La panne La panne

La panne

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Quattro pensionati – un giudice, un avvocato, un pubblico ministero e un boia – ammazzano il tem­po inscenando i grandi processi della storia: a So­crate, Gesù, Giovanna d'Arco, Dreyfus. Ma è certo più divertente quando alla sbarra finisce un impu­tato in carne e ossa: come Alfredo Traps, viag­gia­tore di commercio, che il fato conduce un giorno al­la villetta degli ex uomini di legge. La sua auto­mobile ha avuto una panne lì vicino, ma lui non se ne rammarica, anzi: pregusta già il lato piccante della situazione. Si ritrova invece fra i quattro vec­chi signori simili a «immensi corvi», che gli il­lu­strano il loro passatempo. Traps è spiacente: non ha commesso, ahimè, nessun delitto. Niente pa­u­ra, lo rassicurano, «un reato si finiva sempre per tro­varlo».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (6)
Contenuto 
 
4.2  (6)
Piacevolezza 
 
4.8  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La panne 2019-12-07 13:00:45 DanySanny
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    07 Dicembre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'inferno giocoso delle possibilità

Due problemi mi appassionano molto: l’impossibilità del vero e la fallibilità della giustizia, le due facce di uno stessa medaglia che tentiamo di leggere per rispondere alla domanda: "cos'è l'essere?". La domanda può sembrare lontana dal testo di Dürrenmatt, ma scaviamo più a fondo a partire dalla massima nietzschiana “il fatto è stupido, tutto è interpretazione” e dalla sua evoluzione in Heidegger, “più in alto della realtà c’è la possibilità”. Nel momento in cui il dubbio sostituisce il pensiero come elemento fondativo dell’essere, la realtà delle cose è una parentesi di impossibile definizione. Certo il tavolo esiste, il gatto miagola, l’omicida ha sparato, ma tutti questi eventi, se non interpretati, non significano nulla. E poiché ogni interpretazione è la propria interpretazione, ne segue che l’oggettività del reale è impossibile.

Ora veniamo a questo romanzo, breve e brillante. La panne che inaugura la storia è in fondo l’aprirsi di diverse possibilità: il protagonista potrebbe scegliere di tornare a casa in altro modo, di dormire in una locanda, ma alla fine decide di chiedere asilo nella villa di un vecchio e corpulento signore. La panne è già qui l’irrompere del principio di casualità nella vita e quindi il motore di nuove possibili interpretazioni. Ma se è il caso a decidere tutto, allora la terra è muta del segno del destino e ancora più solo l’uomo nel suo incedere. Ora siamo nella villa, i vecchi si sono moltiplicati, sono quattro, tutti uomini di legge o legati alla legge, attualmente in pensione, che si divertono a rievocare i famosi processi della storia e a pronunciare condanne, assoluzioni , con un divertissement che ambiguamente oscilla tra l’ingenuo e il crudele. Quando capita, a processo viene chiamato un ospite di passaggio e allora il divertimento dei quattro cresce ulteriormente. Eppure il nostro protagonista, prima dubbioso e poi sempre più divertito, si professa innocente e il lettore davvero gli crede. Quando però tra portate pantagrueliche e bevute trimalcioniche (il Satyricon di Petronio non è un modello troppo distante) l’interrogatorio amicale prende piede, forse il nostro protagonista non sarà più così innocente. Forse ha commesso un delitto, forse è davvero un assassino, forse davvero ha premedito le mosse per l’ascesa economica. Eppure prima si era professato innocente. Il fatto è che, nel mondo del dubbio, i fatti sono stupidi ed è solo la ricostruzione a posteriori degli eventi, la loro interpretazione, che conferisce loro un senso. E la giustizia, che è in fondo ricostruzione di testimonianze, non è altro che un’interpretazione, ovvero una possibilità che può decidere anche della vita e della morte di qualcuno.

Fin qui "La panne" di Dürrenmatt sembra una riflessione quasi filosofica sulla verità e sulla giustizia, mascherata da una cena tra vecchi e portate meravigliose, anche divertente, quasi una commedia (e in effetti "La panne" è stata anche portata a teatro e al cinema, se pure talora con finali diversi perché, indovinate, il finale è una possibilità). Accade qualcosa di simile a quanto avviene in “Espiazione” di McEwan, in cui è l’interpretazione errata di un fatto a generare la catastrofe. Tuttavia il libro è anche una cruda riflessione sull’uomo, sulle leggi inappellabili che lo guidano. Con una svolta simenoniana, l’idea di un delitto, l’idea di un fatto tanto straordinario, può anche essere l’ultimo appiglio di un uomo altrimenti mediocre per sentirsi davvero vivo. E allora anche l’io, l’io che sa quello che ha fatto, può essere stupido e aprire se stesso allo spazio pericoloso delle infinite possibilità, come a dire che anche la confessione, il trionfo della giustizia, è stupida. E dunque sintetizzando, in 87 pagine Dürrenmatt racchiude più psicologia e filosofia che interi trattati, ma più di tutto è sublime la grazia narrativa, la trama ingegnosa, la trasfigurazione in storia dei concetti. Perché qui, davvero, l’ispirazione è sempre all’altezza del pensiero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

La panne 2018-04-21 05:11:22 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La giustizia in pensione

Nella forma breve del racconto che raggiunge le vette della perfezione espressa in sintesi, Dürrenmatt è capace di dare vita ad una precisa poetica, non solo quella legata al tema suo più caro e ricorrente, la giustizia appunto, ma anche ad una precisa idea di letteratura, regalandoci al contempo un’amara riflessione sulla vita e sul caos che la domina.
Lo scritto rapisce subito il lettore con la riflessione iniziale sulla scrittura ancora possibile, sulle storie che ha senso ancora raccontare, laddove l’autore non volesse attingere ai filoni che tradizionalmente vengono percorsi e calcati. È possibile una storia trascendendo il racconto con allegata generalizzazione lirica del proprio Io? insomma quando uno scrittore non vuole parlare di sé allora non c’è più nulla da raccontare? O è ancora possibile farlo e con fatica, facendo emergere un “mondo di panne”?
L’avvio narrativo è infatti rappresentato proprio da una panne che obbliga il commesso viaggiatore Traps a fare una sosta involontaria lungo il tragitto della sua vita, una sorta di deviazione standard. Si ritrova ospite di un vecchio giudice che con altri tre amici, tra pasti luculliani e robuste bevute, è solito trascorrere le serate inscenando celebri processi della storia in pieno ossequio al cerimoniale, alla dottrina, ai codici, con l’unica variante che concede alla giustizia pubblica di trasformarsi in giustizia privata con intento puramente ludico e introducendo la pena di morte…
Traps così, in un crescendo di rivelazioni, si ritrova ad assolvere pienamente il ruolo di imputato con a carico un’accusa di omicidio. “Il giuoco minaccia di divenire realtà” … ora è possibile far trionfare la giustizia. In un climax ascendente sempre più teso il lettore è catapultato verso la sentenza mentre registra in Traps una metamorfosi che dal divertito stupore iniziale lo conduce al pieno assolvimento del suo compito del perfetto imputato: egli ha certo una colpa, non era affatto consapevole, e solo in virtù di essa e della relativa idea di giustizia può avviarsi alla giusta espiazione capace di infondere senso al suo vissuto.
Magistrale racconto che cova nell’assurdo il caos della vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La panne 2017-10-01 14:02:32 Chiricaz
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiricaz Opinione inserita da Chiricaz    01 Ottobre, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

se la fantasia prende il sopravvento sulla realtà

Nessuno è mai innocente, un crimine -in qualche modo- DEVI averlo commesso. Crederai a quello a cui vuoi credere, a quello che gi altri vogliono farti credere, sei facilmente convincibile e non sei in grado di sopportare una condanna più pesante di quello che ti aspettavi, di quello che ti sei mai immaginato di aver commesso.
L'imputato si dichiara colpevole, sa di non aver commesso alcun crimine se non l'adulterio con la moglie del suo superiore -se si può chiamare crimine- eppure confrontandosi, durante un gioco, con un giudice e un pubblico ministerò, finirà egli stesso per dirsi colpevole, perchè 'non vi è nulla di più alto, di più nobile, di più grande del momento in cui un uomo viene condannato a morte'. Allora l'imputato voleva solamente sentirsi un uomo o si è pienamente convinto di aver commesso un reato e di sentirsi in dovere di confessare?

Questo libro di Durrenmatt del 1986 e pubblicato da Adelphi fa riflettere su quale sia la verità di ogni situazione in cui ci troviamo. Non è tutto completamente soggettivo? Se un uomo finisce per dichiarasi colpevole quando sa di non aver alcuna colpa, non siamo tutti delle pedine in mano alle persone che ci stanno vicino? Potremmo anche noi, immedesimati nel signor Traps, fare la sua fine?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
La panne 2016-12-30 13:51:35 lapis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    30 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Qual è la tua colpa?

C’era una volta un mondo in cui i fili del destino venivano sapientemente manovrati dalla provvidenza che, a chi aveva fede e speranza, poteva offrire la consolazione di un disegno divino di giustizia. E poi c’è il mondo proposto in questo racconto di Friedrich Durrenmatt, un mondo in cui giustizia, coscienza e destino sono affidati a un mero incidente casuale. La panne.

Un problema meccanico all’automobile costringe il rappresentante tessile Alfredo Traps a chiedere ospitalità nella casa di un anziano uomo di legge, ormai in pensione, che si diletta insieme a vecchi colleghi del tribunale con uno strano passatempo, il gioco della giustizia. I quattro anziani si divertono a esercitare le loro antiche professioni, inscenando vecchi processi e rielaborando sentenze senza seguire i codici, i cavilli e le formalità che asfissiano le aule giudiziarie, ma basandosi solo sull’indagine e la conoscenza dell’animo umano.

Vuole, Alfredo, inscenare la parte dell’imputato?
Ne sarei onorato, ma purtroppo non ho alcuna colpa da offrirvi.
Nessun problema, un reato si finisce sempre per trovarlo.

Mentre sulla tavola scorrono pietanze luculliane, grasse risate e fiumi di ottimo vino, Alfredo si vedrà protagonista di un vero e proprio interrogatorio che, come una rivelazione, lo porterà a una nuova scoperta di sé, a una nuova lettura della sua vita meschina di loschi affari, imbrogli e adulteri. Il confine tra desiderare e fare, immaginazione e verità, innocenza e colpevolezza diventa sempre più flebile, per Alfredo e per tutti noi, che non possiamo che continuare a chiederci, una volta terminata l’ultima riga: “Chi fra di noi può dire di conoscere se stesso, i propri misfatti, le proprie colpe più segrete?”

Un piccolo gioiello letterario in cui riflessioni profonde sui temi sempre attuali della giustizia e della coscienza si accompagnano a una penna straordinaria, essenziale, scorrevole e venata da divertito umorismo. Sicuramente da consigliare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
La panne 2016-11-21 08:08:08 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    21 Novembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Contorni nella nebbia

F. Durrenmatt (1921-90), svizzero, autore fra i principali del '900, molto conosciuto da chi ama il Giallo. Essendo un grande scrittore, non è però incasellabile in un sottogenere letterario : i suoi brevi e intensi romanzi si estendono ad un raggio ben più ampio : casomai l'uso del Poliziesco diventa una modalità, una chiave per aprire spiragli sulla realtà che ci sta intorno.
"La panne", poi, è un libro molto particolare . Verso sera la bella auto di un uomo piuttosto ordinario si arresta : è in panne. Egli trova ospitalità in una casa circondata da ampio giardino; viene bene accolto dall'anziano proprietario, che lo invita a rimanere a cena a cui convengono alcuni vecchi 'colleghi' . Si ritrova in effetti con quattro vegliardi, ognuno dei quali aveva avuto un ruolo nel settore della Giustizia : chi era stato avvocato, chi giudice, chi pubblico ministero : ogni tanto si ritrovano a cena per giocare 'al tribunale'. Il quarto omino, taciturno, ha avuto una mezza carriera come boia in uno Stato vicino, interrotta per l'abolizione della pena di morte.
Unica figura femminile presente, la cuoca-cameriera coi suoi piatti pantagruelici.
Solitamente amavano rifare famosi processi storici, come "il processo a Socrate" ; ma "era il massimo diletto se si giuocava con materiale vivo" come talvolta accadeva, e quella sera "il ruolo di imputato era ancora libero". Ciò "divertì il viaggiatore di commercio" accolto per la notte. "Disse che era per lui un onore assumere la parte vacante dell'imputato".

Che cosa si scopre durante quel gioco strano, seduti a gozzovigliare prelibatezze e bere i vini più ambiti ?
In fondo "c'è sempre qualcosa da confessare". "Chi fra noi può dire di conoscere se stesso, chi conosce i propri misfatti, le proprie colpe segrete ?".
Questa sì che è una sorpresa per il lettore : seduto alla tavola imbandita, sente che potrebbe esserci lui stesso; forse, in qualche modo, 'c'è' lui stesso.

La struttura del romanzo è un meccanismo straordinario. La scrittura di Durrenmatt è davvero bella. Della trama è opportuno non svelare altro.
Lasciamo i conviviali e usciamo in punta di piedi. "Fuori c'era lo spettacolo d'una tarda luna, una falce sottile, un lieve stormire fra gli alberi, e per il resto silenzio".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutti
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
La panne 2014-12-08 20:09:00 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    08 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La "Cassazione" che non ti aspetti

Un inizio alla Sciascia. Un crescendo alla Kafka (sebbene portato avanti in modo meno asettico e più “carognesco”).
Mentre il protagonista di “Todo Modo”, libro dello scrittore siciliano, decide deliberatamente di deviare in auto per una strada secondaria che lo porterà a vivere una strana avventura, il protagonista di questo breve racconto di Durrenmatt è dalla sua automobile malinconicamente lasciato a piedi. Constatato che la riparazione non sarà cosa di poche ore, Alfredo Traps – rappresentante di una moderna azienda tessile – si rassegna a cercare ospitalità notturna nel paese più vicino.
Finisce nella comoda villa di un arzillo ultraottantenne, frequentata da amici coetanei di costui. Così, tra magnifiche portate, vini d'annata e goduriosi schiamazzi, il prelibato ospite si ritrova sul banco degli imputati. Già! Perché quell'allegra (e apparentemente innocua) combriccola è formata per intero da uomini di legge in pensione: il loro passatempo preferito è sottoporre a processo chi gli capita tra le mani, così da rivivere per un po' i bei tempi andati.
Via con la recita, dunque: in men che non si dica tre tranquilli pensionati si trasformano in giudice, pubblico ministero e avvocato difensore (ci sarebbe anche un boia, per il vero). A reggere quel simulacro di udienza tribunalizia, il principio di partenza secondo cui ognuno ha la sua colpa. Basta trovarla.
All'inizio Traps oppone resistenza, ma poi il vino e il buon mangiare lo tramutano in un imputato molto attivo e divertito. Ed inizia a parlare, parlare, parlare, con somma disperazione del suo stagionato difensore...

La giustizia impersonale e inesorabile de “Il processo” di Kafka, si tramuta, nel “processo alla buona” di Durrenmatt, in un tardivo e affabile regolamento di conti col passato. Tra occhiolini, risate, catarri senili e gioviali abbracci all'imputato che si lancia in inattese confessioni, si chiariscono i termini di un successo professionale dai contorni ambigui.
L'elemento metafisico e quello metaforico si intrecciano in questo racconto di Durrenmatt, non facilmente collocabile e comunque ben diverso dalla cupa e geometrica vicenda de “La promessa”, dello stesso autore.
Alla fine, una parabola tra il comico e il macabro, che si lascia leggere più o meno in un'ora. Consigliato a chi ama le “divagazioni” con retrogusto amaro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Il processo" di Kafka; i "Centottanta racconti" di Buzzati.
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quantum
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
1.8 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri