Dettagli Recensione

 
La casa delle voci
 
La casa delle voci 2020-09-13 14:28:58 andrea70
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    13 Settembre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intrigante ma non il miglior Carrisi

Uno psicologo fiorentino, Pietro Gerber, specializzato nell'ipnosi e particolamente abile nel lavoro con i bambini, viene contattato da una collega australiana che gli chiede di occuparsi di una sua paziente in arrivo in città.
La donna è ormai adulta ma si tratta di lavorare con la "sua parte di bambina" quella che cela un oscuro segreto legato ai primi 10 anni di vita, trascorsi nelle campagne toscane con i genitori e poi adottata da una coppia australiana in seguito ad una tragedia che l'ha resa orfana.
La donna, Hanna Hall ha passato i pimi anni di vita tra vagabondaggi, figure inquietanti e minacciose e il terribile sospetto di essere responsabile della morte del fratellino: è sicuramente un caso interessante, talmente intrigante da far desistere lo psicologo da un iniziale proposito di rifiutare il caso per la convinzione che sia una schizofrenica pericolosa.
Le vicende dell'infanzia di Hanna vengono lentamente a galla, mentre avvenimenti inquietanti sconvolgono la tranquillità della vita i Pietro, come se lei cercasse di entrare in qualche modo nella sua vita .
Pietro ha via via sempre crescente il sospetto che sia la paziente a condurre il gioco e non lui e questo sarebbe molto pericoloso oltre che eticamente sbagliato.
La situazione diventa sempre più delicata e sembra coinvolgere anche il padre di Pietro, anche lui famoso psicologo infantile, e il segreto che Pietro porta con se dal giorno della sua morte, qualcosa che lui gli sussurrò sul letto di morte e di cui Hanna sembra essere misteriosamente a conoscenza.
Riuscirà Pietro a dipanare la matassa dei ricordi di Hanna e a rispondere agli interrogativi che ci pone via via la vicenda ?: chi sono gli estranei e perchè volevano fare del male ad Hanna e ai propri genitori, chi erano i genitori di Hanna , Hanna ha davvero ucciso un bambino ?
Il finale svela ovviamente tutto , sinceramente in maniera piuttosto azzardata e ben poco convincente anche a livello di motivazioni nell'agire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Mi sembra che le sue ultime fatiche abbiano poco a che fare con il suo brillante esordio . Mi aspettavo di più
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri