La porta La porta

La porta

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


È un rapporto molto conflittuale, fatto di continue rotture e difficili riconciliazioni, a legare la narratrice a Emerenc Szeredàs, la donna che la aiuta nelle faccende domestiche. La padrona di casa, una scrittrice inadatta ad affrontare i problemi della vita quotidiana, fatica a capire il rigido moralismo di Emerenc, ne subisce le spesso indecifrabili decisioni, non sa cosa pensare dell'alone di mistero che ne circonda l'esistenza e soprattutto la casa, con quella porta che nessuno può varcare. In un crescendo di rivelazioni scopre che le scelte spesso bizzarre e crudeli, ma sempre assolutamente coerenti dell'anziana donna, affondano in un destino segnato dagli avvenimenti più drammatici del Novecento.

Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 13

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (13)
Contenuto 
 
4.9  (13)
Piacevolezza 
 
4.4  (13)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La porta 2019-12-02 08:42:21 ofranca
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ofranca Opinione inserita da ofranca    02 Dicembre, 2019
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una porta, una vita

"Emerenc non ha bisogno di una vita qualunque. Emerenc ha bisogno della sua vita. Quella che ormai non c'è più"

Devo subito dire che questa lettura mi ha coinvolto tenendomi attaccata alle pagine. Inizialmente ho fatto fatica perché la scrittrice usa pochissimi dialoghi, tutto quello che i personaggi si dicono viene spesso riassunto come se non si trattasse di un dialogo bensì di une descrizione. Lasciata la titubanza iniziale, che dura qualche pagina, si entra immediatamente in intimità con il libro e non si potrà fare a meno di leggere e leggere per scoprire la storia e dissipare l'alone di mistero che imbriglia il lettore già con la prima confessione della voce narrante:

"Nella mia fede non esiste la confessione individuale, noi riconosciamo di essere peccatori per bocca del pastore e di meritare il castigo perché abbiamo infranto in ogni modo possibile i comandamenti. E riceviamo il perdono senza che Dio esiga da noi spiegazioni o particolare. Io invece li fornirò"

La confessione non è altro che la ricostruzione del rapporto complesso tra le due protagoniste: la scrittrice ed Emerenc. Un rapporto fatto di attacchi e gentilezze, di incomprensioni, di attenzioni ed allontanamenti di amore mai espressamente dichiarato.
Io stessa ho provato sentimenti ambivalenti per l'una e per l'altra, in modo alternato e mai univoco.
Mi sono lambiccata il cervello per comprendere il perché di alcuni comportamenti da una parte e dall'altra senza trovare immediatamente risposte. Così mi sono disposta con l'animo in ascolto per cogliere ogni sfumatura che l'autrice ci offre nelle pagine in cui emerge con prepotenza e delicatezza, in un gioco dei contrari, la figura di Emerenc, l'anziana signora, provata dagli eventi, con un segreto da tenere ben nascosto.

Emerenc arriva nella grande casa, dove si sono da poco trasferiti la scrittrice ed il marito, per occuparsi di tutte le attività domestiche, oltre a svolgere il lavoro di portierato nel quartiere in cui vive.

La Szabó costruisce con le parole uno splendido ritratto di Emerenc e subito appare chiaro al lettore che questo personaggio è scomodo. Emerenc ci obbliga ad uscire dalla comodità del nostro pensiero per condurci verso un mondo apparentemente incomprensibile ma che si rivelerà fedele a sé stesso, integro ed incredibilmente semplice:

"Si prese cura di noi per oltre vent'anni, ma i primi cinque stabilì una distanza di sicurezza che non potevano oltrepassare"

"Il mondo di Emerenc ammetteva solo due categorie di uomini, chi maneggia la scopa e chi non lo fa, e da chi non scopa ci si può aspettare di tutto."

"Emerenc era nata Mefistofele, negava tutto."

"Emerenc, con la fronte perennemente coperta, con il viso liscio come la superficie di un lago, non aveva mai chiesto niente a nessuno, bastava sempre a sé stessa, così si era accollata i pesi degli altri senza mai dire quello che pesava a lei."

In questo quadro un ruolo importante hanno gli animali che offrono al lettore una faccia dell'amore di Emerenc. Un cane trovato dalla scrittrice e dal marito in un giorno di neve che Emerenc chiamerà Viola, nonostante sia un maschio. Viola viene salvata dalla scrittrice, vivrà con lei ma sarà in simbiosi con Emerenc che lo educherà a modo suo. Viola è spesso l'oggetto di discussione tra le due e motivo di gelosia da parte della scrittrice, per la devozione incondizionata di Viola ad Emerenc.
Ed i gatti ben otto che vivono con Emerenc, la loro salvatrice, custodendo il segreto.

Perché Emerenc ha un segreto: non apre a nessuno la porta della sua casa, lo farà solo alla scrittrice, per cui proverà un amore forte, viscerale paragonabile a quello tra una madre ed una figlia e questo amore sarà la causa dell'evento drammatico che le colpirà involontariamente.
Il modo di amarsi di entrambe è sempre inconciliabile, mai armonico, ognuna con il proprio bagaglio di vita troppo ingombrante per farle avvicinare, che le tiene emotivamente distanti.

L'apertura della porta sarà la dichiarazione d'amore e di totale fiducia di Emerenc e la dichiarazione d'amore della scrittrice che si fa aprire per salvare l'anziana donna, che decide di varcare quella soglia e di entrare nel mondo di Emerenc ma senza averlo prima compreso pienamente.
Questo gesto che sembra l'unico momento di incontro tra le due sarà anche il punto di non ritorno, una linea immaginaria che divide in due il libro e ci da la chiara portata della splendida scrittura della Szabó.
La porta è un simbolo carico di significati che conduce il lettore a diverse riflessioni.
La porta chiusa è il simbolo del limite che non deve essere oltrepassato per evitare di perdere definitivamente il rispetto per l'altro.
La porta chiusa preserva la vita, la forma di vita che Emerenc ha scelto per sè.
La porta aperta, chiusa è il simbolo delle scelte che ognuno fa, per sè, per l'altro e che inevitabilmente portano ad un cambiamento, anche se la portata del cambiamento non è chiaro finché non si sceglie e sarà per le protagoniste devastante, sarà una sconfitta.
La porta divelta è il simbolo del fallimento di tante azioni fatte in nome di quell'amore che dovrebbe essere protetto, custodito, rispettato con delicatezza e profonda comprensione e non violentato, usurpato, devastato.
L' assenza della porta è il simbolo del tradimento che viene perpetrato in nome dell'amore.

"Emerenc voleva abbandonare questo mondo dopo che le avevano distrutto l'intelaiatura che reggeva la sua esistenza e la leggenda aleggiante intorno al suo nome."

Scoprire questa autrice mi ha reso più ricca. Un libro unico ed imperdibile scritto in modo impeccabile, di cui consiglio caldamente la lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

La porta 2019-10-04 09:44:50 lapis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    04 Ottobre, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Emerenc

A Budapest, una vecchia dal capo coperto spazza la strada in un burbero silenzio, per ripulirla dalla neve, che intanto continua a cadere. Lavora ogni giorno con energia sconfinata, vegliando sul quartiere con la sua bontà anarchica e lunatica, capace della più assoluta generosità così come delle più sgradevoli rudezze. E, a fine giornata, torna a rinchiudersi dietro la porta della propria casa, quella porta invalicabile a tutti che custodisce il segreto della sua solitudine.

È la vecchia portinaia Emerenc. Con il suo portamento regale e il suo viso liscio come la superficie di un lago, sembra quasi una figura biblica, che si accolla in silenzio i pesi delle vite altrui senza mai confessare i propri di pesi, di dolori, di desideri. Refrattaria alle chiese così come alle arti, il suo è un linguaggio d’amore senza precetti e senza poesia, fatto di piatti cucinati e gesti concreti, duri, sgarbati, sinceri. Eppure, il cuore di Emerenc è un cuore dolente, che cerca di difendersi attraverso una porta inespugnabile dal tradimento e dalla delusione che l’amore le ha sempre riservato. Solo alla scrittrice, voce narrante di questa storia, sarà consentito avvicinarsi e toccare quella solitudine indossata con dignità e fierezza. Sarà in grado Magda di non tradire quest’ultima speranza d’amore?

“Emerenc era venuta in città, la città l'aveva accettata, lei invece non aveva accettato la città, perché il suo unico mondo reale esisteva dietro una porta chiusa”.

Ogni tanto si incontrano, in letteratura, figure capaci di stagliarsi dalla carta e marchiarsi a fuoco in un ricordo che pulsa di vita e di emozione. Allora leggere diventa difficile, a tratti lacerante, perché ogni parola brucia la pelle e incide nel profondo. Magda Szabò ci regala la storia di un sentimento puro ed incondizionato, nella sua complessità, portandoci nel contempo a riflettere sulla patina di vuoti sorrisi ed eleganti buoni maniere dietro cui si nasconde a volte una generosità germinata dal dovere e addomesticata dall’etica, ma priva della stessa spontanea sincerità. E alla fine non si può che piangere perché, nonostante tutto, il destino non offre scampo alcuno, non importa a quante mandate si serri la porta. E ci sono esseri umani il cui destino è “di non trovare posto nella vita degli altri”. Un libro doloroso e indimenticabile.

“Ma chi non é solo, mi piacerebbe saperlo. È solo anche chi ha qualcuno e non se ne accorge”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2019-08-01 07:39:13 DanySanny
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    01 Agosto, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Invasione di spazio

