Dettagli Recensione

 
Volevo essere una vedova
 
Volevo essere una vedova 2019-10-29 08:40:53 ornella donna
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    29 Ottobre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una mancata maturità

Chiara Moscardelli, dopo aver scritto Volevo essere una gatta morta, torna in libreria con il sequel di questo testo, dal titolo: Volevo essere una vedova. Tanto avevo amato il precedente, quanto ho detestato quest’ultimo.
Là la protagonista era la voce narrante, una trentenne che non riusciva a tenersi un uomo, un fidanzato, un’amante o quello che è. Qui la ritroviamo quarantacinquenne nello stesso stato. Niente uomini allora, niente ora, ne mai. Come è potuto accadere?
“Voleva essere una gatta morta. Ma quando ha capito che non ci sarebbe mai riuscita, non le è rimasto che cambiare strategia.”
E allora qual è la svolta decisiva? Quando
“Capii che tutto è relativo, che i punti di vista cambiano a seconda di chi li guarda e della posizione in cui ci si trova, e che la paura di spiccare il volo ci impedisce anche solo di provarci.”
Filosofia spicciola e banale, ironia diffusa che non conduce a nulla o poco più. Il ritratto di una donna che non riesce ad avere un uomo, che non riesce a fidanzarsi con nessuno, scegliendo sempre quello sbagliato, in primo luogo perché non ama se stessa. Poi ci sono anche altre convergenze.
Una raffigurazione di femmineo che non convince, di scarso spessore, poco o nulla educativo. Mi spiace tanto perché ho amato tutti i libri di questa autrice, soprattutto quelli con Teresa Papavero protagonista; ma questo scritto in prima persona proprio non l’ho apprezzato, soprattutto per la visione di donna che, alla fine, emerge e che non gode di nessuna bellezza. Ho affrontato questa lettura pensando ad una maturità che purtroppo non rilevo. Peccato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Un buon libro inizia dal titolo, sempre. Non è il caso in esame, me ne terrò alla larga.
In risposta ad un precedente commento
ornella donna
29 Ottobre, 2019
Segnala questo commento ad un moderatore
Purtroppo è andata così. Pensavo almeno fosse un libro ironico, su cui sorridere... Neppure questo.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno di vetro
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
In silenzio si uccide
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La congiura dei suicidi
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il sogno di Ryosuke
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Lepanto nel cuore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'amore fa miracoli
La piccola bottega di Parigi
Il traghettatore
Un tè a Chaverton House
Tutto ciò che il paradiso permette
Baci da Polignano
La forza della natura
Non essere ridicola
Divino amore
Volevo essere una vedova
L'amore secondo me
Il calore della neve
L'amore a vent'anni
Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli
Se mi guardo da fuori
L'amore è sempre in ritardo