Dettagli Recensione

 
Io vi vedo
 
Io vi vedo 2013-08-29 20:29:14 Rokiweb
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rokiweb Opinione inserita da Rokiweb    29 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA FURIA

“Tutto per colpa mia, quindi. Io, personaggio scomodo, io poliziotto nell’anima, io segugio che non lascia scampo. Io, vittima e carnefice. Io assassino.”

“I0 VI VEDO” di Simonetta Santamaria, editore TRE60. Ci troviamo davanti ad un thriller mozzafiato, sadico ed agghiacciante. Fin dalle prime pagine veniamo risucchiati da un vortice, e con cattiveria ci sbatte dentro alla storia. Ci troviamo immersi in una lettura cruda e graffiante. La vicenda ha inizio con la brutale morte di Lucia, figlia di un poliziotto, a Napoli nel novembre 2011. Da questo evento si passa a febbraio 2012 , il capo del reparto investigativo di Napoli Maurizio Campobasso deve affrontare, con la sua squadra, un blitz in una cascina abbandonata, il quale si trasformerà in un agguato sanguinoso e mortale. Due situazioni che apparentemente non sembrano collegate, ma allora perché sono così importanti? Che cosa li accomuna?
Durante questo agguato Maurizio Campobasso viene ferito gravemente, sarà costretto a dimettersi dal suo incarico. Abbiamo due indagini (quella del 2011 e quella del 2012) finite nel nulla, rimaste in sospeso. Abbiamo delle dimissioni forzate. Abbiamo un poliziotto, Maurizio Campobasso, tormentato da questi due episodi irrisolti, in più deve affrontare un problema fisico nato dopo il ferimento. Ma non finisce qui… aggiungiamo altra adrenalina ed azione con un serial killer sadico, un giustiziere della notte…dove non arriva la giustizia, agisce lui!
Una Napoli spaccata in due, quella del giorno dove la vita scorre normalmente, e quella della notte… fatta di spacciatori, di informatori, di prostitute, di inganni e di morti ammazzati.
Maurizio Campobasso è un personaggio completo e complesso. Un matrimonio alla deriva. Un intuito speciale per le indagini. Un capo amato e stimato dalla squadra. Tormentato, assetato di giustizia. Un personaggio intenso, profondo, protettivo, ma con un lato oscuro scatenato dal dolore “la Furia” che gli ruggisce dentro.
Caterina Todisco ex collega di Campobasso, una degna collega, una che non molla mai. Anche lei dotata di un intuito particolare. E poi ci sono Emme e Silver due personaggi pelosi…due gatti, che nel loro piccolo, hanno un posticino nella storia.
Un libro straordinario dal ritmo sempre alto, malgrado ci sono tanti colpi di scena, tante situazioni, non trovi un cedimento. Una scrittura fluida, a volte cruda a volte di cuore, di sentimento. Notevole come l’autrice Simonetta Santamaria è riuscita, con le parole, a trasmettere tante emozioni, te le senti scorrere dentro…amore, collera, furia, dolore e vendetta.
Non posso che consigliare la lettura di questo thriller napoletano di Simonetta Santamaria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La seconda porta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri