Dettagli Recensione

 
La custode dei peccati
 
La custode dei peccati 2022-01-31 15:13:25 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Gennaio, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La Mangiapeccati

Megan Campisi è drammaturga, scrittrice ed insegnante. Ha girato il mondo come esperta di teatro fisico. Vive a Brooklyn con la famiglia. Fa il suo esordio nel campo della narrativa con La custode dei peccati, un libro che si ispira alla figura realmente esistita della Mangiapeccati.
Il libro racconta la storia di May, una giovane orfana, che un giorno viene scoperta a rubare. Portata davanti al giudice, le viene riservato un trattamento particolare, che la segnerà per sempre. Affiancherà nel suo lavoro la Mangiapeccati. La cerimonia di marchiatura ha inizio:
“Lui fa un cenno ai Creatoriti. Uno dei due ha in mano qualcosa che luccica. L’altro regge una scatoletta e un bastone biforcuto. Vengono verso di me, e all’improvviso vorrei solo un lenzuolo da tirare sopra il viso per nascondermi. Il primo Creatorita solleva un pesante collare d’ottone con la grossa S di sin, “peccato”, che pende sul davanti e una robusta serratura sul retro.(…) il collare si chiude intorno alla mia gola. E’ pesante e freddo (…) il secondo Creatorita afferra la serratura e v’infila il piolo. Lo scatto della chiusura mi risuona perfino nelle viscere.”
Ma chi è la Mangiapeccati?
“La Mangiapeccati si aggira tra noi, invisibile, inudibile. I peccati della nostra carne diventano i peccati della sua, così che possa portarli nella tomba. Invisibile, inudibile, la mangia peccati si aggira tra noi.”
Così a May non rimane che incontrare l’altra Mangiapeccati, ed imparare da lei “il mestiere”, ad iniziare con la formula di rito:
“L’invisibile è ora visibile. L’inudibile è ora udibile. I tuoi peccati, li porterò nella tomba. Parla.”
Per lei, totalmente analfabeta, è l’occasione per imparare. Fino a quando, un giorno, vengono chiamate al castello, al cospetto della regina. Una delle dame di corte sta male. La cerimonia ha inizio, e i peccati associati al cibo. Quando le portate giungono al cospetto della Mangiapeccati, c’è anche la carne di cervo, che significa omicidio. Ma loro non lo avevano richiesto. Com’è giunto fino a loro? Qual è la verità? La Mangiapeccati anziana si rifiuta e per questo è condannata a morte per lapidazione. A May non rimane che fare buon viso a cattivo gioco. Che le accadrà d’ora innanzi? Quale sarà la sua vita?
Un romanzo storico potente, dalla prosa perfetta, precisa e circostanziale. Una figura di donna di grande riscatto, destinata a sicuro successo. Una trama ben congegnata, personaggi ben delineati, fanno di questa una lettura accattivante ed intrigante. Un romanzo storico d’esordio destinato a colpire i lettori e a proseguire nel tempo, magari con altre avventure. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La grande fortuna
Sabotaggio
Nuove abitudini
Linea di fuoco
L'ufficio degli affari occulti
Il mago
La moglie del lobotomista
La guerra di H
Il canto di Calliope
L'aria innocente dell'estate
Max e Flora
Rincorrendo l'amore
Giochi proibiti
Il canto di Mr Dickens
I Netanyahu
Oblio e perdono