Due donne, Magda ed Emerenc, intellettuale borghese l’una, donna del popolo, umile e concreta l’altra, mente contro mani, distanti e irragionevoli nelle loro pretese, dominano la scena alla ricerca di un equilibrio difficile, sofferto, di un’invasione di spazio che può salvare entrambe e rendere meno greve la solitudine della vita. Emerenc ha una forza insolita per la sua età, governa, decide, comanda, al sicuro oltre la soglia della propria casa, quella porta che separa, simbolicamente, il suo spazio dal resto del mondo, che si oppone all’apertura, alla condivisione più pura. Perché la donna sa bene che nella condivisione c'è la salvezza, ma anche che in ogni apertura si annida il rischio del dolore. Non si può soffrire quando si resta bardati nella propria autosufficienza. Cosa nasconde Emerenc in casa sua, quale segreto così impenetrabile da non poter essere condiviso, quale insolito incanto la vive e la anima? Nella rigida dicotomia di Emerenc il mondo è diviso tra “chi scopa e chi non lo fa”, e da questi ultimi “ci si può aspettare di tutto”. Solo col tempo Magda riuscirà a scalfire l’armatura inossidabile che la vecchia le oppone contro, solo col tempo, in una notte di tempesta e tuoni, un antico ricordo, un dolore insopportabile, torna a reclamare la sua dose di disperazione e solo lì, alle pendici della sofferenza, le due donne si riconoscono. Eppure a volte non basta, davvero non basta, sapere quello che è giusto per comportarsi in tal modo, talora non è sufficiente sapere cosa è giusto fare, per farlo, perché la vita accade, le decisioni si prendono e non sempre la realtà garantisce il tempo di riflettere. E il prezzo, il prezzo incandescente, è la fiducia tradita.

Magda Szabò costruisce una storia che nel suo movimento di tesi, antitesi e sintesi fallisce la risoluzione in una definitiva frammentazione etica, riflesso di una incomunicabilità senza scampo e della pretesa che ognuno ha di conoscere ciò che è bene per l’altro. Szabò fa cioè esplodere un dilemma morale non da poco: è giusto staccare la spina a chi non vuole altro o piuttosto bisogna persuaderlo e tenerlo in vita? Quanto conta la fiducia quando la situazione è disperata, quanto può essere facile rompere un rapporto che si pensava oramai solido? Il dramma, in questo libro, è che entrambi i personaggi hanno le loro ragioni e ogni schieramento, ogni simpatia del lettore, si trova contro la bontà dell’avversario. Non si può scegliere tra la madre e il bambino, non si può scegliere tra uccidere e morire, non si può scegliere tra la vita e la dignità della sopravvivenza. Il tutto nel grembo di un’amicizia tra donne che ha i contorni di una dura epopea. Manca forse all’autrice una certa fluidità stilistica ed è un peccato perché, nel primo capitolo, dimostra di saperlo fare meglio di come poi prosegue, come se il libro si facesse più una memoria che un romanzo, con una più piana progressione della scrittura. Il risultato è un libro doloroso, in cui pagina dopo pagina le fibre del testo raccolgono la sofferenza dei personaggi fino a esasperarla in un finale che porta con sé solo la cenere di quello che è stato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2018-04-11 04:33:18 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    11 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA BRECCIA

Ci sono alcuni libri che hanno la capacità di toccare, sfiorandole appena, alcune corde dell’animo e di farle vibrare in modo quasi impercettibile, eppure il moto che provocano ha un effetto profondo che acquistando vigore imprime un indelebile ricordo. Sono i libri che emozionano; questo è uno di essi. Da tempo non mi capitava di piangere in seguito ad una lettura ed è stato un pianto liberatorio e necessario tale la tensione che pagina dopo pagina si era accumulata.

È una storia di reciproca e faticosa accettazione di due donne: una scrittrice e una donna tuttofare che anima un quartiere di Pest, essendone il punto di riferimento per molti dei suoi abitanti, e che ora diventa l’aiuto domestico anche della prima. I loro mondi sono opposti, non tanto per collocazione sociale, quanto soprattutto per predisposizione d’animo, per capacità di donarsi agli altri e per la qualità delle relazioni che riescono a intessere nella loro quotidianità. A prima vista parrebbe che la scrittrice sia colei che riesce meglio a stare al mondo, progressivamente il lettore ne conoscerà le più intime debolezze intrise di egoismo, quello che ti difende dai dolori, mentre Emerenc è abilmente strutturata come un personaggio scorbutico, ricco di fisime, impenetrabile e a tratti insopportabile. Di lei, aperta al mondo ma con un’abitazione inaccessibile a tutti, ne tiene sempre chiusa la porta, si sveleranno nel corso della narrazione gli insondabili misteri dell’animo di cui la casa è simbolo e metafora.

La casa, inaccessibile anche ai parenti, è il fulcro della sua intimità e della sua essenza, aprirla significherebbe accettare di darsi completamente agli altri: non sempre è utile e proficuo farlo, altre volte risulta dannoso per se stessi e per esperienza si preferisce gestire le relazioni in modo meno convenzionale. Emerenc sa ciò che è bene per lei, quello che ignora è però che nessuno sfugge alle relazioni sociali e alle loro maglie e che dentro di esse, seppur molto intricate, si può trovare chi davvero capisce la tua essenza facendone sostanza oltre le apparenze.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2018-04-04 11:48:47 Laura V.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    04 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Accettazione dell'altro

“È molto facile accettare e amare chi è uguale a noi, ma con qualcuno che è diverso è molto difficile” (Luis Sepúlveda)

Non è poi così strano che, al termine di questa lettura, mi siano tornate spontanee alla mente le parole di Sepúlveda, che, a suo tempo, mi avevano già dato modo di riflettere, poiché “La porta”, nel grande turbinio di sentimenti che solleva, è un romanzo che parla di accettazione dell’altro, con tutte le difficoltà che essa comporta.
Magda ed Emerenc: la scrittrice e la portinaia, l’intellettuale e la popolana. Due donne, due vite lontane anzitutto per età, due storie molto differenti, di cui una, in particolare, intrisa di profondo dolore e solitudine. Tra loro, come a sancire un confine più mentale che fisico, una porta chiusa, imposta senz’appello dall’una e subìta malvolentieri dall’altra; una porta che diventa simbolo, struggente metafora di un’esistenza molto provata, se non di un cuore indurito dalle pietre degli anni. È un rapporto conflittuale quello che da subito lega le due donne, e tale resterà sino alla fine.
Pragmatica e sicura di sé, a tratti sfacciatamente indisponente, Emerenc si rivela uno di quei personaggi destinati a rubare la scena agli altri e a restare a lungo impressi nella memoria. In tutto il corso della narrazione, la presenza di questa vecchia domestica dal capo perennemente coperto che non lava i panni al primo che capita è costante, persino quando scompare dietro la sua porta chiusa per occuparsi del proprio piccolo mondo popolato di gatti clandestini o s’incammina lungo la via del quartiere insieme all’amato cane Viola.
Lapidari i suoi giudizi, incrollabili le sue convinzioni che la portano a dividere il mondo in due semplici categorie di persone: chi ha una scopa in mano e chi no, ovvero chi obbedisce e chi comanda. Statisti e intellettuali, uomini di chiesa ed educatori del popolo – tutti rientranti nella seconda categoria – non hanno alcuna presa su di lei che ha attraversato talmente tanti decenni di storia del proprio Paese da aver visto abbastanza ed esserne rimasta forse schifata fino all’indifferenza. Già, l’Ungheria: seppur discretamente, essa si staglia sullo sfondo del romanzo e non è da escludere, tra le righe, anche un significato sul piano politico-sociale (uno dei capitoli più interessanti, non a caso, s’intitola “Politica”). Del resto, l’assoluta mancanza di patriottismo di Emerenc non potrebbe esprimere una condanna della situazione vissuta da quello che era pur sempre – non dimentichiamo – uno degli Stati a destra della cortina di ferro? Ai lettori più ferrati in materia l’ardua conferma.

“Effettivamente lei non aveva bisogno di un paese, non desiderava stare dalla parte di quelli che ordinano di scopare, non pretendeva niente, ma non si rendeva conto che persino il suo eterno negare era un modo di fare politica.”

E dietro la porta chiusa, infine, che cosa c’è? Non molto, a parte l’estrema caducità della vita e la nostra incapacità a vivere e gestire i sentimenti, con l’assurda pretesa, per giunta, di voler cambiare gli altri. Una prosa coinvolgente, una storia narrata con grande maestria da cui, ho scoperto, è stato tratto un film alcuni anni fa di cui segnalo il link:

https://www.youtube.com/watch?v=fU5fgaWhfqQ

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2017-12-28 17:23:42 annamariabalzano43
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    28 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Due donne, due mondi in contrapposizione.

Una narrazione incisiva, un’opera dura, difficile da definire romanzo, “La porta” di Magda Szabó fu pubblicata nel 1987. Due i personaggi principali al centro delle vicende raccontate, due donne forti e volitive, l’una l’opposto dell’altra. È il mondo del lavoro intellettuale della scrittrice Magda, che viene in conflitto con il mondo del lavoro manuale di Emerenc, domestica dal carattere scontroso e dispotico. Il rapporto individuo/società, vivi/morti, verità/ finzione, giustizia/ingiustizia è ampiamente affrontato e approfondito sullo sfondo appena accennato della drammatica storia dell’Ungheria del Novecento. Nelle parole di Emerenc, delusa dalle riprese del film alle quali aveva assistito, tutta l’amarezza di chi considera l’arte inganno e artificio: “Non c’era niente di vero, eravamo noi che muovevamo gli alberi, di cui si vedevano solo le chiome, usando dei trucchi, qualcuno aveva scattato le fotografie dall’elicottero che girava in tondo sopra il set, nemmeno i pioppi si muovevano, mentre lo spettatore avrebbe dovuto credere che l’intera foresta saltasse, ballasse, volteggiasse. Quella non era altro che menzogna, orrore.” Alla scrittrice l’arduo compito di spiegare la funzione dell’arte: “ Credeva forse che suscitare l’illusione della realtà non fosse arte?”
Nella personalità complessa e enigmatica di Emerenc il dualismo religiosità e ateismo trova una giustificazione nella sua spontanea attitudine cristiana di soccorrere il prossimo in difficoltà al di là di ogni professione di fede religiosa o politica, lei così scettica su una possibile vita dopo la morte, vuole tuttavia erigere una tomba monumentale per la sua famiglia: “Allora a che serve una tomba, Emerenc? Perché vuole riunire sua madre, suo padre, i gemelli in quella favolosa tomba? Se fosse come lei dice, basterebbe la malva sul bordo delle fosse. La gramigna.” “ Lei e la sua famiglia possono stare in mezzo alla malva, ma io e i miei morti no. I morti non sentono, ma pretendono rispetto e noi dobbiamo darglielo…”
In fondo, nonostante l’apparenza, è l’amore che muove Emerenc, che ne condiziona ogni azione, che ne scatena la passione e a tratti l’odio. È l’amore che la induce a chiudere il mondo fuori della sua porta di casa, a prodigarsi per tutti senza ammettere nessuno nella sua Città Proibita. Ed è proprio per aver troppo amato che si sente ripetutamente tradita, lei che alla base di ogni azione e ogni legame pone il concetto di lealtà e solidarietà.
Un libro profondo che indaga sugli enigmi dell’esistenza umana, nel tentativo di dare risposte agli interrogativi più inquietanti che da sempre affliggono l’umanità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2017-08-25 14:06:05 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    25 Agosto, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Emerenc Szeredàs

«Di una persona a volte si sente che fiore potrebbe essere se fosse nata sotto forma vegetale: e lei non era sicuramente una rosa, la rosa non è un fiore innocente, offre i suoi petali carminio in modo quasi impudico. Sentii subito quel che Emerenc non avrebbe potuto essere, ma non quel che avrebbe potuto essere, non sapendo ancora nulla di lei»

Due donne, due vite, due realtà lontane, apparentemente parallele ed inconciliabili, di fatto, destinate ad incrociarsi, fondersi, scontrarsi. Senza una ragione ben precisa, senza un’effettiva motivazione. Così, inspiegabilmente.
Una, la voce narrante, è una scrittrice, da sempre dedita alle sue storie, da sempre inadatta ad occuparsi della casa nonché della propria esistenza e dei propri affetti. E’ in attesa, questa donna, in attesa di un successo e di una notorietà che tarda ad arrivare e che forse, non arriverà nemmeno mai. Innegabile che, questa figura, rimandi a più riprese, alla stessa Szabo. Che sia lei stessa la enunciatrice della storia? Vive col marito, detta protagonista, il quale a sua volta è scrittore, il quale a sua volta conduce una esistenza isolata ed anche arida, vista la volontaria scelta di non avere figli.
L’altra è invece Emerenc, un’anziana donna votata al lavoro manuale, un’anziana donna che di parole ne spende pochissime, che non crede nella cultura ed ancora meno in quel lavoro consistente nel continuo battere a macchina, e che non si fa scegliere per essere assunta in una famiglia, è lei che, dopo aver ricevuto le giuste referenze, decide se accettare o meno quello stesso nucleo di persone quali datori di lavoro. Del suo passato ella è unica custode, è per lei impossibile rendere testimoni altri del suo vissuto. Quella porta che separa il suo appartamento dal resto del mondo, è riprova di questo quanto di altri misteri che si celano dietro il mito e la veste di questa domestica d’altri tempi.
E’ un rapporto che nasce e si sviluppa in salita, quello che lega le due donne. Ha inizio infatti con una serie di scontri frontali nonché con una moltitudine di incomprensioni che, soltanto una perpetrante, reiterata ed obbligata frequentazione riuscirà a smussare di quelle punte aguzze ed acuminate. Basti pensare che Emerenc, che esige molto e si offre incondizionatamente, che è di caritatevole e disposta ad aiutare tutti, è però incapace di perdonare. Quanti sforzi dovrà fare la narratrice per seppellire, in più occasioni, l’ascia di guerra e tentare di riappacificare gli animi? Quante volte Viola, motivo di litigio, finirà con l’essere l’unico espediente per riavvicinarsi a quella domestica così irreprensibile e fiera delle sue talvolta, incomprensibili, prese di posizione? Quante volte Emerenc dovrà puntare i piedi pur di far smuovere quella padrona così incapace e irrisoluta? Un legame, quello rappresentato, che è costantemente sul filo del rasoio, ma che, ciò nonostante, è imprescindibile. La presenza dell’una nella vita dell’altra è una costante a cui è impensabile rinunciare.
Perché, dietro la facciata, si cela il bisogno. Il bisogno affettivo, il bisogno di riscoprire la fiducia nell’altro, il bisogno dell’aspettativa, il bisogno di provare, per un’altra volta, dopo i tanti ferimenti, a confidare nuovamente di (e in) qualcuno, anche a costo di ricevere l’ennesimo tradimento. Perché la solitudine che le accomuna non è la soluzione, non è l’unica via di fuga prospettabile.
Gli anni passano e con il loro discorrere, la stessa confidenza muta. La scrittrice è tutrice del passato dell’anziana ma anche del suo più grande dei segreti. Varca quella porta, quella linea di demarcazione tra il dentro e il fuori. Ma quello di Emerenc non è un gesto fatto a cuor leggero, è un gesto che è sinonimo della sua irreprensibile moralità, che è riprova di più completa ed indissolubile fedeltà. E’ un atto, il suo, che ripercorre l’animo della donna, che è espressione della pura e più sincera umanità che le appartiene. Poiché, al di là di quel carattere scontroso e burbero, ella è uno spirito autentico, integro, onesto.
E’ quando è vinta dalla malattia, è quando dovrà affidarsi agli altri che verrà tradita, che verrà ferita da quell’unica persona di cui veramente si è fidata. Magda si dimostrerà fedele solo e soltanto a se stessa, mostrerà di essere detentrice di una moralità che non è genuina quanto frutto di ferrea disciplina, romperà quel trascorso inviolabile, infrangerà e sgretolerà l’esistenza della compagna tanto da privarla dell’unica cosa che concretamente le permetteva ancora di vivere e andare avanti in un presente e in un futuro che non sente appartenergli, che ormai, l’accompagna per abitudine più che per divenire.

«Emerenc voleva abbandonare questo mondo dopo che le avevamo distrutto l’intelaiatura che reggeva la sua esistenza e la leggenda aleggiante intorno al suo nome. Era d’esempio a tuti, aiutata tutti, era un modello. [..] Emerenc era pura, invulnerabile, era ciò che tutti noi, i migliori di noi, avremmo voluto essere. Emerenc, con la fronte perennemente coperta, con il suo viso liscio come la superficie di un lago, non aveva mai chiesto niente a nessuno, bastava sempre a se stessa, si era accollata i pesi degli altri senza mai dire quello che pesava a lei e quando, finalmente, avrebbe potuto dirlo, io ero andata a fare il mio numero in televisione, lasciando che la smascherassero nell’unico momento umiliante della sua vita, lordata dalla malattia.. [..] Emerenc era diventata qualcosa di assurdo di fronte all’intera comunità, tutto il lavoro di una vita era stato annientato da quel singolo episodio per cui sarebbe sempre stata ricordata»

Sarà, tuttavia, tardi che Magda capirà il suo errore, che comprenderà il suo tradimento. Una conclusione avverso la quale non vi sarà alcuna possibilità di appello.
Un romanzo forte, delicato, disarmante, è “La porta” di Magda Szabò, un elaborato che si insinua nel profondo, che fa soffrire, che arriva con una vigore inaspettato durante e dopo la sua discoperta. E’ ricco di amore, di condivisione, di dialoghi esilaranti e riflessivi, di amicizia, di altruismo, di religione (e riflessioni annesse), di desiderio di dolcezza, di aspettativa, di speranza, di abbandono di quella solitudine incessante, di dolore; è uno scritto che in ogni suo frangente, in ogni suo personaggio (a titolo di esempio basti pensare a Viola, un cane di sesso maschile che è la chiave con cui concretamente interpretare la figura dell’anziana) vive e si fa vivere. Coinvolgente, accorto, profondo, toccante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2017-07-09 19:37:14 68
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
68 Opinione inserita da 68    09 Luglio, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La porta del dolore e dei desideri

Due vite separate, distinte, apparentemente lontane, si incontrano, si scontrano e si fondono quasi inspiegabilmente, come nei rapporti d' amore più grandi.
La voce narrante è quella di una scrittrice ( Magda l' autrice ? ), da sempre immersa nella creazione e fusione di parole e linguaggio, ma inadatta ad occuparsi degli aspetti pratici ed organizzativi della propria esistenza.
L' altra lei, Emerenc, anziana, enigmatica, di poche parole, lavoratrice indefessa, diverrà per venti anni sua collaboratrice domestica, un passato conservato gelosamente e ancora da scoperchiare, un alone di mistero dietro una porta di casa ( metaforicamente il proprio io più profondo e segretamente conservato ) l' accesso alla quale e' da sempre negato a chiunque.
Un rapporto segnato da iniziale diffidenza e scontro frontale, entrambe arroccate su rigide e testarde posizioni personali per spingersi, solo dopo approfondita conoscenza e reiterata frequentazione, ad una possibile convivenza e compenetrazione di essenze.
Come in tutti i grandi amori, quando destino e crescente desiderio affettivo si abbandonano alla totale fiducia nell' altro, aspettative e tradimenti saranno sempre in agguato, rendendoci vulnerabili e poco obiettivi.
Una storia al femminile, due io contrapposti, per cultura, idee, socialità, visione d' insieme, un dono prezioso e condiviso, quell' intelligenza che accomuna ogni scambio e possibilità di intesa.
Due donne testarde, con tratti peculiari e caratteri forti, che vivono ( Emerenc in primis ) di solitudini affettivamente complesse e proprio per questo così attente a non compromettersi.
Emerenc ama agire, evita le chiacchiere inutili, esige molto ma si offre incondizionatamente, e' poco loquace. Vive in solitudine, per scelta, ama dare più che ricevere. Alle spalle una vita sofferta, la perdita degli affetti più cari ed il desiderio più che lecito di non continuare a soffrire.
Negli anni il loro rapporto duale si aprirà a scoperte sorprendenti ed inattese, tra frammenti di notizie incastrate, eccessi maniacali e risposte evasive.
Emerenc diverrà un personaggio quasi mitologico e per quanto le informazioni e ricostruzioni sulla sua storia siano piuttosto frastagliate ed elusive, si ha la certezza che nessuno sappia amare come lei di una passione inesprimibile, intensa, incondizionata, indisciplinata.
Considera con sospetto tutti i lavori non manuali, a maggior ragione odia gli intellettuali, i fogli di carta, i libri, espressione di un mondo di chiacchiere e fumo che non le appartiene. Sa a malapena leggere e riesce a scrivere con grande fatica. E' una donna insolente, coraggiosa, affascinante, che odia il potere in quanto tale.
Magda, a sua volta, scopre dopo tre anni di convivenza il significato della confidenza assoluta e come ogni legame sentimentale possa rappresentare una aggressione ed un pericolo continuo. Emerenc, dalla sua " città proibita " diviene una straordinaria burattinaia dei destini altrui e dietro quella porta, la sua porta, impenetrabile, ma che forse vorrebbe aprire a chi ama, nasconde un mondo di inaspettate delicatezze ed umanità, scansando qualsiasi vizio di forma, mentre gli altri cercano di ricostruire i frammenti della sua storia. Di certo ha un brutto carattere, ma anche una bontà naturale, al contrario di Magda la cui morale non è altro che disciplina.
....ma quando finalmente il passaggio è compiuto e ci si ama veramente, ci si può fare male davvero. Emerenc accompagnerà, a suo modo, la vita della scrittrice e del marito per circa venti anni, devota ad un Dio sempre presente e da lei offeso e negato, pura, invulnerabile, anarchicamente buona, sconsideratamente generosa, non crede nel paradiso ma nell' istante.
Quando, improvvisamente indifesa, malata, colpita dalla sfortuna e da un avverso destino, costretta a dipendere dagli altri e ad affidarsi a chi ha di più caro ( Magda ), rischierà un tradimento inatteso ed un dolore inaccettabile.
Magda, fedele a se stessa e a quel ruolo che la costringe ad essere una donna pubblica, senza alcuna sfera privata, con la necessità di andare continuamente in scena, scoprira' in ciò l' essenza del suo tradimento.
Dietro quella porta inopinatamente ma necessariamente violata un mondo infranto, nascosto, storie intensamente vissute e non raccontate, il presente solo morte ed abbandono.
L' intelaiatura dell' esistenza di Emerenc è stata sgretolata, e' impensabile continuare a vivere in queste condizioni, estranea a quella esistenza pura ed invulnerabile che tutti avrebbero voluto esperire.
Ed allora si scopre un orrore nel quale entrambe le donne stanno annegando, ogni fine segna un nuovo inizio, ma in alcuni casi il passato rimane o ritorna, almeno nei propri sogni, immancabilmente e per sempre.
Un romanzo vivido, toccante, di delicatezza sublime, in un crescendo di intimità e verità dolorose. Una storia di condivisione, solitudine, amore, dolcezza, parole dosate ed essenziali, dialoghi pungenti, rappresentazioni delle profondità dell' animo umano inserite in un flusso narrativo dai tempi e ritmi poetici e musicali di elevato spessore. Una prova narrativa sublime di una scrittrice che sa dare voce alla propria grandezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2017-05-09 23:27:48 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    10 Mag, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La porta del cuore

La porta racconta la storia vera, così almeno suppongo, del rapporto tra Magda e la sua donna delle pulizie Emerenc. Emerenc sembra quasi una figura mitologica. Una donna anziana con una forza sovrumana che si oppone a suo modo alle logiche del mondo rifiutandone le offerte e i compromessi. Non riprende gli studi quando ne ha la possibilità, nonostante la sua eccezionale intelligenza e si cerca un lavoro umile perché divide il mondo tra quelli che hanno la scopa in mano e quelli che non ce l’hanno. Viene fuori dagli abissi di una sofferenza spropositata, così grande che all’inizio pare a Magda pura invenzione: due fratellini morti colpiti da un fulmine davanti ai suoi occhi , la madre morta suicida subito dopo. Questo è solo l’inizio, poi le sue storie d’amore vanno avanti con la stessa fortuna, almeno così si saprà andando avanti nella narrazione. Dalle proprie vicende Emerenc, donna intelligente, ricava la certezza che non si dovrebbe amare così tanto come è capitato a lei perché l’amore è una faccenda pericolosa. Non potendo fare a meno per indole di dare con generosità e a suo modo, Emerenc mette perciò una barriera tra lei e il mondo che è la porta di casa sua, una porta che nessuno può varcare. La porta è reale e ovviamente anche simbolica. Simbolo di una necessità di difesa, di un limite, di uno scudo. Ma forse anche richiesta implicita che qualcuno bussi con insistenza e condivida la sua casa segreta.
Oltre alla porta materiale, il carattere stesso di Emerenc è una porta. Dura, spigolosa, diretta, sfacciata, invadente, terribile nel suo essere implacabilmente sincera con le persone che ama. Emerenc dà con generosità ma non accetta nulla. Forse è questa la sua porta più massiccia. L’incapacità di prendere dalle mani altrui. Accettare un dono potrebbe incrinare il suo rifiuto, parziale e unidirezionale, ma piuttosto categorico, di un mondo, di una vita, di gente che l’ha sempre delusa.
Emerenc però si lega a Magda per qualche strano motivo. Per qualche somiglianza tra loro probabilmente, fino a introdurla in casa e a nominarla sua erede.
La storia purtroppo dà ragione alla sua diffidenza. Le amiche non sono all’altezza delle aspettative che Emerenc non si può impedire di nutrire nonostante tutte le sue porte chiuse. E’ abbastanza triste che tutto sommato le porte restino chiuse. Infatti, al momento della prova, questioni di comodo, di lavoro, di necessità vengono di volta in volta messe davanti all’amore per cui il lettore assiste a una sfilata di tradimenti più o meno gravi.
Del resto Emerenc aveva aspettative sugli altri, soprattutto su Magda, come se gli altri potessero arrivare al suo modo di sentire gli affetti, nonostante le sue porte blindate. Triste quel sogno che Magda continua a fare alla fine del romanzo della porta in cui non riesce a girare la chiave e simbolica la fine che fa l’eredità di Emerenc. Certo Emerenc non è Ezter, quella di Marai. L’amore di Emerenc è generoso ma anche esigente.
Si potrebbe immaginare che su un altro piano di lettura la storia possa essere una metafora del rapporto uomo-Dio con la porta che rappresenta la porta stretta del Vangelo, Magda e le altre amiche gli uomini e Emerenc Dio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
L'eredità di Ezter
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
La porta 2016-05-28 09:54:40 manuelaagosto
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
manuelaagosto Opinione inserita da manuelaagosto    28 Mag, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mistero dietro la porta

