Narrativa straniera Romanzi Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino
 

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Incontrammo per la prima volta la quindicenne Christiane all'inizio del 1978 a Berlino, dove era chiamata a testimoniare ad un processo. Prendemmo appuntamento con lei per un'intervista che doveva completare una ricerca sulla situazione dei giovani. Erano previste due ore per il colloquio: diventarono due mesi. Christiane F. ha voluto questo libro perché, come quasi tutti i ragazzi bucomani, pretende che sia rotto il vergognoso silenzio degli adulti sulla realtà della tossicodipendenza. Le testimonianze della madre di Christiane e di altri che hanno avuto contatti con lei ci auguriamo contribuiscano ad una visione della vicenda dai diversi punti di vista e ad un'analisi più completa del problema della tossicodipendenza.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 26

Voto medio 
 
4.1
Stile 
 
3.6  (26)
Contenuto 
 
4.7  (26)
Piacevolezza 
 
4.0  (26)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2019-03-13 09:58:17 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    13 Marzo, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il mondo è di una tristezza e di una merda totale

Kai Hermann e Horst Rieck scrivono questo romanzo-intervista alla quindicenne Christiane nel 1978 a Berlino, dove era stata chiamare a testimoniare ad un processo. Un documento interessantissimo, una denuncia contro la cecità dell’epoca sulla reale portata della tossicodipendenza tra i giovani.
Un libro che destabilizza per la crudezza delle immagini, la violenza di alcune situazioni, soprattutto perché sono coinvolti dei minorenni e delle minorenni ancora “con l’odore” delle bambole e dei giocattoli.
Si comincia sempre allo stesso modo: alle spalle una situazione familiare disastrosa, con uno o entrambi i genitori completamente assenti o incapaci di gestire situazioni problematiche, di imporsi al figlio o alla figlia, che cerca il confronto e il conforto cel gruppo dei pari.
Christiane dalla georgica campagna amburghese, si trasferisce con la famiglia a Berlino all’età di sei anni e sperimenta da subito la violenza, impara la legge del “muso duro”, del “vince chi picchia più forte”: la bambina accetta subito questo dogma sconvolgente, perché ogni giorno, sulla propria pelle, a casa, il papà ubriaco la picchia a sangue per sfogare la propria frustrazione dovuta al proprio fallimento professionale. Christiane per poter sopravvivere a questo mondo violento e brutale scopre che quelli che contano sono quelli “fighi”, quelli avanti e fa di tutto per farsi accettare dalla leader del gruppo dei ragazzi più ammirati a scuola.

A tredici anni “Avevo già imparato un sacco di cose, non solo la musica che a loro piaceva, ma anche la lingua che parlavano (...) mi ero concentrata sulle frasi che sentivo dire da loro. Per me erano più importanti dei vocaboli inglesi o delle formule matematiche” ( p.47, edizione SuperSaggi Rizzoli, 1980)

Dal libro viene fuori una Berlino senza aree verdi, una città assolutamente non a misura di bambino: i giochi si svolgono tra casermoni, metri e metri di filo spinato, cemento ovunque e si comincia già da bambini a scoprire il piacere di violare cartelli e permessi.
Questo romanzo-verità è un invito a riflettere, a chiedersi il perché i ragazzi, già in tenera età scelgono le strade della droga. Si comincia con un “assaggio”, si continua per sentirsi sballati e fighi e poi ci si ritrova una vita completamente distrutta. Christiane vede morire quasi davanti ai suoi occhi dei suoi compagni del giro: prova a disintossicarsi innumerevoli volte, sopportando l’agonia della “rota” (crisi di astinenza), ma i risultati sono sempre temporanei. Il desiderio di bucarsi supera ogni buon proposito ed anche ogni forma di rispetto, distruggendo la famiglia e anche le amicizie. Per bisogno di procurarsi eroina cade nella fogna della prostituzione, prima facendo più attenzione, scegliendo i clienti e poi, quando la situazione si fa più difficile, cede il suo corpo anche agli stranieri dell’est, gli “zulù”.
Attraverso queste pagine di vita vissuta - sembra assurdo usare questi termini quando si parla di una quindicenne- veniamo a conoscenza dell’orrore della tragedia che segna per sempre chi entra nel vortice dell’eroina.
Toccanti le ultime parole di Atze, primo ragazzo di Christiane, nella sua lettera prima del suicidio per overdose:
“Adesso metto fine alla mia vita, perché un bucomane porta arrabbiature, preoccupazioni, amarezza e disperazione a tutti i parenti e agli amici. (...) fisicamente sei uno zero. Essere bucomani vuol dire essere l’ultima merda (...) “. P. 185-186)
Vecchia storia, quella della droga. Hascisc, eroina, Valium, antidepressivi...tutte sostanze per annullare le preoccupazioni del mondo che ci circonda, annullando noi stessi per primi.
Il finale è aperto, ma sappiamo che Christiane non si è mai completamente liberata della tossicodipendenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2018-04-26 17:10:49 Giovannino
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Giovannino Opinione inserita da Giovannino    26 Aprile, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Prigionieri dell'eroina.

Ho acquistato questo libro ben sapendo che si trattasse di una lettura che di norma si fa in età adolescenziale, non perché sia qualitativamente mediocre o perché la scrittura non sia all’altezza (anche se devo dire che, almeno per la versione che ho trovato io, la traduzione è senza dubbio da migliorare) ma semplicemente perché dopo i 20 anni certi temi iniziano ad essere triti e ritriti e la lettura non è più coinvolgente e scorrevole come dovrebbe essere.
Il libro, come molti sapranno, parla della storia di Christiane F. (protagonista e scrittrice) che racconta in questa autobiografia la sua adolescenza passata tra i posti più squallidi di Berlino prostituendosi e rubando per procurarsi l’eroina. Il racconto inizia dall’infanzia, descrivendo accuratamente la difficile crescita con i genitori, che poi si separeranno, e la sorella. Sicuramente il periodo più buio di Christiane è quello che va dai 14 ai 17 anni, quando dopo aver provato tutte le droghe leggere, insieme ai suoi amici e al suo amato Detlef decide di provare l’eroina, che diventerà la sua prigione. Il baratro in cui entra sembra non avere fine e dopo aver provato invano per due volte la disintossicazione la nostra giovane protagonista finisce per prostituirsi, prima da sola e poi con Detlef, per procurarsi i soldi per la droga.
Il libro è scritto in maniera scorrevole e chiara, spesso vengono usati slang e modi di dire tipici dei giovani di quel tempo, inoltre il racconto è spesso intramezzato da racconti di personaggi collaterali al racconto (il padre, la madre, gli assistenti sociali, etc) che ci aiutano a capire meglio la situazione.
Purtroppo come detto all’inizio a lungo andare il libro è sembrato “già visto”, forse anche perché già ne avevo letti diversi sul genere, penso ad esempio a La scimmia sulla schiena di William Burroughs, un vero capolavoro del genere.
In conclusione un libro piacevole ma che un pò anche per mie “colpe” ho apprezzo solo a metà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
82
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2017-02-17 12:42:00 Francesco.3.96
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Francesco.3.96 Opinione inserita da Francesco.3.96    17 Febbraio, 2017
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

18 aprile 1976

Nel recensire questo titolo mi trovo quasi in difficoltà, ho apprezzato a tal punto questo libro che non ho idea di come potrà svilupparsi questa recensione.
Il testo è un viaggio che si articola in passaggi continui tra ambienti grigi e tristi di Berlino intorno agli anni '70 e le sensazioni della giovane Christiane...sensazioni che diventano un tutt'uno con l'ambiente che la circonda.
Il viaggio nella caduta della ragazza nella droga viene interamente raccontato in questo romanzo che pur presentando uno stile di scrittura abbastanza basso, va ad adattarsi perfettamente con il tema trattato.
La causa di questa caduta va ricercata nella mancanza di libertà, nell'opprimente ambiente di una Berlino che non dà una via di fuga ai giovani ragazzi che inevitabilmente si trovano catapultati dentro al giro, prima delle droghe leggere e poi con il conseguente passaggio alle droghe pesanti.

"Tutto il mondo è di una tristezza e di una merda assoluta."

Questo libro è più di una semplice biografia relativa ad una porzione di vita di Christiane...questo libro è un viaggio nella società di quel periodo. Un viaggio tra sogni infranti, tra realtà opprimenti, tra amici veri che a causa della droga finiscono per diventare simili a sconosciuti ed addirittura rivali.

Un viaggio nella solitudine.
Un viaggio nell'abbandono da parte della società.

"Tutto in un colpo, per un buco, tra noi non c'era più niente in comune."

Infatti una delle cose che mi ha colpito particolarmente, è stato appunto l'abbandono da parte delle istituzioni che nulla riuscirono a fare per fermare questo fenomeno, che almeno in parte (dipende dai punti di vista, secondo me quasi totalmente anche), era stato causato da loro.
Nessuno accetta questa ragazza per tentare la strada della disintossicazione, è un susseguirsi di battaglie da parte della madre e di Christiane alla ricerca di un centro che la accolga ma che inevitabilmente le chiude sempre la porta davanti.

Tra le righe si riesce a percepire questo malessere, questa tristezza...ma allo stesso tempo anche la serenità e la pace dopo l'assunzione di droghe, che inizialmente sembrano migliorare la vita alla ragazza, ma che dopo la fanno precipitare del tutto. La droga inizialmente era vista come il metodo di evasione ed allo stesso tempo di accettazione da parte del gruppo, o almeno questa era l'idea della giovane ragazza.

"Qualche volta raccontavo quello che avevo fatto al Sound. Credo che adesso gli altri mi ammirassero. Io ero semplicemente un passo più avanti di loro. Che fosse un passo verso la merda totale allora non lo sapevo. E neanche sapevo che molti del vecchio gruppo un po' dopo avrebbero fatto lo stesso."

Per chi per caso avesse visto solamente il film, posso assicurarvi che il libro in confronto è disarmante. Un susseguirsi di disintossicazioni accennate, quasi riuscite e subito dopo buttate al vento con un buco. La droga che doveva essere un qualcosa per trovare un'evasione, diventa presto una necessità per la sopravvivenza, o meglio per non stare male. Un testo molto forte e che secondo il mio parere deve essere letto da tutti coloro che se la sentono..per poter rendere onore a questa testimonianza ed imparare qualcosa da questo viaggio nella droga, nella prostituzione e nella musica. Aggiungo musica perché è una costante la presenza di Bowie, idolo della ragazza e che almeno nella prima parte del libro è sempre presente, fino a quando nulla avrà più un senso oltre all'eroina che porterà la ragazza a perdere tutto.
Un'infinita corsa verso il "buco finale", però contornata da spazzi di speranza in futuro rigoglioso senza la droga nella propria vita.
Per concludere voglio lasciarvi un ultimo spezzone del libro, perché sinceramente potrei stare qua a scrivere altre 3 ore, senza arrivare ad una conclusione appropriata, forse perché le emozioni che mi ha trasmesso questo titolo sono forse le più forti di sempre e non riesco a pensare troppo razionalmente.

"Non realizzavo assolutamente che nei mesi passati mi ero preparata sistematicamente a essere matura per l'ero. In quel momento non avevo nessuna consapevolezza che ero così tremendamente giù, che questo "It is too late" mi aveva completamente sconvolta, che a uscirne fuori non mi aiutava più nessun'altra droga, che nella strada che avevo imboccato la logica conseguenza era l'eroina. Tutto quello che pensai in quel momento era che non volevo che i due bucomani adesso se ne andassero e mi mollassero sola nella mia merda. Dissi subito agli altri due che volevo provarla. Pollo riusciva a malapena a parlare. Ma si infuriò letteralmente. Disse:"Non lo fare, non hai idea di quello che fai. In poco tempo sarai esattamente come sono io adesso. Sarai un cadavere"."

[...]

"Tutta la merda era di colpo sparita. "It is too late" non esisteva più. Mi sentivo bene come non mai. Era il 18 aprile 1976, un mese prima del mio quattordicesimo compleanno. Questa data non la dimenticherò mai."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2016-10-12 16:55:04 Antonella76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    12 Ottobre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La "bambina" dello zoo di Berlino



L'ho fatto.
Per la prima volta nella mia vita ho riletto un libro...
Ed ho scelto di rileggere "NOI, I RAGAZZI DELLO ZOO DI BERLINO" dopo ben 27 anni.
Un po' per poter poi leggere il suo seguito e un po' per confrontare l'impatto che questa lettura ha avuto su di me a 13 anni e poi a 40.
Avevo il ricordo di una lettura "shock", di quelle che ti travolgono in pieno come se fossi a piedi in mezzo all'autostrada...ebbene, nonostante gli anni, la maturità, l'esperienza di vita...mi sono ritrovata nuovamente inerme, a piedi, al centro di quell'autostrada.
Perché quello che viene raccontato qui non scende a patti con l'età, non si è mai abbastanza grandi, né preparati, né pronti per accettare tanto degrado, squallore, sofferenza e disagio.
I "ragazzi" del titolo...in realtà sono poco più che bambini!
Ero troppo piccola alla mia prima lettura? Non credo, anzi...io lo farei leggere a tutti i ragazzini, tutti.
Su di me ebbe l'effetto, allora, di farmi aprire gli occhi su un mondo sconosciuto (e tale poi è rimasto, fortunatamente), di mettermi in guardia non tanto dalle sostanze stupefacenti in sé, quanto proprio dai meccanismi sociali e psicologici che portano al loro avvicinamento.
Cambiano i contesti, cambiano le droghe, cambiano i ragazzi, ma il "modus operandi" di quel mondo marcio è sempre lo stesso.
Disagio famigliare, noia smisurata, profonda mancanza di senso esistenziale e desiderio di far parte del "gruppo" (anche se è il gruppo sbagliato, quello dei perdenti)...questo è alla base di questo docu-libro, questo è quello di cui ci parla Christiane.
Poi intervengono tanti altri fattori e dinamiche (che non basta una vita per analizzarle tutte)...ma la verità è che tutto questo ha una portata così grande, così al di sopra della mia capacità di comprensione, che io ho davvero difficoltà ad esprimere un pensiero.
Meno che mai un giudizio.
Posso solo fare tesoro di questa cruda testimonianza, prendere atto della continua dicotomia tra voglia di riscatto e rassegnazione, voglia di vivere "alla grande" e desiderio di morire, di arrivare presto al fatidico "buco finale".
Sì perché l'inganno è tutto lì...l'euforia sparisce presto e rimane solo la dipendenza.
"Farsi"...non più per stare bene, per sballarsi, ma solo per non stare male!   
Si procede velocemente verso una depravazione emotiva, ma soprattutto "deprivazione" emotiva: i bucomani sono terribilmente soli, perdono ogni forma di empatia, esistono solo loro e la loro pera.
Quello che mi ha davvero toccato è stato il dualismo di questa ragazzina, il suo sdoppiarsi continuamente in bene e male: c'è una parte molto significativa del libro in cui lei racconta di scrivere delle lettere a se stessa, ovvero "Christiane", la buona, la brava ragazza, scrive a "Vera" (suo secondo nome), la eroinomane, la bucomane, la baby-prostituta.
È una lotta continua fra le due...ma la più forte, inutile nasconderlo, non sarà mai Christiane!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2015-08-02 00:22:22 Vita93
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    02 Agosto, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Serenità drogata

Kai Hermann e Horst Rieck sono due giornalisti, nel 1978 si trovano a Berlino per intervistare una quindicenne sul degrado giovanile.
E’ Christiane Vera Felscherinow, ha un passato da consumatrice di eroina e all’ epoca è imputata e testimone in un processo per possesso e ricettazione di droga.
Quella che doveva essere un’ intervista di due ore diventa una testimonianza lunga due mesi da cui nasceranno un libro capace di vendere oltre 20 milioni di copie e un film omonimo.
Il testo autobiografico inizia dal trasloco che la piccola Christiane intraprende con la famiglia da Amburgo alla periferia di Berlino, cui segue un’ infanzia complessa con un padre violento, la separazione dei genitori, la difficile integrazione in un sobborgo pieno di costruzioni imponenti e cemento che scoraggiano la fantasia dei bambini.
A 11 anni Christiane inizia a consumare tranquillanti o eccitanti di ogni genere, hashish, a 12 frequenta discoteche ambigue dove instaura amicizie e amori che la portano in breve tempo nel tunnel della tossicodipendenza da eroina e alla conseguente prostituzione per procurarsi il denaro necessario all’ acquisto delle dosi giornaliere.

E’ un testo importante che affronta argomenti quanto mai attuali.
Denuncia i casi in cui l’ assenza di legami familiari stabili non permette una crescita equilibrata dell’ individuo negli anni cruciali della pubertà e dell’ adolescenza, peggio ancora quando si preferisce chiudere gli occhi pur sospettando cosa stia accadendo.
Quanto delle persone che siamo oggi deriva dal contesto in cui siamo cresciuti e quanto invece è insito in noi come patrimonio genetico indipendente da ogni buona o cattiva educazione ? E’ vero che si ha sempre la possibilità di scegliere ?
La scuola tedesca degli anni ’70-’80 viene aspramente criticata, capace solo di creare differenze tra studenti e di non favorire il senso di collettività in classi, o meglio corsi, che superano i 100 studenti.
Così come ne escono ridimensionati la Polizia, che spesso si occupa solo di punire ma non di prevenire e comprendere il fenomeno nella sua interezza, e le varie terapie affrontate dalla protagonista in mano ad analisti, infermieri e medici poco interessati al reale recupero della ragazza.
A distanza di 30 anni in ogni città o anche piccolo paese ci sono ancora realtà di questo tipo, perché se oggi c’ è più informazione e meno curiosità è anche vero che i giovani hanno sempre meno paura, di tutto.
Di tutti i film e i libri sulla droga che ho apprezzato, questo è senz’ altro il più crudo e reale, e al contrario di tante altre versioni romanzate ed irreali del drogato, qui si pone l’ accento su un aspetto tanto veritiero quanto sottovalutato : il tossicodipendente non ha una vita, né sociale né tantomeno affettiva, le poche amicizie che coltiva nel giro sono strumenti per arrivare più facilmente e con meno rischi all’ acquisto della prossima dose, i presunti amori un mezzo per condividere marciume e solitudine.

La parte finale è tragica. Lontana da Berlino, Christiane scopre che la vita può essere a suo modo dura anche in provincia, che la scuola non è poi tanto diversa, che si porterà sempre dietro il suo passato da tossicodipendente , che molti giovani hanno o si creano ovunque problemi anche se non inerenti alla droga.
Ne è sopresa, forse perché fino a quel momento così impegnata a dare un senso alla propria esistenza si è dimenticata di viverla e di guardarsi attorno.

“ Siamo completamente soli in questa valle della follia “.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2015-05-05 11:18:16 RansieLaStrega
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
RansieLaStrega Opinione inserita da RansieLaStrega    05 Mag, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La corsa al benessere utopico..

Quando acquistai questo libro avevo meno di diciotto anni ed ero curiosa dei miei coetanei che non perdevano tempo per fumarsi uno spinello e prendere qualcosa di più; non capivo questo senso di "voler sembrare ciò che non si era".
La copertina dell'epoca mostrava il viso quasi senza anima di una ragazza che poi scoprii essere l'attrice che prestò il volto alla scrittrice di questo magnifico saggio, perchè io lo classifico come un saggio, più che un diario personale che Christine fa della sua esistenza di fine anni 70.

E' una lettura cruda, diretta e che non risparmia le immagini più "buie" degli anni di una Berlino che, ha segnato un pò anche me leggendo queste pagine; palazzoni grigi, aria grigia, l'esatto opposto di quello che Dorothy trovò nel magnifico regno di Oz, a Berlino era tutto un blocco industriale, tutto una fabbrica, metropoli che si sviluppava sempre più, gente che correva in una routine dove il pieno benessere era utopia.

**SPOILER**
Christine figlia dodicenne di una famiglia come tante, dove padre e madre non erano quelli che vediamo nelle pubblicità del mulino bianco, conosce le prime cottarelle e cresce in lei la voglia di voler crescere troppo in fretta. Si avvicina ad un mondo enormemente grande anche per una persona che lo è già. Da uno spinello innocente tra i suoi nuovi amici, comincia ad assaporare l'ebbrezza dell'eccitazione, con cocaina e VALIUM,mix di anfetamine, fino ad arrivare all'eroina, una droga all'epoca molto di moda e di facile commercio.
La sua vita diventerà un inferno, la voglia di smettere non l'abbandonerà mai; episodi ed eventi per una corsa al soldo per l'acquisto del benessere in vena...tutto questo e molto altro, vi catapulteranno in momenti davvero poco piacevoli, immaginare che siano davvero accaduti, lo sarà ancor meno.

La descrizione di ogni scena, ogni singolo episodio, non vi nascondo che mette i brividi...ma è una pagina della nostra storia, una pagina che non bisogna dimenticare.
L'indifferenza degli adulti nei confronti di questi ragazzi che erano una parte molto popolata delle metropoli in quegli anni di trasgressione, una società in lotta con un sistema DROGATO...
Christine F. spiega senza pietà ciò che accadeva intorno a lei, senza fare sconti.
La vita da bucomane è quello che racconta l'autrice, testimone sulla sua pelle della paura delle vere tenebre della vita.

E' un libro che forse bisognerebbe far leggere a scuola, abbassare la testa di molti ragazzini spocchiosi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2014-08-30 10:36:01 JoeGreen
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
JoeGreen Opinione inserita da JoeGreen    30 Agosto, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un saggio dei nostri tempi

Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino è la storia di una ragazza, la storia di un amore, la storia di milioni di teenagers, la storia dei nostri tempi.
E' un saggio d'orrore, nudo e crudo, su argomenti che sono sempre stati caldi.

Certo, stilisticamente non è il massimo, ma è un libro di denuncia, denuncia dei soprusi, dei problemi, delle difficoltà.
Denuncia di una ragazza che passa dal vivere in campagna al frequentare la discoteca "Sound" girovagando in un nauseante tunnel dell'orrore che migra dal fumo, dalle pasticche, fino ad arrivare alla droga della morte: l'eroina.

E così inizi il tuo viaggio con Christiane, sembri la sua anima gemella, arrivi a piangere e disperarti per qualsivoglia sua perdizione, per la sua caduta nel tunnel, la sostieni nella ripresa, e ti senti giù alla ricaduta.
Il tunnel della droga è davvero un buco nero che ti risucchia la vita, e questo libro si pone come obbiettivo quello di istruire i giovani e di mostrare la letalità di queste sostanze, non di certo ad interessarli o ad affascinarli.

E' pur vero che vieni coinvolto così emotivamente lontano che arrivi a porti a Berlino.
Quello di visitare lo zoo di Berlino è un mio grande sogno, che spero di poter realizzare un giorno.

Romanzo brutale, da leggere e far leggere, a qualsiasi età, romanzo di un'era, romanzo intramontabile, romanzo di vita.

"Non sapevo più perché avevo paura di morire. Di morire da sola. I bucomani muoiono da soli. La maggior parte in un cesso puzzolente. Ed io volevo morire. In realtà non aspettavo niente altro che quello. Non sapevo perché ero al mondo. Anche prima non lo avevo mai saputo con esattezza."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2013-04-28 10:46:25 Simosim
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Simosim Opinione inserita da Simosim    28 Aprile, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Importante

Un libro veramente importante,una testimonianza un autobiografia assolutamente da leggere.
Libro scritto non troppo bene ma veramente informativo e appassionante.
Proprio cosi',il libro ti appassiona alla storia che vive Christiane ed ogni frase è estremamente vera e profonda che il lettore riflette,pensa,riflette,pensa fino alla fine del libro.
Andreoli disse: le parole di Christiane sono veri e propri colpi nella coscienza di ciascuno di noi.

CONSIGLIATISSIMO

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
CONSIGLIATO anzi OBBLIGO
Trovi utile questa opinione? 
13
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2013-03-07 17:14:51 marika_pasqualini
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
marika_pasqualini Opinione inserita da marika_pasqualini    07 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

indimenticabile

libro letto circa 10 anni fa, all'inizio della mia adolescenza, che mi ha spaventata a tal punto da farmi rivoltare lo stomaco ogni qual volta si parli di droga. eppure, mi ha affascinata, mi sono sempre chiesta il perchè fosse caduta così in basso. era una bambina.. e mi dispiace deludervi, ma lei è ancora viva e non ne è mai uscita. anzi, questo libro è stata la sua rovina perchè le ha dato un sacco di soldi per comprarsi la droga senza problemi. una vita violenta e violentata dal mondo, dalla famiglia, dall'aria in sè, che fa vivere tutto al lettore, anche il dolore di un buco o lo squallore di andare a letto per i soldi contati di una dose. Agghiacciante e crudo, e altri sinonimi, sono la descrizione di questo libro che mi rimarrà per sempre nella mente e nel cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
agli adolescenti
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-11-17 17:35:02 Frax90
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Frax90 Opinione inserita da Frax90    17 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita e l'esistenza

“Noi,i ragazzi dello zoo di Berlino”,simboleggia la prima ed anacronistica opera-documentario che carpisce il lettore e lo immerge nel mondo della tossicodipendenza(in particolare quella minorile) e dei suoi devastanti effetti consequenziali.
Nella Germania degli anni ‘70(così come nel resto d’Europa),parlare di eroina,di bucomani e di prostituzione finalizzata al procacciarsi la “dose giornaliera”, era quasi scandalistico ed intollerabile,siccome ogni persona teneva,nei confronti della tematica,una posizione di palese bugia mista a mera accettazione. Christiane F.,fornendoci il suo racconto-verità,ha dilatato le palpebre e le coscienze collettive di milioni d’individui, riguardo ad una delle piaghe peggiori che stava(e tuttora ha)invaso come un’ infezione pestilenziale la società Europea e mondiale.
Personalmente porrei il “Focus”del lettore non tanto sulla droga in se stessa(che rappresenta soltanto l’ultima spiaggia materiale di una situazione psicologica e vitale disgregata se non polverizzata),piuttosto sulle arzigogolate vicissitudini che hanno portato l’essere umano(il minore nel caso in questione)a farne uso. Alle spalle della tristemente celebre “polvere bianca”,si trova un universo di solitudine ed abbandono,di contesto famigliare distrutto,di depauperamento economico-lavorativo e sovente di abusi sessuali . “La dose” rappresenta,come abilmente descrive Christiane, lo strumento dell’evasione dal plumbeo e scolorito mondo che attornia il ragazzo/a,il catalizzatore dell’emozioni sulla pelle, senza il quale il soggetto non riesce più a manifestarsi,esprimersi e provare qualsiasi forma di empatia e collimazione con le altrui situazioni vitalizie.
Con l’amara spirale dell’eroina la vita evapora celermente ed il tossicodipendente si limita ad “esistere” semplicisticamente come presenza fisica in una realtà troppo stretta,soffocante,, che non gli si addice più, che gli scivola via come un turbine di foglie autunnali .Paradossalmente l’unica via per riprendere a “ vivere a colori”(nell’opinione del drogato) è farsi una dose:il cielo si ricolora di azzurro e di blu, le strade riassumono i tratti tradizionali ed il vento ricomincia a punzecchiargli finemente le guance,tuttavia è solo questione d’attimi effimeri prima che ritorni la nera oscurità dell’oblio.
Christiane,come del resto tutti i bucomani suoi coetanei, è denudata di fronte ai suoi ormai patologici “bisogni”,tant’è vero che nella sezione conclusiva dell’opera smette persino di mentirsi,come pedissequamente faceva ogni singolo giorno,sulle atrocità ed umiliazioni che la droga l’aveva costretta a compiere: si trovava in una situazione di completa e totale accettazione;gradino antecedente l’arresa.
Nonostante ciò, il “romanzo”(se così mi permettete di chiamarlo),si conclude positivamente, dimostrando in modo lapalissiano come sia facile cadere nella suadente spirale della droga,ma anche come sia possibile uscirne grazie alla propria e all’altrui forza di volontà, e come l’eroinomane possa reinserirsi nella società ed in una condizione esistenziale che potremmo definire tranquillamente VITA.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-10-09 14:25:50 annetta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
annetta Opinione inserita da annetta    09 Ottobre, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

loro, i ragazzi dello zoo della droga

prima di tutto grazie alle persone che hanno commentato questo libro, sono loro che mi hanno convinta a comprarlo e ne sono rimasta entusiasta! il libro è molto triste e fa capire bene al lettore che cristiane procede gradualmente nell' inferno dei bucomani, molti muoiono altri se ne vanno, un libro che segna e fa capire molto grazie anche alle testimonianze delle persone che sono venute a contatto con la protagonista ,il libro comunque lo sconsiglio ai bambini delle elementari che molto probabilmente non lo capirebbero e lo consiglio invece molto vivamente agli adolescenti in particolare ma anche a adulti ed anziani

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-09-24 15:21:13 Maybe
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Maybe Opinione inserita da Maybe    24 Settembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Lei", la ragazza dello zoo di Berlino.

Libro letto diverse volte che mi lascia sconvolta ogni volta che sfoglio l'ultima pagina.
La sensazione che si ha per l'intero libro (o almeno per me) è quella di affogare assieme alla protagonista, di barcollare con lei e di sentirsi trascinare in questo tunnel tormentato. Sicuramente la trama che poi è come si sa' la sua biografia è avvicente nella sua tristezza. Raccontata bene, con la crudezza delle tematiche e uno stile forte, caotico e duro. Si sa già che l'autrice/protagonista non riuscirà ad uscirne mai eppure si nutre la speranza che nella prossima pagina possa afferrare l'ancora di salvezza. Il libro è terrificante perché al giorno d'oggi i tossici sono ragazzini (non tutti ovviamente) viziati, annoiati che si comportano da straccioni perché "fa figo" ma invece all'epoca il disagio era fin troppo evidente. La droga era un'altra, la gente era altra. E la droga nel caso della nostra protagonista la porta a strisciare per poter comprarsi la dose. Prostituzione, violenza, depressione. Un'infanzia brutalmente schiacciata dalle nuove necessità. E la cosa che mi ha più traumatizzata è stato il cartello che vietava ai bambini di giocare. Un altro elemento essenziale a mio parere. L'innocenza non esiste, i bambini non possono giocare. Un libro che ti fa stare male e riflettere. Assolutamente da leggere a qualsiasi età.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
consigliato a chi c'è dentro a chi ha visto persone finirci a chi ama le biografie e anche a chi è solo curioso di saperne di più.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-08-21 13:28:35 saretta28
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
saretta28 Opinione inserita da saretta28    21 Agosto, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

purtroppo mi rivedo nei pensieri di Christiane

se il libro viene letto da una ragazza che si rivede in Christiane , le viene la nausea leggendo tutte le brutte vicende le conseguenze che ci sono ad avere un idea sul mondo come ce l'ha christiane. ci sono molte ragazze che hanno gli stessi pensieri, io compresa che si sentono incomprese che si pongono nella stessa maniera con gli altri e nella vita di tutti i giorni
i giovani si sentono incompresi ... sono poche le persone preposte ad ascoltare il prossimo, chi ha questa sensibilità di empatia e amore dovrebbe coltivarla e fare buon uso di questo dono, la vita i mass media ci chiedono di eliminare questa sensibilità,chi è cosi è un alieno deve cambiare, ma cosi i giovani si sentiranno sempre piu incompresi
se lo legge una ragazza che non si ritrova in christiane rimane un po' scioccata dalla lettura ma si sente cosi lontano da lei che il libro l'avrà letto con un certo distacco piu come un saggio sulla droga che un romanzo
mi rivedo nei suoi pensieri, non mi sono mai drogata nè ho fumato uno spinello, ma il malessere che si porta dentro christiane mi sembra simile al mio: c'è l'incomprensione con la famiglia, la scuola non va, manca l'integrazione con i coetanei, si fanno delle cavolate, vuoi morire e con superficialità vuoi buttare via la tua vita, il mondo è una giungla dove non c'è posto per te e non c'è il motivo per il quale valga la pena vivere, ci sono gli psicologi, gli psichiatri e gli psicofarmaci
pensavo che christiane si sarebbe ripresa in parte dai suoi tragici trascorsi come è scritto nel libro. ho scoperto che questa donna di 50 anni ha ancora problemi con la droga, non ha mai avuto una vita tranquilla, il suo mal di vivere non le è passato. nel libro c'è scritto che intraprendere la giusta strada è difficile ma possibile: a quanto pare ci sono persone che si perdono per sempre , in un intervista sua madre dice che è disperata per lei , è incredibile che dica queste cose quando sua figlia ha ben 50 anni e dovrebbe avere già la sua vita. tutto cio è molto triste. ha avuto 30 anni di vita per riuscire ad amare e ha ancora tanti problemi. dovrebbe ricordarsi di quando era bambina , con tutti i problemi in famiglia passava spensieratamente le giornate giocando di qua e di la, facendosi rimproverare dal portinaio se giocava al pallone nell'aiola,si deve ricordare di quello che ha subito da piccola dai suoi genitori, questo dovrebbe far scattare una molla e nel ricordo del suo passato dare a suo figlio una vita migliore rispetto alla sua. ha un intelligenza superiore alla norma sono sicura che ha le potenzialita per vivere una vita serena piena d'amore
adesso c'è la tv i videogiochi e internet che allontanano i giovani dalla vita reale viene da pensare come il demonio vince sull'amore, non perdo la speranza che questa donna ricominci ad amare e impari a volersi bene e a voler bene agli altri e alla vita. anche io mi ripeto spesso queste cose chissà come vivrò, nel mio cuore non voglio che il male vinca sulle persone, io chissa quale futuro avrò

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-05-13 08:32:05 LittleDorrit
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    13 Mag, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite al bivio

Questo romanzo ha segnato irrimediabilmente la mia adolescenza. Ricordo perfettamente l'impatto emotivo avuto sin dalla prima pagina. Ricordo tutto di questo libro, nonostante siano trascorsi anni; ricordo le vicissitudini di Christiane e del suo gruppo di amici, il suo primo amore dannato, l'incontro con l'eroina in una Berlino anni 70 dalla visuale in bianco e nero, i titoli dei giornali che riportavano le prime drammatiche morti, le stazioni affollate con all'interno le vite derelitte di chi si prostituiva sul retro, i gabinetti rotti e maleodoranti dalle numerose scritte sui muri, il sesso praticato per sentirsi ancora vivi (contrapposto a quello meccanico dato dal bisogno di denaro) ma soprattutto, ricordo i ritmi incalzanti dell'astinenza. Su tutto questo male aleggiano spettri psichedelici e musiche di Bowie, viaggi in tunnel bui della psiche e voglia di tornare a vivere. Non possiamo parlare di stile qui; la scrittrice non ha uno stile definibile; Christiane é semplicemente se stessa, scrive un diario personale dove si mostra cruda, schietta e talvolta volgare, come deve essere colei che racconta una simile realtà; é proprio questo suo modo amaro di narrare che porta il lettore davanti ai fatti senza piú veli...; .improvvisamente la droga non incuriosisce più...essa diventa qualcuno senza volto da cui fuggire.
Questo romanzo é una corsa contro il tempo per un graduale ma mai definitivo ritorno alla vita. Davanti a questa piccola grande prova narrativa s'infrangono tutti i sogni di bambina e ci si avvia lentamente verso l'età adulta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a chi ama i diari personali dove non tutte le pagine risultano a colori
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2012-01-09 17:34:22 LetyDarcy
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
LetyDarcy Opinione inserita da LetyDarcy    09 Gennaio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Riflettere..

La notte dopo aver letto questo libro non dormivo. Ho 18 anni appena compiuti, una vita meravigliosa: spesso ho puntato il libro contro chi si droga, giudicandolo incapace di affrontare gli inevitabili problemi che la quotidianità ci mette davanti. Ho capito quante cose si celano dietro questo problema, non è una scelta vigliacca, non è neppure una scelta. E' uno di qui libri che ti cambiano e ti sconvolgono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2011-10-05 16:48:08 valina91
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
valina91 Opinione inserita da valina91    05 Ottobre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Stravolgente

Il dolore provato leggendo questo libro non è descrivibile a parole, può essere solo capito leggendo la triste storia di Christiane.
Dalle pagine trasuda la sofferenza di questa ragazza entrata nel vortice della droga e riuscita quasi per miracolo a scampare a una terribile morte.
Il racconto ha inizio fin dall'infanzia di Christiane e la sorella e fin da allora i suoi sogni cominciano ad essere infranti: la famiglia si era trasferita da un paesino di campagna alla grande città quale Berlino per realizzare il sogno del padre di aprire con la moglie un'agenzia matrimoniale. Ma non tutto procede come previsto e quindi sono costretti a trasferirsi da un'ampia e ariosa casa, in un appartamento striminzito. Da questo momento cominciano i guai per Christiane: il padre inizia a picchiare la figlia e la moglie per sfogare la sua rabbia repressa fino a costringerle al trasferimento in un altro appartamento.
La madre di Christiane a questo punto è costretta a lavorare quasi tutto il giorno per poter pagare l'affitto dell'appartamento da sola e quindi non ha il tempo di sorvegliare la figlia che comincia a frequentare cattive compagnie e a causa loro entra nel giro del fumo e degli acidi. Il suo unico scopo è quello di estraniarsi dal mondo in cui vive, dai problemi della vita di tutti i giorni. Durante questo periodo vedeva l'eroina con disprezzo e sosteneva fermamente che lei non sarebbe mai approdata a quest'ultima spiaggia. Ma purtroppo non fu così e quindi, passando di cattive compagnie a compagnie addirittura peggiori, arriva a provare l'"ero", come da loro denominata.
Ormai entrata nel giro pesantemente prova per ben sei volte a disintossicarsi, a volte da sola e altre con l'aiuto di comunità apposite, ma non riesce mai nell'intento e proprio quando pensava di esserne uscita si faceva una piccola "pera" rientrando drasticamente in questo vortice vizioso.
Alla fine, dopo che aveva provato a farla finita definitivamente con "l'ultimo buco", un drastico intervento della madre la porta in salvo dalla tomba che con le sue stesse mani si era costeuita.
Durante tutto il racconto vediamo come la personalità di Christiane Vera sia completamente sdoppiata: da una parte c'è la volontà di smettere di bucarsi insieme al suo ragazzo, Detlef, ed essere una semplice teen-ager con una vita normale e amici con cui divertirsi, dall'altra c'è la bucomane compulsiva che non riesce a vivere senza eroina. La cosa che più mi ha sorpreso e rattristato è stato leggere di come lei si rendesse conto del brutto giro in cui era finita e dei gravi errori che stava commettendo, ma con tutta la buona volontà non riusciva a uscire definitivamente da quel brutto periodo della sua vita.
Un'altra personalità interessante, da rimproverare e ammirare allo stesso momento, è la madre di Christiane. All'inizio si comporta come ogni genitore con il proprio figlio: sa di quello che succede al di fuori della loro casa, ma non pensa che proprio sua figlia possa cadere in una situazione del genere. Purtroppo però poi dovrà aprire gli occhi e rendersi conto del fatto che, sì, proprio la sua piccolina è entrata nel mondo dell'eroina. Cerca di aiutarla in tutti i modi, ma il comportamento di Christiane la porta a disperarsi e ad abbandonare ogni tentativo.
Alla fine, invece, proprio la disperazione porta a salvare Christiane da morte certa. Senza chiederle alcun parere o senza avvisarla di alcunché - come dovrebbe effettivamente comportarsi un genitore in queste occasioni - la porta lontano da quel teatro di morte e sofferenza in un paesino di campagna dove lei potrà finalmente ritrovare la vera se stessa senza l'inconfondibile manto della droga davanti ai suoi occhi e alla sua anima.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2011-09-17 09:32:20 pincopalla36
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pincopalla36 Opinione inserita da pincopalla36    17 Settembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dura realtà.

Anch'io ho letto questo libro più di vent'anni fa.
Avevo circa 13 o 14 anni.Non so come mi sia finito tra le mani,ma adesso capisco perchè: questo libro ha vita propria.C'era scritto nel mio destino che io e lui ci incontrassimo.
Veramente mi ha cambiato la vita e a distanza di tutti questi anni ancora ho il sapore in bocca delle vicende di christiane f. e dei suoi sfortunati compagni di viaggio.

Dopo molti anni obbligherò i miei figli a leggerlo a costo di farlo io per loro.
Un libro che dovrebbe entrare a far parte del corredo scolastico di ogni scuola.
Farebbe sicuramente riflettere molti giovani sul problema della droga molto spesso sottovalutato purtroppo.
Bello,indimenticabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2011-07-17 12:59:21 R๏гy.o°
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
R๏гy.o° Opinione inserita da R๏гy.o°    17 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un pugno allo stomaco

Leggere questo libro a 13 anni, in sottofondo "Heroes" di David Bowie [colonna sonora del film che ne è stato tratto] è qualcosa di straordinario.
Un libro che arriva dentro come un pugno dritto allo stomaco. Verità seducenti e fastidiose.
Rivedere il film per la seconda volta, e per la seconda volta essere tentati da questa lettura coinvolgente.
Un libro drammatico, una bimba che impara ad essere donna, un'esperienza di vita che la caratterizzerà per sempre.
E quegli occhioni azzurri che non si dimenticherano facilmente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2011-01-05 21:11:42 Elizabeth
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elizabeth Opinione inserita da Elizabeth    05 Gennaio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chiaro e profondo

Ho 17 anni e ho terminato questo libro qualche mese fa. Sono rimasta praticamente scoinvolta. Dall'insieme, dalla cruda realtà del mondo della droga, dalla psiche tormentata della protagonista. Mi ritengo fortunata perchè nell'età in cui la F. è stata coinvolta nel giro della droga io andavo a fare passeggiate in campagna con i miei amici! Un libro da leggere e rileggere, chiaro e profondo. Ti arriva fino all'anima. Voto 10

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-11-02 09:29:46 Debs
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Debs Opinione inserita da Debs    02 Novembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che possa essere una guida...

Ho letto "Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino" anni fa, circa a 14/15 anni. All'epoca non conoscevo nessuno, nè per esperienza diretta, nè per sentito che si drogasse per cui il libro mi aveva aperto una finestra su un mondo nuovo e ignoto. Il libro mi ci ha scaraventato dentro con violenza e brutalità. Ricordo ancora in modo chiaro le descrizioni minuzione per la preparazione della dose, il degrado dello stile di vita, costipati in angusti anfratti luridi e cenciosi, la bava alla bocca durante le crisi di astinenza. E non ci può essere nulla di più vivido e reale che una vera e propria esperienza personale che è appunto quella di Christiane, una ragazza che ha ripetutamente toccato il fondo ma che alla fine si è saputa rialzare e raccontarci questa storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-11-01 13:37:13 elfina
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
elfina Opinione inserita da elfina    01 Novembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

una storia di ghiaccio

Ricordo che questo libro era tra i testi consigliati alle scuole medie. Sono felice di non averlo letto in quel periodo.
Non perchè sia qualcosa da tener nascosto agli adolescenti, ma semplicemente perchè in alcuni punti l'ho trovato agghiacciante. E' talmente descritto nei minimi particolari che mi pareva di vivere in quella Berlino e di vedere con i miei occhi il disagio giovanile.
In alcuni punti l'ho trovato davverro agghiacciante e crudo.
Mi ha provocato un cocktail di sentimenti ed emozioni lasciandomi alquanto provata. Ricordo che non vedevo l'ora di finire di leggerlo per non sentirmi più alterata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-09-10 21:29:41 darkala92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    10 Settembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Wir Kinder vom Bahnhof Zoo

Un insieme di sentimenti ed emozioni mi ha suscitato la lettura di questo libro. Orrore, rabbia, impazienza, delusione, amore, compassione..
..Sicuramente delusione dopo aver letto in internet la notizia: Christiane F. ricaduta nuovamente nel tunnel della droga - 10 agosto 2008.
La delusione mi è arrivata dritta al cuore dopo aver letto il suo libro in cui riporta la sua adolescenza bruciata, rubata e sporcata dalla droga e dalla prostituzione. Il fattore che fa più male è l'età che i ragazzi hanno nell'assumere per la prima volta, droghe pesanti, quali ero.

Eccellente è il "documento" riportato di Berndt Georg Thamm, direttore del consultorio di psicologia sociale della Charitas di Berlino. Spiega esattamente i motivi che spingono all'uso della droga.
Comunicazione assente, famiglie distrutte da problemi quali alcool, droga, povertà; comprensione dell'egemonia del denaro, la chiave della vita. Pubblicità che porta al ragazzo a desiderare ciò che non può avere e portandolo a richiudersi nel suo mondo "magico" (eroina) che non produce emozione, ma semplicemente allontanamento dei problemi.

Quello della droga è un argomento davvero interessante e doloroso da leggere e/o studiare. Questo è un libro che mostra davvero le cause dell'avvicinamento alla droga, senza paroloni ma con un linguaggio provocatorio e "di strada" che sottolinea le condizioni disumane che gli eroinomani vivono a causa della loro dipendenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-08-05 16:38:05 chicca
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
chicca Opinione inserita da chicca    05 Agosto, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

christiane f.

Ho letto questo libro più di vent'anni fa e ancora oggi ho negli occhi le immagini di degrado e di disperazione che vi sono contenute.
Molto forte, a tratti crudo ma che fa capire quanto siano strettamente correlate la piaga della tossicodipendenza e della prostituzione infantile, di come sia facile passare dalle droghe leggere a quelle pesanti e alla non -vita che conduce chi è schiavo di certe sostanze. Si tratta di una storia vera basata sulle interviste rilasciate dalla stessa Christiane ad alcuni giornalisti nel 1978.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-07-27 12:43:47 katia 73
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
katia 73 Opinione inserita da katia 73    27 Luglio, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Indimenticabile

Ho letto questo libro circa vent'anni fa quindi poco più che adolescente ma lo ricordo come fosse ieri, mi ha veramente colpito. Il "diario" di questa giovane ragazza tossicomane non ci risparmia niente dello squallore della tristezza della solitudine che ha vissuto in quel periodo della sua vita contornato dalla droga e tutto quello che ne deriva. Christiane era diventata una ragazza completamente priva di dignità perchè è questo che la droga fa si porta via tutto e lascia solo macerie. Un libro che consiglio di leggere soprattutto agli adolescenti per capire fino in fondo le conseguenze di certi gesti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-07-27 11:22:24 sabrinat2601
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
sabrinat2601 Opinione inserita da sabrinat2601    27 Luglio, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ebbene si....

Ebbene si...succede da decine di anni, succede proprio qui vicino a noi...succede a nostri conoscenti...succede a famigliari...succede a tutti...ma a noi no....a noi non potranno mai capitare....eppure succede...
Questo interessantissimo per quanto aggiaciante testo è la storia dettagliata dell'esperienza di una ragazzina di Berlino che inizia a "farsi" in tenerissima età, inizia a prostituirsi, a violentare il suo corpo e la sua anima solo per una dose...
Racconta il dramma della disperazione di un gruppo di individui costretti dalla dipendenza a fare di tutto e a toccare il fondo..molti non ce la fanno...ma la nostra Christiane è il simbolo della ripresa della dignità umana contro la droga.
Un resoconto da leggere e per riflettere...perchè come già detto...ebbene sì...succede anche vicino a noi...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino 2010-07-27 08:26:16 Ginseng666
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Ginseng666 Opinione inserita da Ginseng666    27 Luglio, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia esemplare di orrore e di rinascita...

E' un libro-documento...
Scaturito da una vicenda veramente accaduta, con uno stile crudo ed essenziale, tipico dei giovani, è la storia di una ragazzina, Cristiane F. che inizia a bucarsi all'età di 13 anni...
Ella annota nel suo diario stralci della sua esistenza, cominciando dall'infanzia, vissuta in un anonimo casermone con una madre distratta e un padre violento, fino ad arrivare all'età critica, l'adolescenza, in cui frequenta amicizie sbagliate che la condurranno verso il tunnel della droga...
Un viaggio all'inferno e all'auto-distruzione...in cui si può giungere a estremi di vita al limite della decenza...oppure alla prostituzione solo per procurarsi una dose di eroina...
Cristiane F. toccherà il fondo prima di essere riagguantata dalla madre e portata in salvo...Nel 1981 viene proposto il film drammatico con l'omonimo titolo, che riscuote molti consensi...anche se risulta crudo e sconvolgente...
Consiglio vivamente la lettura di questo libro..sopratutto ai genitori, agli educatori e agli adulti in genere...per una conoscenza più approfondita del mondo della droga giovanile..
Saluti.
Ginseng666

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti, per prendere coscienza del problema della droga fra i giovani..
Trovi utile questa opinione? 
91
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri