Dettagli Recensione

 
Rien ne va plus
 
Rien ne va plus 2019-01-19 21:57:15 luvina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
luvina Opinione inserita da luvina    19 Gennaio, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L' "odore" di un giallo

Ed eccoci all’attesissimo seguito di “Fate il vostro gioco” uscito ad appena un mese di distanza, praticamente un libro unico, ed eccoci di nuovo alle prese con il vicequestore Rocco Schiavone.
Il romanzo prende l’avvio proprio da dove era finito l’altro, il colpevole della morte di Favre è in prigione ma i dubbi rimangono: qual è il vero motivo del suo omicidio? Cosa aveva scoperto o cosa nascondeva il pensionato? Quando poi un furgone portavalori con l’incasso del Casinò sparisce letteralmente nel nulla Schiavone capisce che la rapina è strettamente collegata all’omicidio Favre ma anche al Casinò stesso . Il caso si complica ancora di più quando le due guardie giurate che guidavano il furgone vengono ritrovate una narcotizzata e semiassiderata, l’altra cadavere in un torrente.
Ma Schiavone questa volta deve combattere anche con il suo passato, con quel segreto che sta venendo alla luce, contro un nemico del quale non conosce la motivazione ma che lo controlla e lo ostacola tanto che ad un certo punto penserà soltanto a fuggire.
Ma questo è il romanzo dove Rocco Schiavone diventa ancora più umano, ha voglia di “famiglia” anche se quella che ha è in prestito –“Guardò Gabriele, Cecilia, si vide seduto insieme a loro e per la prima volta dopo tanti anni respirò un’aria che gli avrebbe lasciato l’illusione di una tranquillità familiare”- e viene ferito per la prima volta in azione, lui che non porta mai la pistola.
L’autore piano piano sta facendo maturare Rocco Schiavone e noi possiamo seguire i suoi cambiamenti, anche Marina si allontana sempre di più fino a diventare quella che realmente è un fantasma, mentre gli si avvicinano sempre di più le vite dei suoi uomini che in questo capitolo sono anche un po’ più protagonisti ed autonomi.
Che altro dire? Un nuovo romanzo scritto molto bene, con un personaggio che ormai mi ha stregata e del quale sento già la mancanza fino alla prossima avventura che ci sarà visto che Enzo Baiocchi e Sebastiano sono fuggiti. Allora a presto Rocco Schiavone.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Tutti gli altri romanzi con Rocco Schiavone protagonista.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Undici morti non bastano
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre
Come i tulipani gialli
La ragazza che cancellava i ricordi
Fuoco