Narrativa italiana Letteratura rosa Quando meno te lo aspetti
 

Quando meno te lo aspetti Quando meno te lo aspetti

Quando meno te lo aspetti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La protagonista è Penelope Stregatti, barese trapiantata a Milano, addetta stampa nella multinazionale di pannolini Pimpax Spa. Penelope ha una laurea, due master, un piccolo gruppo di amici fidatissimi, una nonna cartomante e una lista di sogni (ma non ne ha realizzato nemmeno uno). Tra tutti, desidera l'amore con la A maiuscola e incrocia solo uomini in cerca di sesso con la esse minuscola, ma va avanti pensando che prima o poi le accadrà qualcosa di speciale. E così, quando investe con la bicicletta il bellissimo Alberto Ristori, capisce che questo qualcosa è arrivato. Un mese dopo si presenta alla Pimpax Spa un consulente incaricato di sanare l'azienda: Riccardo Galanti. Ma Penelope sa che sta mentendo, quell'uomo lo conosce: è Alberto Ristori. Perché ha cambiato nome? Perché dice di non averla mai incontrata? Cosa nasconde quest'uomo così affascinante e tenebroso? A Penelope non resta che scoprirlo...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Quando meno te lo aspetti 2018-01-05 23:15:23 ALI77
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    06 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA VITA NON E' UNA FAVOLA

Penelope è la protagonista del romanzo, una donna di 36 anni che lavora come addetta stampa in una multinazionale di pannolini e scrive degli articoli per una rivista online chiamata“Girl Power”.
Inizio con il dire che mi aspettavo di più da Chiara Moscardelli, dopo aver letto con entusiasmo il suo libro “La vita non è un film ma a volte ci somiglia”. E’ stato un romanzo che mi aveva da subito conquistata e che secondo me aveva anche una trama originale, cosa che invece non è successa in questo caso.
Quello che in questa storia non ha funzionato è per me proprio il personaggio principale di Penelope, che risulta essere poco credibile e poco reale, fa pensare al lettore che le donne trentenni non possano vivere senza un uomo accanto che le protegga e che le completi.
Inoltre Penelope è troppo maldestra, troppo sfortunata in amore e beve troppo e troppo spesso, sicuramente quello che esce risulta essere un quadro non solo di una donna, ma di un’intera generazione di donne che non hanno uno scopo se non quello di trovare un uomo decente che possa sopportarle e che rimanga al loro fianco.
Penelope non è bella, ma è sicuramente una donna intelligente e quindi mi aspetto anche che andando avanti nella storia lei abbia un’evoluzione, che capisca che può anche star da sola e riuscire lo stesso ad essere felice e a trovare un posto nel mondo. Questo non significa che debba rinunciare all’amore, ma che possa trovare una persona che la faccia stare bene e non inseguire un sogno che non si realizzerà.
L’autrice ci prova anche questa volta a creare una storia con un fondo di mistero, con un giallo da scoprire ma io non l’ho trovato così interessante e così avvincente.
Non mi sono divertita, le battute dei personaggi sono troppo banali, superficiali e alquanto improbabili, lo stile dell’autrice è scorrevole ma il libro risulta essere noioso e privo di emozioni.
Le premesse c’erano, la storia poteva essere veramente frizzante e ironica, potevo passare delle ore in spensieratezza ma così non è stato, le prime pagine mi avevano anche colpita e tutto stava filando liscio, fino a quando non ha prevalso l’animo romantico e fiabesco dell’autrice che ha rovinato la storia.
Alcuni diranno che i libri devono far sognare ma credo che dobbiamo sempre considerare che nella realtà una storia come quella di Penelope non potrà mai succedere, come il lieto fine che ne consegue e che tutti ci aspettiamo.
Per me questo libro è stata una vera e propria delusione, avevo molte aspettative che sono state disattese, spero che i prossimi romanzi siano all’altezza della bravura dell’autrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri