Tra cielo e terra Tra cielo e terra

Tra cielo e terra

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel 1904, i Clutterbuck lasciano l'Inghilterra e raggiungono Nairobi, e da lì la "terra imperiale" che Charles Clutterbuck ha comprato a buon prezzo. La terra si riduce a seicento ettari di macchia incolta e a tre capanne esposte alle intemperie. Data la vicinanza all'equatore, non esiste il crepuscolo. Il giorno diventa notte nel giro di pochi minuti. Due anni dopo, quando la macchia incolta ha quasi le sembianze di una fattoria di allevamento di cavalli, Clara, la moglie di Charles, compra un biglietto di ritorno per l'Inghilterra per sé e per Dickie, il figlio maggiore di cagionevole salute. L'Africa è troppo dura per lei, dice. Alla stazione di Nairobi bacia la piccola Beryl, rimasta sola col padre, e la esorta a essere forte. Beryl cresce libera nell'Africa indomita e selvaggia. A volte, quando è buio pesto, sguscia da una finestra aperta per raggiungere il suo amico Kibii, un ragazzino kipsigi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tra cielo e terra 2016-05-22 19:32:59 BeaBonheur
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
BeaBonheur Opinione inserita da BeaBonheur    22 Mag, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

CIO' CHE PUO' L'AFRICA

Spesso dimentichiamo da dove veniamo. Ci scordiamo cosa è stato l'essere umano e pensiamo di avere perso l'antica saggezza dell'uomo e del mondo per come era..una volta.
L'Africa è uno dei pochi luoghi sulla Terra che ha conservato la sua essenza nel tempo, tramandando il proprio essere per millenni. Quest'immensa cultura (o meglio, un crogiolo sterminato di culture), che non è altro che un unico spirito, sono giunti fino a noi con molte difficoltà, passando per la distruzione e la disumanità più assoluta.
Beryl ci racconta l'Africa e l'essenza del mondo antico prima che gran parte di esso venisse contaminato. La sua storia narra di tribù, di animi antichi, di usanze, di cose per lo più perdute.
Ma noi, noi tutti, proveniamo da lì: da una saggezza millenaria.
Una terra di passioni per una vita di passioni, quella di Beryl.
E ciò che ha provato a fare l'autrice è farcene arrivare un pezzettino. Farci sognare immaginando la vera Africa, i suoi paesaggi, la sua natura, i suoi animali, la sua grande anima. Tutto questo ha il profondo potere di calmarci, mentre nella nostra mente evochiamo ad occhi aperti un tramonto rosso africano o una migrazione di gazzelle in campo aperto, la calura insopportabile del giorno o il calore di un falò notturno con un canto in sottofondo.
Beryl, l'Africa, l'antico e il nuovo.. cosa altro dovrei dire?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tra cielo e terra 2016-01-06 04:25:39 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    06 Gennaio, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inizio d'Africa

Miwanzo in swahili significa inizio: sono convinta con Paula McLain che “ci sono cose che troviamo solo quando tocchiamo il fondo”p.371

Le atmosfere africane della Blixen sono recuperate e rinnovate in un romanzo storico eccellente che racconta la vita avventurosa di Beryl Markham. Ritrovo i Kikuyu e le canzoni swahili e i masai: l’Africa indomita e selvaggia degli anni ’20 è una persona che innamora, contiene, protegge e consente di osare.

Beryl viene al mondo selvatica e richiesta da un luogo che si sostituisce alla culla familiare. Per dodici anni, tutori e istitutrici non riescono nell’adattamento dell’anima libera della protagonista che continua a scontrarsi e a pagare con incomprensioni e amarezze la difficile relazione con il padre anafettivo e, più tardi, con Jock, marito miserabile e padrone. Allora, la scuderia si trasforma per Beryl in un’aula di apprendimento e di sperimentazione.

Donna energica e indipendente, abituata alla compagnia di uomini che e a vivere in una casa in cui , Beryl affronta viaggi, ricerche, professioni, luoghi sconosciuti e ostili. Ogni volta perde, ma impara la lezione.

A 21 anni, Beryl rimane incinta di Denys Finch Hatton, l’uomo amato e perduto della baronessa danese Karen Blixen. L’interruzione volontaria della gravidanza segna Beryl con dolore e la allontana definitivamente dagli uomini che mai si offrono il permesso e il privilegio di essere amati dalle donne intelligenti ed autonome. “…mi piacerebbe tanto sapere come starei da sola. Non essendo più la figlia o la moglie di qualcuno, intendo, ma padrona di me stessa.”p.147

L’Africa è larga ed è libera e Beryl si fa accudire dalla terra e dal cielo, rimettendosi al mondo, ogni volta. “Mi resi conto di non riuscire a tenere a bada nulla, ed era una delle cose che amavo dell’Africa. Il modo in cui ti invadeva senza posa, senza mai mollarti.”p.354

Sceglie e decide di sorvolare l’Atlantico e, in trentasei ore di vita, lascia la propria firma nel cielo. Duemila piedi sopra il livello del mare per consacrare il desiderio di vita, perché quando la passione è forte, per vivere, si può rischiare anche di morire.

Ngoma è la danza tribale dei giovani Kikuyu ed è un modo degno per decidere di ricominciare dall’intuizione, dal rigore del ritmo, dal corpo.

“Ho una mappa che traccia la rotta sull’Atlantico da Abingdon a New York, ogni centimetro di acqua ghiacciata che sorvolerò, ma non il vuoto che mi aspetta, né la solitudine o la paura… affronterò le perdite di quota e i vuoti d’aria che mettono sottosopra lo stomaco, perché non si può deviare la rotta dalle cose che ci spaventano. Non si può sfuggire a nessun aspetto di sé, ed è meglio così. Ogni tanto penso che solo le sfide riescano a forgiarci e a cambiarci… Impossibile per me compiere questa impresa e rimanere uguale a com’ero prima.”p.8

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La regina d'oro
Il botanico inglese
I demoni guerrieri
Storia di un fiore
Il prodigio
Notti al circo
La città fra le nuvole
La custode dei peccati
Barbablù
L'infermiera di Hitler
La saga di Vigdis
Partenza in gruppo
Il disertore
L'arte dell'henné a Jaipur
Il libro dei bambini
L'alba del mondo