La storia tra Magda, la scrittrice, ed Emerenc Szeredàs, la donna che la aiuta nelle faccende domestiche, è una storia conflittuale, banalmente si potrebbe dire di amore e odio, ma è ricca di tutte le sfaccettature possibili tra due persone che si amano, si cercano, e allo stesso tempo non si sopportano, si detestano.
E’ un rapporto che cresce tra mille difficoltà perché è Emerenc che ne detta le regole, singolari, strane, incomprensibili, ma sulle quali non si può transigere e a cui tutti si sottomettono. Nessuno conosce niente di Emerenc, del suo passato, della sua vita privata che lei custodisce in un appartamento che tiene gelosamente chiuso a chiave e che mai nessuno ha visto: è il suo tempio, è parte di se stessa. I suoi incontri sociali avvengono nell’atrio di fronte alla casa. Qui riceve le poche persone che ritiene sue amiche.
Nel quadretto familiare c’è anche Viola, ufficialmente il cane della scrittrice e di suo marito, scrittore pure lui, ma in realtà legato morbosamente a Emerenc che ne condiziona la vita.
Emerenc ha una sua etica molto rigida, ha rispetto solo per chi fa lavori manuali ma è tutt’altro che stupida, ha un rapporto singolare con Dio, in cui dice di non credere, ma a Lui si rapporta direttamente, senza mediazione di Chiesa o preti.
E’ testarda, non obbedisce alle regole, se non alle sue, sembra non avere sentimenti ma poi si scopre che si prende cura di tutti gli ammalati del quartiere, che porta continuamente piatti dell’amicizia quando qualcuno sta male, che si fa letteralmente in quattro, e non tanto per i soldi, per adempiere ai suoi mille impegni, attingendo a forze comunemente inaccessibili per la sua età avanzata.
Ma questo libro è soprattutto la storia di come, tra mille difficoltà, con un andamento fatto di piccoli passi di avvicinamento e momenti di nuovo allontanamento, si costruisca un rapporto di vero amore fra Magda ed Emerenc, due persone agli antipodi, con due visioni del mondo opposte. Sempre quando lo decide lei, Emerenc , apre piccoli spiragli sulla sua vita, sul suo passato, persino sui suoi amori.
Nella sua coerenza ai suoi principi Emerenc è una donna di integrità morale e di disponibilità verso gli altri, purchè si rispettino le modalità in cui il suo aiuto si esplica.
Che di vero amore si tratti lo si capisce quando Emerenc fa entrare Magda nella sua casa, sbarrata a tutti, e la scrittrice vede il suo mondo, i suoi nove gatti, il suo loversit dove dorme circondata dalle sue amate bestiole: la dimostrazione più grande di affetto che la vecchia domestica poteva dare.
Ad un certo punto succede un fatto mai capitato nella vita di Emerenc. Si ammala. Una brutta bronchite, forse una polmonite, ma lei non ascolta nessuno. Non si cura, non vuole medici né medicine. Finchè a un certo punto scompare nella sua casa e non esce più. Tutti cercano di farla uscire, di permettere a un medico di entrare a visitarla, ma non c’è verso. La vecchia non apre a nessuno. Neanche Magda ci riesce ma a lei viene chiesto di prendere in consegna un vecchio gatto che nel frattempo è morto. E qui si compie il tradimento, l’atto che Emerenc non perdonerà mai. Approfittando dello spiraglio per far passare il gatto il medico riesce ad avere la meglio su Emerenc e a trascinarla fuori.
Il susseguirsi degli avvenimenti che portano la vecchia domestica in ospedale, frattanto colpita da embolia cerebrale ed emiplegica, e l’intervento dell’ufficio di Igiene per disinfestare la casa ridotta in condizioni inabitabili, incidono in maniera irreversibile nel rapporto tra Magda ed Emerenc. Ed è comprensibile: il suo tempio è stato svelato al mondo e per di più la vergogna di scoprirlo in quelle condizioni. Entrambe, la scrittrice e la domestica, sono travolte da emozioni fortissime, il peso del tradimento per Magda e il senso di vergogna per Emerenc.
Ancora una volta sarà Emerenc a decidere le sorti della sua vita restando fedele al senso di dignità e di rispetto per se stessa che ha contraddistinto tutta la sua esistenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri