Narrativa straniera Romanzi Un anno terribile
 

Un anno terribile Un anno terribile

Un anno terribile

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Dominic Molise ha un sogno: diventare un giocatore di baseball professionista. Intanto però la sua vita è tutt'altro che semplice: la sua famiglia non ha un soldo e suo padre insiste perché Dominic segua le sue orme facendo il muratore; i compagni lo prendono in giro perché è basso e di origini italiane; le ragazze di cui si innamora non si curano minimamente di lui. Ma Dominic ha qualcosa che nessun altro ragazzo di Roper, Colorado, possiede: Dominic ha talento, ha il Braccio, è il miglior lanciatore della regione. Ma non possiede il denaro per il biglietto del pullman che lo porterebbe in California a sostenere il provino nelle squadre di baseball professionistiche.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un anno terribile 2021-02-01 09:15:56 Valerio91
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    01 Febbraio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siamo tutti Dominic Molise

Un romanzo molto breve ma intenso.
Nelle mie letture recenti sto riscontrando quanto esistano autori capaci di condensare in un limitato numero di pagine una gran quantità di cose, riuscendo a essere incisivi e a lasciare un segno nella mente del lettore. È il caso anche di John Fante col suo “1933. Un anno terribile”, che ha come protagonista Dominic Molise: un ragazzo italo-americano che vive nella piccola (e limitante) cittadina di Roper: in Colorado. In mezzo a un circo delle mediocrità, Dominic sente sé stesso già fuori posto e destinato a un più brillante destino grazie a quello che considera un dono di Dio: il Braccio, come lo chiama lui. Il Braccio, con la bi maiuscola come riferendosi a una persona in carne ed ossa, o a un’entità fornita d’una propria e specifica volontà che è una soltanto: diventare uno dei più grandi lanciatori della storia del baseball. Volontà che, ovviamente, coincide con quella di Dominic.
Ma quanti ostacoli si frappongono al sogno di Dominic? Una nonna emigrata che non è mai stata in grado di integrarsi e sfoga la sua frustrazione nel continuo inveire contro chiunque; una madre molliccia, totalmente succube del marito e di Dio; un padre disoccupato, donnaiolo, che ha già scelto per Dominic riguardo al suo futuro. Ma Dominic non ci sta, Dominic vuole inseguire il suo sogno a ogni costo: è convinto dei propri mezzi, il Braccio ne è convinto. Ma spesso, i mediocri possono farci credere di non essere abbastanza, che un dono evidente sia solo frutto d’una sopravvalutazione di noi stessi, che ci sono cose più importanti e “sicure” a cui dedicarsi.
Quanto c’è di Dominic in tutti noi? È un personaggio che, devo dire, ho sentito piuttosto vicino. Chi di noi, infatti, non insegue un sogno? Certo, qui si tratta d’un sogno prettamente giovanile, caratterizzato da fattori periferici tipici di quell’età, come l’amore non corrisposto per una bellissima ragazza, Dorothy. Tuttavia riscontriamo anche fattori più “adulti”: la ricerca del successo e del denaro per fuoriuscire da una condizione miserevole, nella quale la Fortuna ci ha dato i natali; la voglia di rivincita verso la Fortuna stessa e verso coloro che, trattati da essa con più clemenza, ti guardano dall’alto in basso e non ti considereranno mai degni di loro. Che gioia sarebbe sovvertire tutto questo, solo con la forza del proprio Braccio o del proprio Intelletto! Ma spesso la vita, i mediocri, coloro che non ce l’hanno fatta, ti tengono giù anche quando avevi le potenzialità per spiccare il volo. A volte i sogni si raggiungono solo quando “non si ha altra scelta”, quando il raggiungimento di quei sogni è una questione di vita o di morte. È così per Dominic, deve esserlo anche per noi?

“Ero steso in quella notte bianca e guardavo il mio respiro che formava nubi di vapore. Sognatori, eravamo una casa piena di sognatori. La nonna sognava la sua casa nel lontano Abruzzo. Mio padre sognava di essere senza più debiti e di fare il muratore a fianco di suo figlio. Mia madre sognava la sua ricompensa celeste con un marito allegro che non scappava via. Mia sorella Clara sognava di fare la suora, e il mio fratellino Frederick non vedeva l’ora di crescere per diventare un cowboy. Se chiudevo gli occhi riuscivo a sentire il ronzio dei sogni per tutta la casa, poi mi addormentai.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un anno terribile 2020-02-06 06:55:29 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Febbraio, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Eravamo una casa piena di sognatori

In questo romanzo praticamente perfetto di John Fante Il 1933 è davvero Un anno terribile (“Siamo nei guai… dobbiamo soldi a tutti”) per il giovane Dominic Molise e per la sua famiglia italo-americana.

Dominic, come il Bandini della saga di Chiedi alla polvere, sogna a occhi aperti (“I Chicago Cubs… I miei futuri compagni di squadra”) e, nel delirio del sogno, dialoga con il suo Braccio, strumento necessario per la realizzazione del sogno.

Sotto le pressioni di una nonna arzilla e impicciona che non si rassegna alla condizione di emigrata (“Tutti i ragazzi di diciassette anni dovrebbero confessarsi almeno due volte al giorno”), con una mamma-matriarca che rimane in secondo piano (“Mettiti la calza. E continua a pregare”) e l’immancabile padre semi-disoccupato e dongiovanni (“Ci manteneva giocando a biliardo, in inverno”), Dominic ne combina di ogni colore: scopre il sesso (“Spaventosa come un nido di topi… ), va all’assalto di Dorothy Parrish, sorella dell’amico, concepisce un folle piano per realizzare il suo sogno di gloria (“La betoniera… l’abbracciai e la baciai, e piansi per mio padre e tutti i padri, e anche per i figli, perché eravamo vivi in quell’epoca, per me stesso, perché sarei dovuto andare subito in California, e non avevo scelta, dovevo farcela”).

Questo romanzo è un autentico spasso. Imperdibile per i cultori di Fante, può ben rappresentare un ottimo inizio per chi non abbia mai letto l’autore.

Giudizio finale – citazione: “Sognatori, eravamo una casa piena di sognatori”, John Fante

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La saga di Arturo Bandini, Full of life, La confraternita dell'uva, Ad ovest di Roma...
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un anno terribile 2013-06-22 10:20:15 charicla
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
charicla Opinione inserita da charicla    22 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Capolavoro

Il 1933 per tutti è un anno come tanti altri ma non per Dominic Molise, perché seppur ancora diciassettenne, prende consapevolezza proprio in quel momento che vuole per se stesso un futuro ben diverso da quello di muratore, come suo padre.
Dominic Molise sogna infatti di poter giocare a baseball e ottenere un contratto nella League, perché ha talento e possiede un lancio unico, merito di quel suo Braccio che tratta come se fosse una persona: coccolandolo, curandolo e confessandosi a cuore aperto.
Ma Dominic Molise è nato in una famiglia povera e sa bene che quel suo sogno ha un prezzo che attualmente non può permettersi di pagare ma il ragazzo è disposto a tutto, anche a compiere una sciocchezza, pensando poi di poter riparare una volta ottenuto quel tanto agognato contratto.
All’improvviso però qualcosa sembra redimerlo dai suoi diabolici intenti e ora a desiderare con lui un futuro diverso c’è anche quel suo padre attaccabrighe e scansafatiche che per la prima volta si schiera dalla sua parte pur di vedere felice quel figlio talentuoso e sognatore!
Ennesimo capolavoro del grandissimo John Fante!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Fante, Fante e ancora Fante!
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Che razza di libro
L'arte di bruciare
Il figlio del dio del tuono
Come amare una figlia
La casa di Leyla
Senza toccare
L'improbabilità dell'amore
La grande foresta
La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola
Vita in vendita
L'uomo che aveva visto tutto
Serge
La foresta della notte
L'eredità
Dove sei, mondo bello
Maimai