Dettagli Recensione

 
Una sirena a settembre
 
Una sirena a settembre 2021-07-17 13:27:07 alessandrabrac
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
alessandrabrac Opinione inserita da alessandrabrac    17 Luglio, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ancora un libro che ne richiama altri



Premetto che tra i libri di De Giovanni quelli della serie che hanno protagonista Mina Settembre non sono certo i miei preferiti. Premetto anche che non mi è piaciuta la serie televisiva tratta da questi libri. Ed allora vi chiederete perché ho deciso di leggere questo libro? Sadismo forse o necessità di avere una ulteriore conferma? Boh, non saprei. Sta di fatto che questo libro è stato per me una piacevole sorpresa. Sarà un po' perché racconta varie storie dapprima slegate ma che poi vanno a ricomporsi in un disegno unico ma variegato. Sarà perche la figura di Mina non è tanto in primo piano ma è affiancata da vari altri personaggi che nei libri precedenti erano meno caratterizzati e marginali a partire dall'ex marito per finire con Susi, la sua nuova compagna. Sarà perché mi piacciono i libri che mi richiamano alla mente altri libri e questo lo fa con due letture abbastanza recenti. Il primo richiamo è con Flora di Alessandro Robecchi per l'analisi spietata di un certo tipo di programma televisivo e di giornalismo; anche se Flora e Susi si comportano decisamente in maniera opposta riscattando la seconda la sua intenzione di fare del giornalismo serio e correndo anche i rischi di venire emarginata, mentre la prima agisce sotto la paura del rapimento. L'altro richiamo è con L'ottava vita di Nino Haratischwili per la descrizione delle storie come fili di un medesimo tappeto di cui si riesce a capire il disegno solo alla fine, così come per De Giovanni le storie delle stradine dei Quartieri Spagnoli sono, secondo la descrizione della Signora, tutte collegate tra di loro " piene di connessioni invisibili, fili di nylon che legano ogni persona ad un'altra, e camminando a zig zag, salendo e scendendo per queste stradine strette, salendo affannosamente dai piani bassia a quelli alti e poi scendendo a rotta di collo per le scale, diventa tutta una rete di nylon cosi stretta e inestricabile che puoi raccontare tutto quello che vuoi".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri