come da sempre ci ha abituati King. Ben poco horror, ma c'e' dell'altro.

Poi con malinconia arriva l'ultima pagina, ma l'ultima pagina arriva sempre.
Poi arriva l'ultimo giorno in cui ci si e' divertiti, ma l'ultimo giorno di divertimento arriva sempre.
Poi giunge l'ultima sera d'estate, ma l'ultima sera d'estate arriva sempre.

Ehi bello...per te tutto deve ancora cominciare quindi....
Benvenuto alla fiera, alla Fiera del Re. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
441
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 30

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (30)
Contenuto 
 
3.6  (30)
Piacevolezza 
 
4.0  (30)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Joyland 2020-04-26 06:59:38 Dario_
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Dario_ Opinione inserita da Dario_    26 Aprile, 2020
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando un luogo per bambini fa diventare adulti

Siamo di fronte ad un King più maestro di vita che dell'orrore.

Il ventunenne Devin Jones, universitario in bolletta col cuore spezzato, trascorre l'estate del 1973 in Carolina del Nord, ad Heaven's Bay, dove trova lavoro nel modesto luna park di Joyland, dove due anni prima è stata uccisa una ragazza all'interno del "Castello del Brivido", che da quel momento si dice sia stato infestato dal suo fantasma . Sarà un'estate di nuovi amici fidati, di nuovi amori, di crescita verso l'età adulta ma anche di terrore: Devin dovrà proteggere la donna di cui si è invaghito ad ogni costo.

Joyland è indubbiamente un'opera fuori dalle tipiche corde del Re, ma non per questo deve essere considerato di inferiore qualità. Tutt'altro. Necessita solamente di essere letto con un occhio che non si aspetta di venire terrorizzato, bensì di imparare, di crescere: Devin incarna la maggior parte dei ragazzi della sua età, ovvero un'eta di incertezze verso il futuro, di drammi inutili, un periodo in cui si ridefiniscono le priorità e si iniziano a ponderare in modo più profondo le persone.
E' proprio questo che fa il nostro protagonista nell'arco di tutto il libro, dove il thriller ed il tema investigativo fungono solo da contorno, anzi, da pretesto per crescere. E' infatti un libro molto incentrato sulle prime volte: le prime fantastiche, imbarazzanti e insostituibili prime volte.
Tutto ciò porta all'aspetto che ho amato di più in questo romanzo: l'atmosfera.
L'atmosfera creata da King è di pura magia, fatta di tanti piccoli sciocchi particolari che ti fanno viaggiare con la mente: una spiaggia, il mare, la brezza fresca, persone che vorresti avere davvero affianco nel tuo quotidiano, a cui ti affezioni e che ti spezzano il cuore quando giri l'ultima pagina e trovi il bianco di circostanza. Un'atmosfera estiva che ti fa commuovere, che puoi respirare.
Ma nonostante tutto non state troppo sereni...il plot twist colpisce basso e duro.

Personalmente ho amato questo romanzo perché mi ha emozionato, perché ha sempre saputo suonare le note giuste sia nel contenuto che nel modo di esporlo. Ciò che mi ha lasciato alla fine è quel raro e ricercato agrodolce che ti ammalia la mente.
Ho davvero apprezzato anche la brevità dei capitoletti, poiché riescono a dare un ritmo incalzante.


Voto unico dato nel complesso 9/10

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2015-12-06 01:20:06 Vita93
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    06 Dicembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prime dolci, nostalgiche, volte

Heaven’s Bay, Carolina del Nord. Estate 1973.
Devin Jones ha 21 anni, è uno studente universitario e per permettersi economicamente di iscriversi ad un altro anno accademico decide di trascorrere l’ estate lavorando a Joyland, un parco giochi vecchio stile lontano dalla mondanità dell’ emergente fenomeno Disney World ma ancora in grado di assicurare tanto divertimento.
Ed è così che mentre la fidanzata di cui è ingenuamente innamorato si trasferisce a Boston per quella che ha tutta l’ aria di essere una fuga più che una pausa, Devin si immerge nel magico mondo di Joyland tra nuove amicizie, bizzarri e originali colleghi di lavoro.
Joyland, lo stesso parco giochi che due anni prima era diventato famoso per essere stato teatro di un omicidio di una giovane ragazza, Linda Gray, il cui fantasma secondo la leggenda sembra sia rimasto intrappolato nel famigerato Castello del Brivido.

E’ bene chiarire che leggendo la trama di “ Joyland “, si rischia di aspettarsi un certo tipo di genere letterario quando invece il romanzo rappresenta tutt’ altro.
La componente thriller, vagamente horror, è marginale rispetto a quello che è l’ obiettivo di King, ovvero raccontare una storia. Più precisamente una storia di formazione, di come un ragazzo ventunenne nel corso di pochi mesi sia diventato un uomo.
E a raccontarci questa storia è lo stesso Devin, nel 2012, che in una sorta di diario ripercorre la magia di quell’ estate del 1973.
Nostalgica e struggente è la descrizione degli anni settanta dove imperversano jeans sdruciti, telefoni a gettoni, quando i The Doors e i Pink Floyd stanno per salire alla ribalta e i parchi giochi e le fiere itineranti attiravano ancora una moltitudine di pubblico, sempre combattuto tra stupore e vaga ambiguità.

E’ una storia di prime volte, tenere e dolci.
Il primo vero incarico lavorativo, la prima impagabile sensazione di indipendenza, le prime esperienze con il mondo femminile.
Nella retrovie, come un’ ombra minacciosa e allo stesso tempo irresistibilmente invitante, il fantasma di Linda Gray che chiede giustizia.

Anche per me la lettura di questa romanzo ha rappresentato una prima volta. E’ stato il mio primo libro di Stephen King.
E se da una lato la componente horror non sfrutta a dovere le potenzialità che un’ ambientazione come Joyland poteva offrire, dall’ altro ho divorato le 350 pagine ammirato dalla delicatezza e dalle mille sfumature che King dimostra di trasmettere quando scrive storie di formazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2015-08-23 12:56:03 evakant
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
evakant Opinione inserita da evakant    23 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se King avesse ancora le energie e l'ispirazione d

Poco tempo fa mi sono lasciata tentare e ho acquistato questo Joyland incuriosita dalla trama che prometteva un ritorno ai vecchi temi cari a King.
Una storia ambientata in un parco divertimenti americano dove la storia di un ragazzo si intreccia con un mistero, con un bambino dai poteri paranormali e altri temi cari a King come l’infanzia, la giovinezza perduta, l’adolescenza che si porta dietro le sue magie e i suoi dolori apparentemente insormontabili.

Devin Jones è un giovane studente universitario che per la stagione estiva decide di lavorare in un parco divertimenti per racimolare qualche soldo, parte con pochi soldi in tasca e triste perché ha la sensazione che non rivedrà più la sua ragazza Wendy che invece è partita anche lei per lavorare, ma altrove... e forse anche con qualcun’altro…
A Joyland Dev conosce il personale del parco, i suoi compagni/colleghi Tom ed Erin e stringe una profonda amicizia con loro, un’amicizia che durerà tutta la vita. Come sempre King è molto preciso e puntuale nel tratteggiare i personaggi che ruotano intorno a Dev, dagli inservienti del parco all'anziano proprietario Easterbrook.
A Joyland come in tanti luoghi c’è un mistero…il mistero della giovane che è stata uccisa all'interno del tunnel del terrore molti anni prima e il di cui fantasma pare infesti il parco, tanto che Madame Fortuna, una semi-ciarlatana (o forse no?) che predice il futuro poco lontano dal tunnel, ha paura anche solo ad avvicinarsi…
Le sparate di Madame Fortuna pare inizino ad avverarsi…Dev è molto perplesso e il suo amico Tom lo prende in giro…sino a quando vede il famigerato fantasma.
L’estate è agli sgoccioli, tutti i ragazzi stagionali se ne vanno, ma Dev deve rimanere, deve vedere il fantasma e decide di fermarsi lì un altro anno, una sorta di anno “sabbatico” dallo studio, anche un po’ per dimenticare Wendy.
Dopo poco tempo conosce due persone che cambieranno sensibilmente la sua vita: Ann e Mike Ross, madre e figlio, lui affetto da distrofia muscolare e prossimo alla morte, ma dotato di un “dono” paranormale.
La vita di Devin non sarà più la stessa e lo porterà alla ricerca dell’assassino della ragazza del parco (Linda Grey) aiutato anche da Erin che con le sue ricerche si avvicina alla risoluzione del caso.
Ovviamente non vi svelo il finale.

Questo romanzo è piuttosto breve, si legge agevolmente in 3-4 giorni e diciamo che è un po’ una macedonia dei temi classici di King:
• L’adolescenza come età perduta, età di grandi sogni e di grandi ideali
• Un ragazzino dai poteri paranormali: come in Carrie e molti altri romanzi
• Disabilità / disagio: qui è addirittura una malattia mortale, in IT era la balbuzie piuttosto che il non essere “popolari” tra i coetanei.
• Fanatismo religioso: il padre di Ann Ross è un predicatore, la mamma di Carrie era una fanatica religiosa.

In più possiamo mettere l’ambientazione un po’ diversa dagli altri lavori (sud Carolina e non Maine, anche se il protagonista ovviamente è del Maine) e la ricerca di un assassino in stile più poliziesco che thriller.

Come vedete la macedonia ha molti ingredienti, ben mescolati, ben assemblati ma solo accennati e credo che se King avesse ancora le energie e l’ispirazione di un tempo questo romanzo sarebbe stato lungo il triplo.

È godibile e ben scritto, piacevole e sicuramente un lavoro discreto, certo non è al livello di lavori passati e non è certo irresistibile, non rappresenta uno dei romanzi di King che bisogna assolutamente leggere, ma è gradevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2015-07-14 17:29:33 sonia fascendini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    14 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Luna park da quasi..paura

E' il 1973. Il costo della benzina e le crisi internazionali sono ben lontane dalla mente di Devin Jones. La sua Wendy lo ha lasciato. Il primo amore, quello che solo a vent'anni è così assoluto e insostituibile ha deciso che è ora di iniziare a camminare da soli. Il ragazzo d'impulso decide che quell'anno il suo lavoretto stagionale per finanziare l'università sarà in un parco diverimenti.
Tra pensieri più o meno convinti di suicidio lo accompagneremo in quell'estate che a detta dello stesso Devin gli cambierà la vita. Con lui entreremo nel mondo dei luna park: industrie che vendono divertimento. ci trasformeremo in Howie, ci incuriosiremo di fronte all'inevitabile fantasma del parco e ci commuoveremo per il non meno evitabile bambio malato.
Questo è un pò diverso della maggior parte dei libri di King. I personaggi sono sempre delineati con sagacia e precisione come piace a me. C'è una storia normale, che pian piano si trasforma in qualcos'altro, abbiamo il sovrannaturale e anche qualche incursione nella violenza. Trovo però che questi due aspetti siano più marginali rispetto a quanto succede in altri romanzi di King. Il centro è Joyland un parco divertimento un pò demodè rispetto alle multinazionali del divertimento. Al suo interno però si aggira una moltitudine di varia umanità che gli dà il fascino di ua vecchia signora con tante storie da raccontare.
Il finale anche se poco credibile, offre comunque una soluzione inaspettata al mistero che aleggia tra tutte le pagine del libro. In definitiva quindi pollice alzat anche per quello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-12-08 11:54:25 Yoshi
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Yoshi Opinione inserita da Yoshi    08 Dicembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

uno schifo e mi reputo offesa!

No, non si può leggere un libro di Stephen king e rimanerne delusi completamente!
Non si può neanche dare un voto oltre le due stelline perché questo libro FA SCHIFO!
Ma io mi domando: c'è qualcuno di quelli che ha letto questo libro che ha letto Shining? It? The Cell? Cose Preziose?
E proprio a voi domando: in questo libro c'è davvero la mano di Stephen king?
Potete davvero dire che è stato lui a scriverlo?
Secondo me no ed è per questo che do una stellina a stile/contenuto/piacevolezza.
Stephen King è noto per far entrare il lettore dentro alla psicologia di tutti i suoi personaggi, descrive le scene come se potessi realmente vederle materializzarsi li di fronte a te...
Questa schifezza è merito di un gosth writer, lui c'ha messo solo il nome!
L'idea del romanzo dell'orrore ambientato in un luna park era favolosa e il fatto che fosse stato scritto dal Re dell'incubo mi ha fatto credere che ciò che avevo in mano fosse un piccolo tesoro con cui passare qualche giorno in casa, sotto le coperte con una tazza di te caldo fra le mani.
Fino a pagina 288 si fa qualche breve cenno della ragazza uccisa nel tunnel dell'orrore e poteva essere affrontata alla S. King.
Orrore, angoscia, paura... Tutte cose che sono mancate all'appello!
Da pagina 288 in poi arriviamo davanti al tunnel dell'orrore, vediamo il cerchietto azzurro e scopriamo l'assassino che è ovvio fin dalle prime pagine! (SONORO SBADIGLIO!)
Mi dispiace ma non darò un voto alto solo perché si sta parlando di Stephen King o perché lui è il re indiscusso (faccio questa premessa perché so che ci sarà chi mi dirà contro!) ma sinceramente non posso leggere un libro del genere e consigliarlo o dargli un voto alto solo perché è famoso!
SONO SOLDI SPRECATI!
Da questo libro ho potuto captare una sorta di malinconia, uno strascico dei bei tempi e tante belle idee finite con un buco nell'acqua.
Non è il vero King.
Secondo me è un prodotto commerciale scritto da altre mani e sinceramente tutti i fan di King dovrebbero sentirsi offesi perché è una presa in giro bella e buona!
Sulla quarta di copertina c'è scritto "Chi ha coraggio di entrare nel tunnel della paura?"
A me piacerebbe rispondergli: Ho comprato questo libro per mettermi alla prova ma posso solo dire che il biglietto per entrare l'ho pagato caro ma di tunnel o fantasmi, neanche l'ombra!

p.s: Il caro protagonista "facciamoci seghe mentali sulla morosa che mi ha mollato senza darmela Dev" (scusate la volgarità ma per metà libro si parla solo di questo) è entrato si e no 3 volte in tutto il libro dentro alla famosa e inquietante attrazione e non è neanche dotato sesto senso!
Vi basta?
A me decisamente no!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-11-26 21:08:13 MariaL
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
MariaL Opinione inserita da MariaL    26 Novembre, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sono piccoli problemi di cuore.

Autunno 1973.
Devin, giovane studente saltuariamente lavoratore, sarebbe stato costretto a trascorrere interminabili e patetiche giornate nel vano tentativo di lenire le ferite lasciategli dalla prima delusione d’amore, se non gli fossero state aperte le porte di Joyland, letteralmente “Paese della gioia”.
Dapprima un impegno estivo, poi una promessa più seria fatta a se stesso.
Joyland sarebbe stata la sua cura, Joyland sarebbe stata la sua sfida.
L’elemento “horror” della storia viene introdotto senza troppi giri di parole.
L’enorme e luminoso parco di divertimenti, anni addietro, fu teatro di un macabro omicidio.
Una giovane fanciulla in compagnia di quel che si supponeva essere il suo fidanzato viene trovata morta nel Castello del Brivido.
Il suo corpo rinvenuto ai margini della rotaia, la sua anima vagante nel luogo che ha ospitato il suo ultimo respiro.
Anni dopo, il caso della fanciulla dal cerchietto celeste desta ancora la sua quota di curiosità.
Curiosità che attanaglia anche il nostro piagnucolone Devin.
Dopo una serie di indagini, di segnalazioni e di confronti, che coinvolgono anche un bambino sensitivo e la sua avvenente madre, si giunge all'assassino attraverso una banale intuizione.
Sinceramente, e personalmente, un racconto abbastanza scadente.
Alcune puntate di Don Matteo risultano essere più avvincenti.
Tra le note positive, accanto alla storia del il piccolo Mike dal destino tristemente segnato, vi è l’analisi dell’altalenarsi delle emozioni patite da Devin dopo la delusione d’amore. King dà speranza e strappa anche qualche sorriso lasciando intendere che la fine di un amore di per sé non è mai qualcosa di completamente negativo od insormontabile.
Per chi va incontro ad un periodo del genere è un buon libro.
Per chi vuole un thriller degno di essere definito tale e non un romanzo a tratti rosa a tratti “giallino” che cercasse altrove.

Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-11-14 20:22:48 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    14 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Brividi D’incanto

Siamo tutti stati in una Joyland. Alle soglie del regno delle meraviglie, palcoscenico per le luci dagli innumerevoli e sfavillanti colori, terra per strambi personaggi dalle stupefacenti e variegate fattezze e per creature fiabesche, che si librano nel loro mondo che sembra materializzarsi come disegnato dal pennello di un fantasioso e magico artista. Quel mondo fatto di divertimento e gioia con le sue macchine strabilianti, di paura e tensione con i suoi castelli stregati e le evanescenti presenze nascoste negli angoli oscuri.
L’aria è pregna degli squisiti odori di zucchero filato e degli hot dog, vibrante dei suoni soavi riprodotti da quei bimbetti estasiati, ed anche della soddisfazione di quei ragazzini cresciuti, ma più nel corpo che nell’animo.

E’ questo il mondo incantato di Joyland, partorito dalla eccellente penna di Stephen King, quel luna park che è stato un po' per tutti oggetto del desiderio e dello stupore dei nostri occhi di bambino.
Il mondo dei “bifolchi” è perfetto scenario per la piacevole storia che lo scrittore ci racconta e che coglie tante sfumature quante sono le sfaccettature del parco che la ospita, talune piacevoli e sfavillanti, altre tenui e dolorose.
E come ogni luna park che si rispetti ha la sua “ectoplasmica” leggenda celata nelle pareti dell’orrore, ogni storia, compresa quella di Joyland, ha il suo “mostro” da sconfiggere. E non è detto che il mostro e l’ectoplasma debbano sempre coincidere.
Stephen King ci porta a Joyland, tra le sue luci, i suoi profumi e i suoi afratti bui, raccontandoci una storia che valeva la pena raccontare, portandoci sulla cima della ruota panoramica, dove sovrastando questo mondo fatto d’incanto, seppur con le sue luci e le sue ombre, ci sembra davvero di volare.

“La gente pensa che il primo amore sia tanto dolce, e lo diventi ancora di più quando il legame si spezza. Conoscerete almeno un migliaio di canzoni pop e country sull’argomento, con qualche povero scemo dal cuore infranto. Ma quella prima ferita è la più dolorosa, la più lenta a guarire e lascia una cicatrice orribile. Che ci sarà di dolce...”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-10-11 10:56:37 Illary
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Illary Opinione inserita da Illary    11 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

JOYLAND

E' l'estate del 1973 quando Devin Jones, ventunenne disperato per essere stato lasciato dalla fidanzata, decide di trascorrere le vacanze estive lavorando nel parco di divertimenti di Heaven's Bay: Joyland...il luogo della gioia...
E fra le lunghe passeggiate in riva all'oceano, nuovi incontri e conoscenze, Devin imparerà "la parlata", il gergo del parco, e ad amare il suo nuovo lavoro.
Ma il Re non si smentisce e anche questa volta il brivido fa capolino: una previsione di Madame Fortuna, la maga del parco, lascerà intuire a Devin che nella sua vita sta per entrare un bambino molto speciale, che tutte le mattine lo saluta dal portico della sua villa sulla spiaggia.
E poi c'è il Castello del Brivido che nasconde un segreto: diversi anni prima una ragazza è stata sgozzata e gettata fra le spaventose attrazioni del Castello. Si dice che il suo fantasma sia rimasto imprigionato in quel luogo e qualche volta appaia, mai ai clienti.
Insomma, King non si smentisce e ci trasporta anche questa volta nel suo mondo, dove mistero e brivido si intrecciano mentre l'estate volge al termine e l'oceano si prepara ad accogliere la prima tempesta della stagione.
Un horror non particolamente spaventoso o profondo, con una bella ambientazione, che risulta comuque essere una piacevole lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-05-22 09:19:54 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    22 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devin cresce al sinistro luna park

In molti hanno accolto con entusiasmo questo nuovo romanzo del Re facendomi ben sperare, considerata la mia accorata militanza da fan di vecchia data.
Purtroppo mi sono trovato ben presto ad accogliere con decrescente trepidazione le peripezie del giovane Devin. La tensione è molto discontinua e il percorso di maturazione del protagonista poggia su basi che lo scrittore ha già sviscerato (e molto meglio) in altri suoi romanzi.
Comunque resta una lettura piacevole e agile, con figure amabili, a tratti anche commoventi, ed un' ambientazione stereotipata forse ma non utilizzata banalmente, in cui il macabro e l'allegro da sempre si fondono in qualcosa di magicamente ambiguo..
King riesce a plasmare secondo le sue regole narrative questo (non) luogo in un habitat quasi onirico, in cui sogni e incubi si affastellano senza soluzione di continuità, mettendo per la prima volta il protagonista davanti alle bellezze della vita, miscelate a quelle inevitabili paure più o meno giustificate.
In questo caso tutto inizia con un omicidio perpetrato anni prima, da cui poi si è generata quella che secondo opinione comune è solo una leggenda, Devin scoprirà suo malgrado che ogni leggenda ha il suo carico di verità. E dovrà rischiare parecchio per venire a capo del dilemma ben sospeso tra ghost-story e thriller classico.
Un King nostalgico come solo lui sa essere, anche ricattatorio ma in maniera mai sgradevole. Prende per il cuore il lettore, lo porta in spazi a lui congegnali e tra rimpianti, occasioni colte e sprecate, stille di vita assorbite fino in fondo e una consapevolezza quasi fatalista davanti all'imponderabile costruisce una storia disponendola secondo uno schema a lui più che congeniale, in cui sguazza che è un piacere.
Storia tutto sommato gradevole ma priva di folgoranti lampi di classe, ottima per il lettore neofita un po' meno per chi il buon Stephen lo segue da più di vent'anni conoscendone ogni malizia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Joyland 2014-02-06 16:51:04 cuspide84
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cuspide84 Opinione inserita da cuspide84    06 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

WELCOME TO JOYLAND

Benvenuti a Joyland, il parco della gioia come dice il nome stesso!

Qui troverete numerose giostre: le Tazze Ballerine, i Bolidi Infernali, il Muro del Tuono, il Delirio Cosmico, la Ruota del Sud, il fantomatico e pauroso Castello del Brivido e tantissime altre attrazioni, tra cui il mitico Howie, la mascotte del parco, la strega/zingara che vede/prevede/stravede il futuro, meravigliosi e colorati chioschi dove si vende di tutto, dagli hot dog allo zucchero filato, dai cancappelli ai cucciolotti golosi!

Insomma a questo parco non manca proprio nulla, c’è tutto quello che può servire a una famiglia di frollocconi per divertirsi in una calda giornata estiva!

Dev, narratore/protagonista di questa storia, ci racconta nei minimi dettagli della sua estate del 1973, anno in cui decide di guadagnarsi qualche soldo con un lavoretto stagionale che lo porterà nella terra della gioia e del mistero… già perché, al suo primo incontro con la suddetta zingara, gli sarà predetto che nel suo futuro ci sono una bambina e un ragazzino con un cane… quello che non gli è stato detto però è che oltre a questi ci sarà anche un fantasma in cerca di giustizia.

E così leggiamo con grande entusiasmo di questa divertente, calda, misteriosa e atipica estate vissuta nella Carolina del Sud, un pezzo di America battuto da venti che spesso si trasformano in uragani, dove se si guarda attentamente, si esatto proprio lassù, si può scorgere un aquilone volare alto nel cielo.

Un King decisamente diverso da quello che si è soliti leggere, il suo stile inconfondibile si sente anche in queste pagine, dove il divertimento si percepisce in maniera inequivocabile, dove tutto è descritto alla perfezione per non annoiare mai il lettore e spingerlo, ahimè, alla fine di questo libro… allora che aspettate??? Tutti alla Stazione Stellare!!! Il treno del divertimento sta per partire!!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri