Dettagli Recensione

 
Dodici rose a Settembre
 
Dodici rose a Settembre 2019-09-13 10:29:07 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    13 Settembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rose rosse per te...

Gelsomina Settembre, detta Mina, ha quarantadue anni, è assistente sociale, separata dal marito e vive ancora nella cameretta di quando era ragazzina. Il matrimonio fallito alle spalle, una passione sociale che ha fortemente voluto diventasse una professione seppur consapevole che mai le avrebbe garantito successo lavorativo e una vera indipendenza economica, e una madre, il Problema n. 1, di nome Concetta, sono un po’ la sintesi della sua vita. Portatrice di un meraviglioso davanzale che non si rassegna alla quinta misura di reggiseno contenitivo all’interno del quale cerca di contenerlo da quando ha sedici anni e di un temperamento deciso e risoluto, la donna si occupa di casi eterogenei e borderline all’interno del consultorio situato in un fatiscente palazzo alla fine di un fatiscente vicolo, con un paio di fatiscenti negozi al piano terra e una fatiscente guardiola che avrebbe, nelle ipotesi, dovuto ospitare un fatiscente portinaio, in quel di Napoli insieme al nuovo e avvenente ginecologo, e per questo super pericolosissimo, Domenico Gambarella, detto Mimmo, e bello come Robert Redford, dal fascino involontario, una fidanzata medico oltre frontiere (con cui non ha il coraggio di troncare perché abituato a rispettare gli impegni presi con massima serietà) e una volontà spesso frustrata. Le giornate (GdM) si susseguono nella più totale ordinarietà, con le solite pazienti abituali e le solite beghe, quando in una mattinata come tante ecco palesarsi la piccola Flor, di anni undici e con una certezza: “sono qui perché penso che mio padre ammazzerà mia madre”.
Ofelia Ramirez, madre di Flor Caputo, figlia di Alfondo Caputo, di origini peruviane, vive in vico Albanesi n. 50, al secondo piano ed è vittima delle prepotenze di quell’uomo invischiato in affari di dubbia legalità. La bambina, stanca di assistere inerme alla situazione, cerca aiuto nell’unico luogo in cui sa che nessuno verrà mai a cercarle o ad avere dei sospetti.
Da qui ha inizio la nuova appassionante avventura narrata da De Giovanni, un racconto dove si susseguiranno molteplici avvenimenti che vedranno da un lato affrontare la tematica del maltrattamento familiare e della violenza fisica e psicologica sui congiunti e dall’altro la risoluzione, da parte dell’ex marito dell’assistente sociale, Claudio, di una serie di misteriosi omicidi aventi tutti quali denominatore comune la presenza di dodici rose rosse recapitate al destinatario di turno in un lasso di tempo variabile ma in modo consecutivo. I due casi, magistralmente e in pieno stile dell’autore, finiranno con l’intrecciarsi in un finale ben strutturato che tiene bene le fila del narrato.
Il risultato è quello di un componimento davvero piacevole, un componimento che si divora e che fa venire voglia di leggere ancora e ancora delle avventure di Mina. Onestamente avevo ravvisato un calo nelle opere del napoletano e dopo la chiusura delle avventure di Ricciardi ero tentata di rallentare con i suoi scritti. “Dodici rose a settembre” mi è arrivato tra le mani per caso ma sono proprio felice di averlo letto e lo consiglio con piacere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Ciao cara,
sai che da appassionata di gialli quale sono, me lo sono immediatamente procurato? lo sto leggendo, purtroppo non mi piace un gran che. finora.... Non so, forse è un periodo in cui dissacro i libri, ma questo qui proprio fatico a finirlo. La protagonista leggera, di scarso spessore narrativo rispetto ad un Ricciardi ci perde totalmente. La storia che non ho ancora terminato, ma sono a metà della narrazione, intriga poco .... Non so. forse è colpa mia, e del mio rapportarmi a loro.. Grazie. buon pomeriggio. Ornella
Io adoro Maurizio De Giovanni, ho letto tutto di lui, ma ammetto di essere spudoratamente di parte, sono napoletano come lui anche se da decenni vivo al nord. Conoscevo già Mina Settembre, da pregressi raccontini del nostro, e non vedo l'ora di leggere questo...ahimè, il tempo latita. Ma se mi muovo, magari lo posto un mio commento a breve, così ci compariamo. Ciao, e complimenti, mi è piaciuto davvero tanto il tuo!
Sono contento che ti sia piaciuto. Mi rendo conto che De Giovanni deve ancora perfezionare alcuni punti per diventare anche un ottimo scrittore "leggero". Però penso che abbia tutti i numeri per riuscire.
Forse deve impratichirsi su alcuni meccanismi della comicità letteraria e migliorare alcuni tempi, ma già adesso mi sembra che le storie filino piuttosto bene.
Non mi meraviglierei se da questo romanzo scaturise pure una serie autonoma dedicata ai battibecchi tra il dott. De Carolis e il Maresciallo.
Il personaggio di Mina è delizioso e, a questo punto, ti consiglio di cercare anche i due raccontini che hanno preceduto il romanzo: sono deliziosi. Sono in due collane Sellerio, ma si trovano pure in autonomi "volumetti" in formato e-book.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
4.1 (3)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri