La settimana bianca La settimana bianca

La settimana bianca

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

All'inizio, il piccolo Nicolas ha tutta l'aria di un bambino normale. Anche se allo chalet in cui trascorrerà la settimana bianca ci arriva in macchina, portato dal padre, e non in pullman insieme ai compagni. E anche se, rispetto a loro, appare più chiuso, più fragile, più bisognoso di protezione. Ben presto, scopriamo che le sue notti sono abitate da incubi, che di nascosto dai genitori legge un libro, dal quale è morbosamente attratto, intitolato Storie spaventose, e che, con una sorta di torbido compiacimento, insegue altre storie, partorite dalla sua fosca immaginazione: storie di assassini, di rapimenti. E sentiamo, con vaga ma crescente angoscia, che su di lui incombe un’oscura minaccia, quella che i suoi incubi possano, da un momento al­l'altro, assumere una forma reale, travolgendo ogni possibile difesa, condannandolo a vivere per sempre nell'in­ferno di quei mostri infantili.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 5

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.8  (5)
Contenuto 
 
3.4  (5)
Piacevolezza 
 
3.4  (5)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La settimana bianca 2021-01-21 18:02:47 Cristina72
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    21 Gennaio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noir imperfetto

“In seguito Nicolas cercò a lungo, ancora oggi cerca, di ricordarsi le ultime parole che gli aveva rivolto suo padre”.
Incipit impeccabile per un romanzo che, sebbene definito “il più perfetto” di Carrère, a mio avviso è ben lungi dall’esserlo, sia per più di un’incongruenza e inverosimiglianza, sia perché lo svolgersi dei fatti non si rivela all’altezza delle aspettative.
Se è vero che la trama non perde mai quota, mantenendo abbastanza vivo l’interesse del lettore, non mancano però momenti noiosetti, quando ci si sofferma un po’ troppo su sogni, incubi e fantasie del bambino protagonista, a suon di periodi ipotetici tirati per le lunghe.
E poi, c’è l’elemento non poco disturbante di una sessualità infantile sviscerata nei suoi aspetti fisiologici e psicologici (un sogno innocente ma farcito di evidenti connotati erotici, svariati riferimenti al membro maschile), tanto che viene più volte da chiedersi se certi dettagli siano davvero così necessari.
Viene spontaneo il paragone con “Io non ho paura”: anche lì un bambino “tradito” dalle figure di accudimento, anche lì personaggi delineati a tutto tondo, ma la grazia del romanzo di Ammaniti latita in questo, se si escludono le ultime, struggenti pagine.
Un noir discreto, tutto sommato, a tratti emozionante, ma niente di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La settimana bianca 2018-10-26 19:03:12 topodibiblioteca
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    26 Ottobre, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una settimana bianca da dimenticare

Avevo buone aspettative su questo romanzo ma a lettura ultimata credo di sentirmi parzialmente deluso. Non tanto dalla trama di per sè, che rimane la cosa migliore direi, grazie anche all'ottima idea di lasciare al lettore la possibilità di comprendere da solo l'intera vicenda senza dare spiegazioni dirette, ma piuttosto dal contorno troppo poco sviluppato, nonostante il potenziale a disposizione di Carrère.... a cui va comunque il merito di averci pensato.
Certe situazioni così interessanti da portare avanti infatti sono state appena accennate, lasciando un po' di amaro in bocca nel lettore (almeno a mio avviso). Mi riferisco in particolare ad alcuni temi di straordinaria importanza e così attuali ancora oggi ahinoi, come gli episodi di bullismo ai danni di Nicolas (a proposito veramente spaventosa la scena del "solo contro tutti" nella prima notte passata nella camerata con gli altri compagni di scuola nel cottage di montagna) , oppure sempre per rimanere in argomento, alla figura del ragazzino "capobranco" carismatico che lascerebbe così ben promettere e che poi si perde strada facendo, sfociando nel "gioco del detective" a cui si presterà, lasciandosi conquistare dalla fantasia galoppante dello stesso Nicolas.
Proprio la fantasia di Nicolas, la sua capacità di elaborare storie per sfuggire ai drammi del quotidiano ed ai problemi familiari così evidenti, sebbene assolutamente giustificate e coerenti come si potrà ben intuire al termine del racconto, hanno però il difetto di allungare un po' troppo il brodo, facendo perdere quel pathos, quel senso di inquietudine che invece una narrazione meno singhiozzante riuscirebbe a comunicare.

In definitiva però rimane una lettura gradevole, ultimata la quale ci si può interrogare sul perché Carrère, nel corso degli anni, abbia abbandonato questo filone romanzesco per dedicarsi invece a tutt'altro genere.

Indicazioni utili

Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i racconti del mistero, che lasciano addosso un senso di inquietudine.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La settimana bianca 2016-06-04 08:44:12 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    04 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Aspettando la tragedia...


Premetto che io sono particolarmente sensibile alle storie che vedono come protagonisti i bambini, mi coinvolgono e mi mettono in uno stato di "agitazione" non indifferente, ma in senso buono...nel senso che quando un libro mi suscita queste sensazioni vuol dire che ha fatto breccia nel mio cuore.
In questo libro viene raccontata una storia toccante ed intensa...in cui aleggia costante una sorta di "angosciosa attesa" della tragedia che incombe.
Nicolas è un bambino fragile, insicuro, che vive sogni popolati da incubi...e, come tutti i bambini, tende a "inventare storie"...ma questa volta la realtà ha superato la fantasia e si è "servita" delle sue storie apparentemente senza senso.
Un noir diverso dal solito...acuto, sensibile, profondo, ricco di riflessioni.
Sei portato a guardare tutto con gli occhi del bambino, a portarti addosso il suo disagio, il suo malessere, incapace di dargli un nome, un volto, ma percependo "il male" che opera indisturbato intorno a lui.
Carrère non si smentisce mai.
Sempre un gran bel leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La settimana bianca 2016-01-12 10:10:56 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    12 Gennaio, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Neve, attesa e rivelazione.

Nicolas non è un bambino come gli altri. Il fatto che arrivi allo chalet di montagna -dove passerà la settimana bianca coi suoi coetanei- accompagnato in auto dal padre, anzichè col pulmino preso dagli altri, e che il suo bagaglio resti nella vettura del genitore, è già sintomatico di una differenza significativa tra il piccolo protagonista e il resto del mondo.
Quel mondo a Nicolas non piace, preferirebbe nascondersi da esso. Il ragazzino è timido, introverso, insicuro; Carrère ne spiega i motivi con grande acume affabulatorio, sfruttando ogni parola per comporre un mosaico disperato in cui è palese la presenza del buio nella vita del piccolo, salvato, per il momento, solo dall'innocenza tipica dell'età.
Nemmeno il sodalizio con il simpatico animatore Patrick sembra poter portare sollievo. Nicolas, dopo essersi buscato una brutta influenza, spera di passare a letto tutti quegli interminabili giorni, se non fosse intrigato dalla sparizione di un bimbo del villaggio vicino.
Nicolas è intelligente, ama leggere, affascinato da storie inerenti situazioni spaventose. Mostri e orrori d'ogni genere si fissano nella realtà di tutti i giorni uscendo come per magia dalla pagine, rendendo più sopportabile, e al tempo stesso pericoloso, il suo "scontro" con il quotidiano.
Romanzo toccante e diretto, dalla scrittura essenziale, ma anche ben stratificato nella risoluzione del mistero e nella costruzione di quella che potrebbe essere l'imminente tragedia, "La settimana bianca" è un lavoro scandito dall'interminabile attesa. L'oculato affastellare dei fatti verso la verità permette d'avvertire immediata la distorsione, l'anomalia, il sentore del male senza poterlo individuare.
Carrère furbescamente gioca in sottrazione, offrendo una visione ad altezza bimbo cogliendone con efficacia gli aspetti più intimi tra paure, ingenuità e insicurezze.
A conquistare è la facilità con cui si entra in contatto con la debolezza del giovane protagonista, mai descritto con ricattatoria retorica, semplicemente come individuo incapace - non per sua colpa - di adeguarsi.
La comprensione dei fattori generanti il malessere è liberatoria ma da pagarsi a caro prezzo; la sofferenza del protagonista si fonde con quella dello lettore, finalmente sollevato dall'enigma ma oppresso dall'amara rivelazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
La settimana bianca 2015-03-07 17:07:17 Francesco
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Francesco    07 Marzo, 2015

L'idea del male

Non è tra i più bei romanzi di Carrère, ma proprio per questo ha un fascino particolare, è una chicca: breve e intenso, elementi diversi concorrono al risultato voluto dall'autore che li struttura ai margini della vera azione, di taglio allo scandalo. L'autore lavora sulla presa di coscienza della realtà esterna attraverso gli stimoli sensoriali di un ragazzino, li analizza mediante i processi cognitivi psichici dell'idea del male, con le persone più vicine alla sua sfera distruttiva, come in una tragedia greca. È una terribile storia. Già dalla copertina e dall'inizio del racconto si percepiscono la contrapposizione del candore del colore con la malattia la rappresentazione dell'orrore e l'ansia per Nicholas, inerme e indifeso ragazzetto di dieci anni depositario di terrificanti profezie. Ha paura e allo stesso tempo ha un'eccitazione emotiva per i suoi segreti che sembrano avverarsi, passando poi per la certezza della sua mente. È un bambino sfortunato, anche quando riceve da alcuni suoi compagni di classe atti di bullismo. È il finale, però, quello che lascia più perplessi, anche se Carrère punisce il ragazzino perchè innocente attribuendo a quest'ultimo la colpa del suo candore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il lungo addio
Il segreto di Inga
Le ombre
Il treno per Istanbul
Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
La casa nell'ombra
Trappola di sangue
Niente orchidee per Miss Blandish
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
Un delitto avrà luogo