La sposa bambina La sposa bambina

La sposa bambina

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Villaggio di Cholapatti, India, 1896. Nella camera tutto è pronto per la prima notte di nozze. La piccola Sivakami siede sul letto. Ha solo tredici anni quando sposa Hanumarathnam. Così hanno deciso i suoi genitori. Da questo momento in poi nessuno si occuperà più di lei, ma sarà lei a prendersi cura degli altri, prima come moglie e poi come madre. Alla morte di Hanumarathnam, Sivakami è vedova, la condizione peggiore per la casta brahmanica di cui fa parte. Da adesso in poi deve rispettare le rigide regole che il suo stato le impone: tenere i capelli tagliati a zero, indossare il sari bianco, non uscire di casa, non avere alcun rapporto con il sesso maschile e non toccare nessuno dall'alba al tramonto, neanche i suoi figli. Sarà l'amore incondizionato di madre a spingerla ad agire e a prendere una decisione drastica, che influenzerà il destino di tutti loro in maniera sorprendente e inaspettata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.8  (6)
Contenuto 
 
4.0  (6)
Piacevolezza 
 
3.7  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sposa bambina 2020-08-14 07:04:24 SaRA8993
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
SaRA8993 Opinione inserita da SaRA8993    14 Agosto, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

TRADIZIONI COME MODO DI VIVERE

Attraverso una storia ricca di personaggi e di situazioni, dal romanzo si riescono a capire gli usi, i costumi e le tradizioni dell'India di ora e di allora. I personaggi, passati in rassegna per quattro generazioni, sono molto simili tra loro ma la protagonista, Sivakami, è quella che più si contraddistingue per il suo attaccamento alle tradizioni e alle superstizioni indiane (matrimonio combinato, credenza agli oroscopi, convinzione dell'esistenza diverse caste della loro religione) che non è riuscita però a trasmettere al suo figlio primogenito, che per questo motivo si allontana dalla madre con cui ha frequenti discussioni. Sino agli anni più pesanti della sua vita (la vecchiaia), Sivakami rimane ferma nelle sue convinzioni e nonostante i dispiaceri creati dalla figlia secondogenita, data in sposa ad uno scansafatiche che non la rispetta e le discussioni con il figlio, è rimasta coerente, simbolo di forza e determinazione, in grado addirittura di perdonare.
Nel complesso il libro è interessante con trama affascinante; l'unico difetto è la prolissità del testo e l'inserimento di numerosissimi termini indiani, tra cui i nomi propri dei numerosi personaggi, che posso no creare confusione nel lettore sino ad indurlo, qualche volta, a tornare indietro con le pagine per ricordarsi il grado di parentela di essi stessi. Lo stile è pieno di periodi molto lunghi, ricchi di punteggiatura. Un colpo di scena, quasi al termine e un lieto fine quasi per tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa bambina 2015-07-29 16:42:20 Sara
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da Sara    29 Luglio, 2015

Tradizioni come modo di vivere

Attraverso una storia ricca di personaggi e di situazioni, dal romanzo si riescono a capire gli usi, i costumi e le tradizioni dell'India di ora e di allora. I personaggi, passati in rassegna per quattro generazioni, sono molto simili tra loro ma la protagonista, Sivakami, è quella che più si contraddistingue per il suo attaccamento alle tradizioni e alle superstizioni indiane (matrimonio combinato, credenza agli oroscopi, convinzione dell'esistenza diverse caste della loro religione) che non è riuscita però a trasmettere al suo figlio primogenito, che per questo motivo si allontana dalla madre con cui ha frequenti discussioni. Sino agli anni più pesanti della sua vita (la vecchiaia), Sivakami rimane ferma nelle sue convinzioni e nonostante i dispiaceri creati dalla figlia secondogenita, data in sposa ad uno scansafatiche che non la rispetta e le discussioni con il figlio, è rimasta coerente, simbolo di forza e determinazione, in grado addirittura di perdonare.
Nel complesso il libro è interessante con trama affascinante; l'unico difetto è la prolissità del testo e l'inserimento di numerosissimi termini indiani, tra cui i nomi propri dei numerosi personaggi, che posso no creare confusione nel lettore sino ad indurlo, qualche volta, a tornare indietro con le pagine per ricordarsi il grado di parentela di essi stessi. Lo stile è pieno di periodi molto lunghi, ricchi di punteggiatura. Un colpo di scena, quasi al termine e un lieto fine quasi per tutti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa bambina 2015-06-20 20:26:34 LaClo
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
LaClo Opinione inserita da LaClo    20 Giugno, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Full immersion in India

Un romanzo accurato, ricco e molto preciso che trasporta il lettore direttamente nell'India di fine Ottocento. Le usanze, i costumi e le tradizioni sono approfonditi in maniera precisa e mettono in luce un aspetto dell'India legato alla tradizione, alla superstizione e all'intricato sistema degli oroscopi.

La protagonista Sivakami è il punto di partenza ed è anche il riferimento di una serie di generazioni che a partire dai suoi stessi figli popolano la casa. Fin da giovane è costretta a crescere, rimane vedova e deve confrontarsi con gli usi del paese che le impongono infinite regole da affrontare.
I due figli di Sivakami sono il punto dal quale si snodano due percorsi. Infatti Vairum si accosta a un modello moderno che rompe la tradizione mentre Thangam deve andare incontro a una tradizionale vita come moglie e madre e sarà proprio lei a portare avanti la discendenza con i suoi figli che verranno accolti nella dimora di Sivakami

Lo stile dell'autrice è adatto ad un romanzo di questa entità, infatti riesce sempre a mantenere l'interesse del lettore alto e sebbene i personaggi siano moltissimi riesce a dare un tratto caratteristico anche a quelli minori.

Interessanti gli sbocchi del romanzo che portano ad approfondire anche l'aspetto musicale della tradizione indiana attraverso la figura di Vani, talentuosa musicista mentre spicca la figura di Muchami che è il simbolo di colui che anela ad occupare una posizione migliore ma è consapevole delle regole e delle consuetudini presenti all'interno del sistema delle caste.

In conclusione l'opera si può definire in molti modi, è un romanzo storico, una saga familiare, contiene tutta la ricchezza della cultura indiana in un periodo di contrasti tra tradizione e modernità, contrasto che si rispecchia nelle vicende di tutti i personaggi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa bambina 2013-02-20 17:35:26 eleonora di cuori
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
eleonora di cuori Opinione inserita da eleonora di cuori    20 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

l'oro e la polvere di diamante

Questo libro è una bomba: è una realtà, che seppur in parte modificata dall'autrice, ci rende partecipi, ci immerge in un mondo, in un'epoca che noi non conosciamo.
Crediamo di conoscere gli eventi che la storia porta con sè, conosciamo le grandi battaglie e le grandi opere d'arte, ma non abbiamo la più pallida idea di com'era vivere a quei tempi.
E questo libro ci mostra quindi ciò che solitamente non vediamo, ci fa conoscere le persone che abitualmente non fanno sfoggio di sè e di cui non sappiamo nulla.
Questa è la storia di Sivakami, una donna, mai una bambina, che deve lottare, deve imporsi, deve scegliere, deve tacere, deve pregare, deve aiutare, deve nascondersi, deve amare.
E' la storia di una donna amante della sua cultura, rispettosa dei suoi dei e serva della sua casta.
Una casta che non può e non vuole tradire...
Ma la vita ci impone di compiere una scelta, una scelta tra i suoi due unici figli:l'oro e il diamante, la femmina e il maschio, il silenzio e la protesta, la segregazione e l'accoglienza,le tradizioni e la modernità.
E in una scia di eventi scopriamo la vera verità, cioè che tutto alla fine ha un prezzo, che la modernità può battere le tradizioni o viceversa, ma che comunque, in ogni caso, tutto ha un prezzo, il destino non può essere cambiato perchè è scritto nelle stelle o perchè la medicina ha dei limiti.
Vorrei mettermi sotto una quercia insieme a Muchami, colui che passa il tempo ad aspettare e che ritiene che il valore più importante sia la fedeltà, e ascoltare il suono di una vina...
Una vinia che suona una bambina, mentre il suo futuro suocero la guarda e decide se potrà diventare la moglie di suo figlio.

ps:il finale è stupendo:-)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri sull'india...
mille splendidi soli...
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa bambina 2011-09-12 14:35:27 mt
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
mt Opinione inserita da mt    12 Settembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le tradizioni vanno cambiate?

E' un'opera di fantasia ma maturata da testimonianze di storie vere: spose bambine che devono lasciare i loro sogni, i loro giochi, la loro infanzia,le loro fantasie per seguire le tradizioni del loro popolo.
India 1896 nel villaggio di Cholapatti la piccola Sivakami ha solo 13 anni quando sposa Hanumarathman guaritore ed esperto di oroscopi; dalla loro unione nascono due figli: l'enigmatica Thangan e il ribelle Varium.
L'oroscopo aveva annunciato la morte prematura di Hanumarathman per cui ora Sivakami deve rispettare quelle rigide regole che le impongono da vedova di....tagliare i capelli a zero, indossare il sari bianco, non uscire di casa,non aver alcun rapporto con il sesso maschile e non toccare nessuno dall'alba al tramonto...neanche i propri figli e, se ciò accadeva era sua premura lavarsi subito per purificarsi.
Sivakami attraverso tutte queste difficoltà e con l'aiuto di Muchami, riesce a crescere i suoi figli nonostante le imposizioni dei fratelli ai quali si è ribellata.
Sposa Thangan e fa studiare Varium nelle migliori scuole e con le migliori conoscenze che gli permetteranno di arrvare dove è arrivato.
Thangan e Varium sono l'una la tradizione, l'altro la ribellione...mentre Thangan vive una vita di sottomissioni e sofferenza silenziosamente...Varium sembra invece che faccia parte di un'altra generazione: la modernità.
Nonostante ciò sarà sempre lui a farsi carico e a sostenere sempre tutta la famiglia ma, per via di queste tradizioni per lui alquanto assurde, si allontana dalla madre la quale non ha più speranza di riabbracciarlo fino a che un giorno riceve una lettera che annuncia una sua visita.
E' una storia d'amore in conflitto con tradizioni difficili da trasgredire anche come madre verso i propri figli e per sé stessa ma ti fa comprendere che se il legame e saldo....difficilmente si spezza!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi è curioso e si appassiona ad usi e costumi....
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La sposa bambina 2010-09-28 14:27:26 rondinella
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
rondinella Opinione inserita da rondinella    28 Settembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che noia!

Avverto chiunque legga questa recensione che io sono giovane e potrei non aver capito qualcosa che ad altri non è sfuggito.
Mi ha lasciata piuttosto perplessa la trama dietro al libro, che non ho ritenuto molto affidabile (sembra un pò un prequel) , in quanto (io) non ho trovato tutti i riferimenti.

Il libro presenta l'India tra il 1850 e il 1950 circa, l'India di allora, alla ricerca dell'indipendenza e della libertà dagli inglesi.
E' un testo forse un pò difficile ma particolareggiato, le tradizioni, i cibi, i riti indiani vengono descritti in modo molto preciso, affinchè il lettore riesca a immaginarsi mentalmente tutto ciò che viene scritto, ma troppo spesso diviene pesante. Che noia!
Per non dire le vicende in cui sono coinvolti i vari protagonisti: sembrano spuntare un pò a caso i punti di vista dell'uno o dell'altro, è un pò ripetitivo e si passa da una storia all'altra in modo davvero poco interessante. L'unica cosa che pare coinvolgente è la mentalità in netto contrasto con quella occidentale; ma per il resto è un testo piuttosto piatto e dilungato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
chi è curioso delle culture orientali
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri