Il maestro di blu Il maestro di blu

Il maestro di blu

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il maestro di blu, romanzo di Olivier Bleys edito da Piemme. Francia, XV secolo. Secondo la tradizione, ogni tintore è specializzato in un colore, e i segreti di quell'arte si tramandano di padre in figlio come una preziosa eredità. Il destino di Simon, figlio di uno dei tintori più noti, è il rosso. E mastro Lucas, suo padre, tutto potrebbe accettare fuorché lui diventasse un tintore di blu. Passi il giallo, che con il rosso è imparentato, ma il blu... Il blu è freddo, è il colore delle nuvole che portano la grandine, blu è la pelle dei naufraghi restituiti dal mare. E poi suo figlio è persino nato con il marchio di fabbrica, una macchia rossa sulla faccia. Ma Simon è attratto dal blu come da un moto di intimità. Un colore che nasce dal cielo non può essere tanto cattivo. E quando un giorno il destino mette sulla sua strada Joachim Fressard, commerciante di pastello, la pianta da cui si ricava il blu, Simon decide di seguirlo. Joachim però non è quello che appare, è un avido manipolatore, capace di qualunque cosa per il proprio interesse. Simon, accecato dall'ossessione per un colore e dall'amore per una donna, arriva a vendergli il suo talento e la sua anima. Quando, dopo centinaia di tentativi, avrà ottenuto il blu perfetto, Simon sarà costretto a fare i conti con un colore che conosce molto bene: il rosso sangue.

Nato nel 1970, Olivier Bleys ha pubblicato vari romanzi, tradotti in una decina di lingue, e vinto molti premi. Per Piemme ha già pubblicato Il mercante di tulipani (oltre 100.000 copie complessive vendute) e Il maestro di blu (vincitore in patria del Premio François Mauriac de l’Académie Française).

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il maestro di blu 2012-03-19 13:46:34 Lady Libro
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    19 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I'm on the Highway to hell...

Questo romanzo è l'Inferno, nel vero senso della parola, e l'autore potrebbe essere una sorta di "demone creatore" che non conosce mezze misure.
O c'è il bianco o il nero, altrimenti il nulla assoluto, perchè tutti i personaggi della storia sembrano usciti da un film horror: tutti cattivi, sadici e sempre subdoli e ingannevoli. E basta. Qualche altro lato della loro personalità non viene minimamente accennato, nemmeno un briciolo di benignità, risultando così palesemente vuoti e odiosi, senza nessuna introspezione psicologica.
L'unica eccezione è data dal protagonista che, a mio parere, è un personaggio insopportabile: piagnucolone, volubile e privo di volontà. La marionetta più marionetta di tutte, insomma.
Il romanzo sembra addolcirsi quando si narrano le sue peripezie, quand'ecco che il tutto sfocia in un linguaggio pomposo, smielato e altamente artificioso e ossessivo da cui non ci stacca più.
Di questo Inferno del quindicesimo secolo non si parla nemmeno un po'dell'ambientazione e del contesto sociale, propinando pagine e pagine noiosissime di tecniche di produzione della tintura e del colore, dell'amore fin troppo ossessivo e più che altro carnale del protagonista per una ragazza e per il colore blu, oltre alle innumerevoli malefatte e delitti del maestro di costui e di altri personaggi.
Il tutto è tristemente condito da una bella (?) dose di volgarità, cattiveria e violenza, con un lessico asciutto e sbrigativo.
Volevo fare un tuffo nel passato con questo romanzo storico, ma invece l'ho fatto involontariamente all'Inferno e grazie al cielo ne sono uscita.
L'ho trovato un libro pieno di malvagità gratuita, come se Olivier Bleys avesse voluto dimostrare qualcosa che si avvicina al termine "vanità, prepotenza, arroganza e un maligno senso di superiorità". Come se sapesse più cose lui del mondo meglio di chiunque altro. In modo negativo, ovvio.
Brutto. Un libro semplicemente brutto, che non consiglio affatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri