Narrativa straniera Romanzi In viaggio contromano
 

In viaggio contromano In viaggio contromano

In viaggio contromano

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di In viaggio contromano, romanzo di Michael Zadoorian edito da Marcos Y Marcos. “Diciamolo pure: mio marito e io non siamo di quelli che viaggiano per ‘espandere la mente’”. Proprio così, Ella e John sono due persone semplici. Nessuna vergogna a confessare che Disneyland, per loro, è una meta importante. Ci sono stati con i figli quando erano bambini. Ci vogliono tornare adesso che hanno ottant’anni, sono quasi bisnonni e sono pieni di acciacchi infernali. Hanno deciso di mollare la chemio, non drammatizzare sull’Alzheimer e regalarsi un grande viaggio: “Alla nostra età nessuno apprezza la leggerezza, proprio quando ce ne sarebbe più bisogno”. Attraversare l’America seguendo la storica Route 66: Illinois, Missouri, Oklahoma, Texas, New Mexico, California; una galoppata che sfiancherebbe chiunque. In barba a ogni cautela, a ogni divieto, decidono di fare del camper – un Leisure Seeker del 1978 – la propria casa ambulante. Lungo il percorso, ovviamente ne succedono di ogni. Più di una volta, i figli minacciano di farli braccare dalla polizia: “Dovremmo tornare a casa… perché? Più medicine? Più cure? Più dottori?” Un viaggio contromano il loro, fatto di cocktail vietati, hippie irriducibili, diapositive all’alba, malviventi messi in fuga e, perché no? anche un angolino di sesso. Un grande inno alla Strada: uno straordinario caleidoscopio in cui si mescolano ciò che si vede e ciò che accade; quello che è stato, quello che hanno amato, che ancora sognano...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
In viaggio contromano 2017-01-31 09:16:11 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    31 Gennaio, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

...qualcosa resta con noi fino alla fine.

"Temevo i commenti altrui. Passi la vita a preoccuparti di quello che penserà la gente, quando, in realtà, gli altri perlopiù non pensano a niente. Nelle rare occasioni in cui accade, è vero, di solito è qualcosa di brutto, ma almeno bisogna apprezzare che abbiano fatto lo sforzo di pensare."

Non è il libro che ci si potrebbe immaginare pensando all'ultimo viaggio insieme, dopo una vita condivisa, di un'anziana coppia. Non è un libro tenero, quasi mai.
Ella e John sono descritti come sono: due anziani dal corpo e dalla mente in disfacimento. In viaggio, ma quasi in fuga, alle prese con amnesie, malesseri, medicine, dolori e paura.
È un libro che non fa sconti e – per fortuna – non tiene ad essere "politically correct".
Ella, alle prese con le sue sofferenze, si arrabbia con il marito demente.
"Dio come lo odio quando fa così. Si litiga, ci urliamo addosso, e cinque minuti dopo è come se niente fosse. È tutto amore e coccole. Come la metti con uno che si dimentica di essere arrabbiato? Puoi farci qualcosa? Non puoi farci niente. Stai zitta e ti metti il cuore in pace.
Imbecille! ... sapere quel che dovresti fare è una cosa, tutt'altro paio di maniche farlo davvero."
Qualche volta lo prende a male parole. Però è sempre pronta a cogliere i piccoli sprazzi di lucidità che di tanto in tanto la malattia regala a John e a lei stessa. È un libro con molte macchie e patacche sui vestiti, capelli non ravvivati, cibi unti e quant'altro.
Ma quello che salta all'occhio, ed è il filo conduttore del romanzo, è la dignità che dovrebbe essere accordata alle persone e che – in questo caso, ma sempre più spesso – si è costretti a prendersi con la forza e contro tutti. Contro chi ti ama (i figli, in questo caso), contro chi si è arrogato il diritto di dirti non solo come devi vivere, ma anche come devi morire.
Viviamo, purtroppo, in Italia e qui la situazione è anche peggiore.
La morte non si può neppure nominare, figurarsi decidere le condizioni in cui arrivarci, e quant'altro. Perché non sarebbe dignitoso. Non so di quale dignità parlino quelli che si riempiono la bocca delle "non dignitose" scelte altrui e non lo voglio sapere.
Penso che la dignità sia attribuire agli altri il libero arbitrio che desideriamo per noi.
Decidere per sé stessi.
In qualità di esseri umani senzienti.
Mi ritrovo in John che, di fronte all'amico di una vita che si spegne, completamente demente, in una casa di riposo, si procura una pistola.
Ahimè il destino si burlerà delle precauzioni di John e costringerà Ella a fare il lavoro sporco.
Sporco, ma anche giusto. Vero e necessario.
Ed Ella lo fa come un novello Cirano, che, al momento fatale, non omaggia Rossana, ma la sua libertà, il suo pennacchio.
Ella omaggia la sua vita con John e la ripercorre. Senza farsi abbagliare da facili consolazioni, o conversioni finali ["John (…) è perfettamente in grado di collegare l'elettricità. Lo osservo con attenzione, prima o poi potrei doverlo fare io. Se peggiora nel corso del viaggio, toccherà a me. Sempre che io non accolga Gesù come mio salvatore, nel qual caso potrebbe farlo lui."].
La ripercorre con i fantasmi del passato, (amici morti, bambini piccoli), con piccole meteore del presente (i motociclisti tatuati, la giovane coppia con la bambina piccola), con John. Che ogni tanto torna in scena ed altrettanto frequentemente ne sparisce. Però insieme. In qualche modo.
La ripercorre fino a prenderne congedo, quello sì, in modo tenero.
Perché la dignità e la razionalità possono anche essere tenere. Oltre che giuste.

“Lo so che niente dura, ma anche quando ti rendi conto che qualcosa sta per finire, puoi sempre voltarti indietro e prendertene ancora un po' senza che nessuno se ne accorga.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

In viaggio contromano 2013-09-26 08:05:53 C.U.B.
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    26 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il canto del cigno

Se la vita ci appartiene, noi vogliamo scegliere il colore della nostra tomba. Giallo, rosso, arancione e verde, blu e viola bianco e rosa. La tingo di te, la tingo di me, la tingo di noi due che da soli siamo poco meno che morti, ma insieme siamo una persona , amandoci ancora, come in tutta una vita. 

Ella e John sono una coppia di sposi ultraottantenni, genitori, nonni, un passato di viaggi in camper.
Entambi debilitati, John soffre da alcuni anni di una malattia senile che, salvo rari momenti di lucidita' , gli ruba la memoria. Ecco allora che i problemi di Ella passano in secondo piano, c'e' un marito di cui occuparsi, ci sono momenti da riassaporare, c'e' ancora un viaggio da fare, insieme.
Perche' c'e' solo una cosa che li terrorizza : l'idea di vivere l'uno senza l'altro.
Se nulla dura e ti rendi conto che quanto di bello hai avuto sta lasciandoti, nessuno puo' impedirti di voltarti e prenderti un altro pezzo di quella felicita'. John sa guidare ancora benissimo ed il piccolo vecchio camper non teme l'asfalto : Michigan, Indiana, Missouri, Kansas, Oklahoma, Texas , New Mexico, Arizona , California, Disneyland. Un lungo viaggio di due nonnini attraverso gli Stati Uniti, con una buona scorta di junk food e medicine, battendo la mitica Route 66, rivivendo le emozioni di tanti anni prima.

Priva di intrecci scorre lineare e rapida la scrittura, tanto semplice e rilassante da poter soddisfare anche  bocche munite delle sole gengive, il libro e' inevitabilmente buffo, commovente e drammatico allo stesso tempo. Come del resto la vecchiaia, che rende gli adulti un po' bambini, che rende il mondo troppo complicato. 
Una bellissima storia d'amore di un uomo e una donna che hanno un gran pregio, quello di saper mantenere le promesse, costi quel che costi, quel "per sempre" per qualcuno grazie a Dio non perde il suo peso, mai.
Un filo di dolcezza srotola la storia riavvolgendosi in un gomitolo di tenerezza e lacrime che dalla gola sale agli occhi, dagli occhi alla gola e di Ella e John chi si dimentica piu'.

Bellissimo, buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
320
Segnala questa recensione ad un moderatore
In viaggio contromano 2013-08-19 13:01:05 LaMarta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LaMarta Opinione inserita da LaMarta    19 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'esatto significato di "Per sempre"

Quando ripenso a questo libro mi viene in mente la tenerezza.
E romanticamente penso che il significato della parola "per sempre" in un matrimonio si riassume nella storia dei due protagonisti, e in ciò che vivono.
La scrittura è scorrevole ed è un piacere "viaggiare" per tutta l'America con due vecchietti del genere!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
In viaggio contromano 2013-08-19 08:53:06 gracy
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    19 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sentimenti ed emozioni in salsa vintage

“Non siamo mai stati i tipi che viaggiano per espandere la mente. Abbiamo viaggiato per divertimento.”

Ella e John sono sposati da quasi sessantanni, hanno vissuto una vita tranquilla senza tanti slanci, hanno avuto due figli e a sua volta dei nipoti, hanno raggiunto una certa età anagrafica e inevitabilmente anche gli acciacchi con un certo grado di gravità invalidante, Ella ha un tumore e John ha un principio di demenza. Ella fa un resoconto della loro vita di coppia e le affiorano i ricordi delle volontà del marito di non finire i suoi giorni in un ospizio e sopratutto emerge la personale consapevolezza di essere sulla terra senza un motivo particolare se non di volere stare nella sua casa assieme ai suoi cari fino alla fine dei suoi giorni.
Ella è la voce narrante ed è lei che sfida le restrizioni e i divieti dei figli e dei medici che sconsigliano il viaggio che vogliono intraprendere, da Detroit, nel Michigan, dove Ella e John sono sempre vissuti, attraverso l’Indiana, l’Illinois, il Missouri, il Kansas, l’Oklahoma, il Texas, il New Mexico e l’Arizona per terminare ad Anaheim, in California, precisamente la tappa finale è Disneyland a bordo del loro vecchio Leisure Seeker. I nomi degli Stati sono anche i titoli dei dieci capitoli che finiscono quando ormai si arriva al capolinea dopo tante avventure e disavventure con un finale a sorpresa.

Percorrere la Route 66 per i due stravaganti vecchietti diventa un itinerante viaggio fatto di ricordi che si ripercorrono attraverso vecchie diapositive che proiettano la sera durante le loro soste, mangiando cibi unti e bevendo cocktail e birre, coinvolgendo o schivando altri viaggiatori, ladri, curiosi, poliziotti, sottolineando la bellezza dei tramonti, la desolazione del deserto e dei monti, i dettagli dei panorami e delle persone.
Una sfida contro la vecchiaia, contro la malattia, un viaggio contromano a tratti divertente e buffo, realistico, lento, profondo e romantico. Non esistono momenti perfetti, una sfida che Ella elabora con coraggio, come mezzo per riscattare la libertà dalla alienante vecchiaia e malattia contro ogni angoscia e paura.

“Solo se smetti di pensarci, se ti dimentichi di guardare, il tramonto arriva.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri