Narrativa straniera Romanzi Il potere del cane
 

Il potere del cane Il potere del cane

Il potere del cane

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Il potere del cane, romanzo di Thomas Savage edito da Ponte alle Grazie. Da pochi anni Thomas Savage è stato riconosciuto come una delle massime voci della letteratura statunitense contemporanea. Nei suoi romanzi il «vecchio West» si trasfigura: il paesaggio assume significati nuovi, entra nella trama caricandosi di metafore, mentre un raffinato scavo psicologico frantuma per sempre il cliché del cowboy leale e irreprensibile. Il potere del cane si svolge nelle pianure selvagge del Montana, a metà degli anni Venti. Due fratelli, appartenenti all’alta società locale, conducono da soli il grande ranch di famiglia: George, il più giovane, è un uomo semplice e arrendevole, mentre Phil, gelido e inflessibile, tiranneggia la proprietà. Malgrado le differenze i due hanno trovato un equilibrio, almeno finché George decide di sposare la vedova di un medico. La donna ha un figlio, un ragazzo delicato e sensibile, che al suo arrivo nel ranch suscita in Phil una profonda repulsione. Senza saperlo, George ha creato i presupposti del dramma che li travolgerà tutti e che porterà i protagonisti fino all’inesorabile, sorprendente epilogo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il potere del cane 2019-01-31 12:23:57 CRISTIANO RIBICHESU
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
CRISTIANO RIBICHESU Opinione inserita da CRISTIANO RIBICHESU    31 Gennaio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un mondo sconosciuto

Questo romanzo, quando fu pubblicato per la prima volta nel 1967, ebbe un considerevole successo. Attualmente è oggetto di riscoperta da parte dei lettori dell’America settentrionale, tanto da essere considerato un caso letterario. Tradotto e pubblicato da Neri Pozza l’anno scorso, mi è stato vivamente consigliato quando mi sono recato allo stand della casa editrice in occasione del Salone del libro di Torino.
Come spesso mi capita, non ho voluto leggere recensioni, né tantomeno il risvolto di copertina. Mi sono quindi avventurato tra le pagine del libro inconsapevole di ciò che vi avrei trovato.
Mi è difficile giudicare lo stile di scrittura e credo che molto dipenda dall’opera del traduttore. Mi limiterò quindi a esprimere la mia opinione sulla narrazione nel suo complesso.
Non ci si aspetti una storia avvincente, piena di colpi di scena, contorta o intrigante. In realtà, non capita niente di particolare in quelle sperdute e inospitali terre del Montana. Siamo negli anni venti e l’autore ci presenta i personaggi e l’ambiente che li circonda con semplicità. Svela pensieri, ansie, arroganza e ambizioni dal punto di vista dei protagonisti, evitando di schierarsi e giudicare il loro comportamento.
Gli abitanti di quei luoghi sono contadini, braccianti e allevatori che, inseguendo un sogno, hanno cercato fortuna nei territori sottratti alle popolazioni native e sono rimasti amaramente delusi, sconfitti.
In pochi sono stati in grado di trarre beneficio dai rari frutti di quelle aride lande, desolate e dagli inverni insopportabilmente gelidi. Attorno ad una di queste famiglie si dipana la trama del romanzo che preferisco non svelare. Ciò che si forma nella mente del lettore è un’opinione personale relativa alla condotta e al pensiero dei protagonisti, lentamente e inesorabilmente. L’epilogo potrà essere soddisfacente per alcuni e deludente per altri, com’è giusto che sia.
Si potrebbe accostare l’opera di Savage a quella di William Faulkner, considerandolo uno dei suoi eredi. Personalmente ritengo che sarebbe esagerato. Ho letto comunque con piacere il romanzo e sono felice di aver ampliato le mie conoscenze grazie ad esso. Sarei lieto di conoscere il parere di qualche lettore esperto, profondo conoscitore dell’opera di Savage e della letteratura contemporanea statunitense.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il potere del cane 2018-07-31 15:47:17 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    31 Luglio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intrigo sentimentale e verità personale

Per definire la dimensione letteraria di Thomas Savage in relazione a questo romanzo, pubblicato nel 1967, all’ epoca osannato dalla critica ma con scarso successo di pubblico, occorre rivisitare la vita dell’ autore, ascoltarne la voce e collocarla in quegli anni.
Scopriremmo che “Il potere del cane “ possiede una connotazione autobiografica, in primis nella ambientazione, un ranch in un’ area sud-occidentale del Montana e toni famigliari, i Burbank ed i personaggi di contorno nascono dalla sua infanzia, ed inoltre che l’ autore in varie interviste dichiarò di svolgere ben poche ricerche ma di affidarsi per lo più alla propria esperienza di vita, ai ricordi, alla immaginazione.
Di certo la vicenda dei fratelli Burbank, Phil e George, gli allevatori più importanti della vallata, plasmati dal proprio ranch e dal paesaggio circostante, fratelli che non hanno mai fatto parola dei propri sentimenti ed il cui rapporto non si basava sulle parole, richiama tutto ciò che Savage ha conosciuto e respirato, una certa complessità famigliare, una precisa identità, una tradizione culturale rurale, un passato ormai smarrito, segreti celati.
Da qui l’ intreccio narrativo, fatto di relazioni complesse, lutti, assenze, disgregazioni famigliari ed una certa fragilità emotiva presenti in tutta la sua opera e definizione di se’.
Se l’ elemento primario è un aspetto puramente descrittivo, semplice e chiaro, molteplici sfumature ne richiamano l’ essenza, illuminando un paesaggio interiore ricco e variegato, piuttosto sfuggente ed a forte impronta psicologica.
La vita di Phil e George, uniti da un legame di sangue, da sempre vicini ma antitetici, l’ uno brillante, l’ altro sgobbone, l’ uno magro, l’ altro grosso, l’ uno svelto, l’ altro lento, così diversi e complementari, costruisce una vicenda solo all’ apparenza lineare, nella quale si inserisce la figura di Rose, vedova e futura sposa di George e di suo figlio Peter, un ragazzo dalle strane movenze ed oscure profondità, attorno al quale verrà ricamato e sorprendentemente chiuso l’ intreccio letterario.
Se ad una lettura di superficie emergono scorrevolezza, equilibrio ed essenzialità, descrizioni paesaggistiche suggestive, con un ritmo asciutto da western privo di sentimentalismi, si vanno scoprendo complessità e profondità a delineare i personaggi e la propria ambiguità, una tensione psico-emotiva, un giuoco delle parti, per aprirsi ad uno psico-thriller ovattato dalle apparenze con temi solo accennati o nascosti ed estremamente delicati per l’ epoca.
Di che cosa stiamo parlando? Tra le pagine si parla di omosessualità, in quel periodo ancora argomento tabù, che riguarda Phil ed i propri desideri nascosti, bilanciati dal machismo della vita del ranch e da una certa omofobia che paradossalmente lo caratterizza, riparo dalla propria essenza.
Oltre a questo una denuncia della condizione disagiata e separata degli indiani d’ America, ghettizzati nelle riserve, e più in generale una attenta osservazione ed uno studio approfondito sulla condizione umana e la propria fragilità e sulla indubbia difficoltà relazionale che scava oltre le apparenze.
Emerge in modo chiaro il doppio animo del’ autore, dibattuto tra est ed ovest, scrittura e manualità, un passato perduto e segreti privati.
Non so se “ Il potere del cane “, come qualcuno ha sostenuto, sia il suo miglior romanzo, di certo è un buon romanzo, che si inserisce in una certa narrativa di quegli anni ma che nasconde tratti e peculiarità di indubbio spessore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il potere del cane 2013-08-29 09:12:33 Aster
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Aster Opinione inserita da Aster    29 Agosto, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libera il mio amore dal potere del cane

Poco noto al grande pubblico italiano, "Il potere del cane" di Thomas Savage si presenta come un romanzo interessante. La storia è ambientata nel 1924 in un ranch del Montana gestito da due fratelli: Phil e George Burbank, l'uno burbero, anticonvenzionale ed estremamente sicuro di sé, l'altro taciturno e riservato. Nonostante le evidenti differenze caratteriali, i due stringono un forte legame e trascorrono gran parte del loro tempo insieme, occupandosi del ranch e degli affari ad esso collegati. La vita scorre tranquilla ed invariata per anni, scandita dal ciclo delle stagioni e dall'allevamemento del bestiame; ma la monotonia è destinata ad interrompersi quando George decide di sposare una vedova e di portarla a vivere con sé nel ranch Burbank: da questo evento ha inizio un duro conflitto tra Phil, che vede minacciato il suo mondo fatto di certezze ed abitudinarietà, e la nuova padrona di casa. Le ostilità vanno verso esiti impensati e sconcertanti nel momento in cui un altro personaggio già incontrato comincia a trascorrere le proprie giornate nel ranch: Peter, il figlio adolescente della vedova.

"Il potere del cane" è raccontato in terza persona, ma l'attenzione si focalizza prevalentemente sulla figura di Phil e sul suo modo di vedere il mondo. Phil è il maggiore dei due fratelli, un uomo rispettato ed ammirato per il suo forte carattere rivoluzionario ed intimidatorio. Egli rappresenta la personalità incapace di sottomettersi alle convenzioni sociali e ad un sentimento di pietà e tolleranza nei confronti degli altri, spesso considerati inetti ed inferiori. Il suo atteggiamento però è la risposta a sofferenze ed inquietudini, a segreti che tiene a malincuore nascosti dentro di sé, pur cercando sempre di mantenere un contatto con i ricordi ed il passato. Nel libro trovano spazio anche degli episodi su personaggi secondari, le cui vite infelici si incontrano-scontrano inevitabilmente con quella di Phil, che è causa di ulteriori umiliazioni. Tra le varie apparizioni si conta anche quella di una tribù di indiani, costretta a vivere relegata in una riserva proprio in quegli anni. Il tema riguardante le condizioni riservate ai nativi americani non viene approfondito da Savage, ma dalle poche parole spese si percepisce la sua posizione critica verso il trattamento che essi hanno subito.

Il romanzo è molto scorrevole, scritto con un linguaggio essenziale, realistico e senza troppi giri di parole né virtuosismi: seppur semplice, non scade però nella banalità per quanto riguarda la caratterizzazione dei personaggi e la presentazione degli avvenimenti. La storia è sì ambientata nelle praterie poco contaminate degli Stati Uniti, con i paesaggi e gli animali parte integrante della narrazione, ma non si percepisce la mitezza della natura e di una vita spesa al passo con le trasformazioni dell'ambiente: al contrario l'atmosfera è malinconica e resa ancora più cupa dalla complessità e dall'irrequietezza dell'animo umano descritte da Savage. La storia riesce ad interessare tutto il tempo, fino agli ultimi atti in cui il ritmo accelera e la tensione aumenta, costringendo il lettore a non staccare gli occhi dalle pagine per giungere al momento dell'epilogo inaspettato. Unico difetto: avrei preferito che Savage fosse sceso ancora più in profondità nella mente di tutti i personaggi, caratterizzandoli in modo più convincente e memorabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.6 (4)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Tre passi nel delitto
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La lista degli stronzi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Clean. Tabula rasa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero della donna tatuata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli eletti
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Anche le pulci prendono la tosse
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terra Alta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il decoro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri