Autunno Autunno

Autunno

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Elisabeth, ricercatrice trentenne presso l'università di Londra, torna nella cittadina di provincia dove abita la madre per stare accanto a un vecchio vicino di casa, Daniel, centouno anni, che trascorre in uno stato di sonno profondo quelli che sono forse i suoi ultimi giorni di vita; malgrado la differenza di età i due sono stati a lungo legati da un'amicizia strettissima, che si è bruscamente interrotta anni prima e di cui Elisabeth, al capezzale di Daniel, cerca di riannodare i fili. Fuori da quella stanza c'è poi un paese traumatizzato dal voto sulla Brexit, percorso dalla paura e dall'intolleranza; ma anche una donna di mezza età, la madre di Elisabeth, che grazie a una comparsata in un reality show trova l'amore dove non avrebbe mai immaginato di cercarlo. Primo romanzo di una tetralogia ispirata alle quattro stagioni, Autunno è costruito come un caleidoscopio di aneddoti, visioni, ricordi che ci fanno entrare in maniera sempre più intensa nella vita dei suoi personaggi. Lucidissimo nel ritrarre una società in crisi, e al tempo stesso carico di compassione e di speranza, è una meditazione sull'incontro con il diverso e sul potere trasformativo della creatività umana; un romanzo dalla voce ricca di echi letterari ma anche capace di parlare in maniera diretta alla nostra inquieta contemporaneità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Autunno 2018-08-06 07:55:38 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Agosto, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una malinconica precarietà

Ali Smith è autrice di cinque raccolte di racconti ed otto romanzi. Quattro volte finalista al Booker Prize, è un’autrice molto originale ed influente nel panorama della letteratura britannica contemporanea. Con Big Sur pubblica Autunno. Un libro che narra de:
“L’autunno dell’Inghilterra nel post Brexit.”.
In effetti questo libro è stato considerato come:
“il primo romanzo sulla Brexit e i suoi contraccolpi.”
E con questa menzione ha ottenuto una nomination al Man Booker Prize.
Il libro è composto da:
“voci che riecheggiano”:
una è quella del centenario ricoverato in ospedale, l’altra quella di una giovane donna trentenne inglese, imbrigliata, al pari dei coetanei, tra burocrazia e la cronica mancanza di lavoro, o della paura che il proprio lavoro vada scomparendo. Ma in questo prospetto può comparire un’insolita dolcezza, che mitiga il dolore e lo sconvolgimento della Brexit, mutandolo in malinconica accettazione. Il tempo scorre inesorabilmente in questo libro. Daniel ed Elisabeth, con i loro gesti, le loro parole, intessono un perfetto e profondo “inno alla vita”, che colpisce profondamente il lettore, con grazia e particolare raffinatezza. Un alternarsi tra poesia e racconto, con parecchi salti temporali di contorno, che coinvolgono ed appassionano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Autunno 2018-05-30 13:13:50 68
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    30 Mag, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il sapore immortale delle parole

…Era il tempo migliore, e il tempo peggiore. La stagione della saggezza e la stagione della follia, l’ epoca della fede e l’ epoca della incredulità; il periodo della luce e il periodo delle tenebre, la primavera della speranza e l’ inverno della disperazione. Avevamo tutto dinanzi a noi, non avevamo nulla dinanzi a noi….


Questa è la rappresentazione di una amicizia e di un amore sconfinati, che parlano una lingua comune, in grado di inventare delle storie da raccontare, ponendo, grazie alle parole, una distanza tra i protagonisti e quello che li circonda, un incantesimo che niente potrà spezzare.
È un legame forte quello tra Elisabeth, trentaduenne docente di arte a tempo determinato presso una università londinese e Daniel, centenario ex vicino di casa omosessuale alle cui cure è stata affidata dalla madre sin da bambina e con il quale è sbocciata una affinità che esula i confini spazio-temporali.
Oggi Daniel giace in un letto di una clinica, al limite della vita, ed Elisabeth dopo anni ritorna al paese natale per salutarlo, vegliarlo, condividere con lui i pochi momenti rimasti.
Ma questa è anche una storia di divisione, scritta all’ indomani del voto sulla Brexit che riporta il Regno Unito ad uno stato di isolamento decadente, imponendo e ponendo limiti e confini, un paese in mille pezzi in un’ epoca in cui ogni dialogo è finito, e la gente si dice delle cose e basta.
Amore, poesia, sogni, speranza, condivisione, parole sulle quali costruire una storia immortale, al contrario odio, silenzio, barriere, violenza fisica e verbale, ignoranza. Un sogno all’ interno di un incubo e viceversa.
Il tratto narrativo cavalcato vive la relazione tra Elisabeth e Daniel nella propria essenza, alimentata dai racconti che lei continua a leggere a lui dormiente, ricordando i momenti infiniti di dolcezza condivisa. Un dialogo imperituro, il riuscire ad inventare cose utili, divertenti, perspicaci e gentili, la forza smisurata del potere delle parole ed il sapere diventare altri.
Un rapporto fondato sui libri, indispensabile lettura del mondo, su esperienze e passioni comuni ( Pauline Boty, pittrice appartenente al movimento della Pop Art negli anni ‘60 )
Lo sguardo di Daniel passa dalla morte alla vita e dalla vita alla morte mentre continua a dormire, ma c’è qualcosa che ancora lo tiene in vita. Frammenti di conversazioni immaginarie, ricordi, scene lontane ma ancora vivide, perché …’nessuno sapeva parlare come Daniel e nessuno sapeva non parlare come Daniel “…
È possibile innamorarsi …” non di una persona ma dei suoi occhi e del modo in cui due occhi che non sono i tuoi ti permettono di vedere dove sei e chi sei..”. Alla fine quello che conta è…” la speranza che le persone che ci amano e che ci conoscono almeno un po’ ci avranno visti davvero per quello che siamo “…., anche se …” nella natura umana è radicato il non vedere cose che succedono proprio davanti ai nostri occhi “….
Le parole hanno generato magia ed incanto, Elisabeth si chiede chi sia realmente, a cosa serve un passaporto, quali le distanze, Daniel è un cittadino europeo e lei è semplicemente una persona che legge perché c’è sempre una storia da raccontare.
Primo romanzo di una tetralogia ispirata alle quattro stagioni, “ Autunno “ è un testo frammentario, che insegue brusii lontani ed interiorità sconfinate, in una alternanza di realtà e illusione, monologhi musicali, voci del silenzio e dialoghi del presente, con una forte vena poetica ma anche una precisa connotazione politica ed una critica alle storture di un popolo e di una classe dirigente che paiono avere smarrito quel senso dell’ essere così bene rappresentato e delimitato dalla forza includente e sterminata delle parole e dei racconti, veri e soli elementi di identificazione e condivisione.

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono corso verso il Nilo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri