Narrativa straniera Romanzi Estensione del dominio della lotta
 

Estensione del dominio della lotta Estensione del dominio della lotta

Estensione del dominio della lotta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il folgorante romanzo d’esordio di Michel Houellebecq. Trent’anni, analista programmatore in una società di servizi informatici, il protagonista di questo romanzo conduce un’esistenza indifferente. Il lavoro, i viaggi d’affari, le prigioni dell’amore e del sesso, l’assenza di qualsiasi sentimento che non sia di insofferenza verso se stesso, lo scivolare lento e inesorabile in uno stato di insensibilità dal quale sembra non esserci via d’uscita. In una lingua affilata e gelida, che più volte costeggia i territori di tragedie innominabili, Michel Houellebecq compone un romanzo epocale, una educazione alla non-vita, alla noia, all’indifferenza capace di segnare la generazione contemporanea come Lo straniero di Camus segnò i giovani del dopoguerra. “Su un muro della stazione Sèvres-Babylone ho visto uno strano graffito: ‘Dio ha voluto ineguaglianze, non ingiustizie’ c’era scritto. Mi sono chiesto chi fosse quella persona così bene informata sui propositi di Dio.”



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Estensione del dominio della lotta 2020-05-15 17:49:14 Almaier
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Almaier Opinione inserita da Almaier    15 Mag, 2020
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ben scritto

Il piccolo romanzo di Houllebecq mi aveva attirato per il titolo: impegnativo e sofisticato. In questo racconto l'autore descrive un pezzo di ordinaria vita di un informatico a metà carriera, spesso in visita presso i clienti dell'azienda per cui lavora, al fine di tenere corsi formativi e implementare i software commercializzati. Lo accompagnano colleghi sfigati ed emarginati cui lui riserva una vana ma tenera compassione. E’ un individuo disilluso, amareggiato, arreso, portato alla depressione da un'intelligenza cinica che non riesce a trovare un senso nella vita, anche dopo averne sezionato i pezzi con precisione chirurgica. Per questo la affronta in modo sfacciato, senza deferenza. Gli occhi del protagonista hanno una capacità di analisi profonda, soggiogata dalla banalità della vita che lo circonda in cui "*soprattutto resta l'amarezza; un'immensa, inconcepibile amarezza. Nessuna civiltà, nessuna epoca è stata in grado di sviluppare nell'individuo una simile mole di amarezza. Se occorresse riassumere in una parola sola lo stato mentale del nostro tempo*" e del racconto (ndr) "*senza dubbio sceglierei questa: amarezza*". Il capitolo 3 è una bussola che dà delle coordinate per la comprensione del titolo e del libro in cui si descrive il progressivo estendersi di una norma di sopravvivenza imperniata sulla lotta, la selezione sociale, economica e sessuale. Molto homo homini lupus hobbesiano. Nel breve passo delle 150 pagine si articola una struttura narrativa non banale: il libro a volte parla direttamente al lettore, per poi narrare la vita del protagonista e alternare la lettura di estratti di scritti socio-filosofico-zoologici redatti dal protagonista stesso. Il tutto tessuto con una scrittura molto curata: a volte asciutta, spesso ricca e sempre, sempre, cinica e disillusa; tanto da trascinare anche i diversi momenti di ilarità verso il baratro di un teso sarcasmo rassegnato. Una critica alla società liberista, alla legge del libero mercato, alla competizione spietata quale tessuto connettivo della nostra società che ha immolato alla sua causa le relazioni tra gli individui. E che lascia l'amaro in bocca. L'unico esito possibile, per una mente non banale e analitica, sembra la depressione e, l'unica alternativa al suicidio, se dotati di sufficiente modestia, una clinica per alienati. In cui anche scrivere è un'ulteriore motivo di sofferenza e condanna: "*Le pagine che seguono costituiscono un romanzo; cioè, chiarisco: una successione di aneddoti di cui io sono il protagonista. Questa scelta autobiografica non è effettivamente tale, e comunque non ho alternative. [...] La scrittura è tutt'altro che un sollievo. La scrittura rievoca, precisa. Introduce un sospetto di coerenza, l'idea di un realismo. Si sguazza sempre in una caligine sanguinolenta, ma un po’ si riesce a raccapezzarsi. Il caos è rinviato di qualche metro. Misero successo, in verità*". Come dicevo: ben scritto.
Richbar A.

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri