Cyclops Cyclops

Cyclops

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

1918: la carboniera Cyclops che trasporta trecento passeggeri e un prezioso carico affonda in circostanze misteriose al largo delle coste cubane... 1988: Raymond LeBaron, un finanziere con la passione per l'avventura, decide di recuperare la Cyclops, ma l'uomo muore, lasciando una vedova molto disposta a essere consolata. Dirck Pitt, nella veste di direttore dei Progetti Spaciali della NUMA, predispone un piano per il recupero della nave. E presto capisce che quel naufragio è solo un particolare di uno scenario complicato che vede coinvolte le massime potenze mondiali in lotta per la conquista di qualcosa che va al di là delle più sfrenate ambizioni umane.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Cyclops 2013-11-27 12:13:25 Todaoda
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    27 Novembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Già noto, purtroppo.

Il romanzo più cinematografico (per quanto non sia mai stato soggetto ad un adattamento per grande schermo), più commerciale (per quanto non sia mai stato considerato esattamente un best seller) e forse meno creativo di Cussler. Non potendo pretendere infatti da questo genere di narrativa l’eccellenza stilistica è ai contenuti che occorre volgere l'attenzione, e i contenuti in quest'opera purtroppo non solo sono banali e scontati, ma ricalcano di fatto tutti i temi dei suoi due precedenti romanzi e di quel filone spionistico che dagli anni '60 in poi, grazie soprattutto al cinema, è rimasto in voga fino ai giorni nostri. E se i due precedenti lavori sono sì altrettanto comuni, ma schiudono tra le righe panorami di insospettata profondità (specialmente il primo, Salto nel Buio) qui torna a essere tutto piatto e normale, come appunto il più "fracassone" dei popcorn movie.
Guerre sussurrate, documenti segreti, super potenze capitaliste contro super potenze comuniste, colpi di stato mancati, missioni nello spazio e al centro di tutto questo un solo uomo che possa salvare l'umanità, un solo eroe e il suo nome è James Bon...ah no Dirk Pitt. Uff, c'è mancato poco!
Ispirarsi agli archetipi di un genere talvolta è doveroso e imprescindibile, scopiazzare qualche variopinta idea al contrario è superfluo e pericoloso. Copiare infatti è un arte complicata che se non la si padroneggia perfettamente, dissimulando ogni riferimento alle fonti, il novanta percento delle volte rischia di ritorcersi contro l'autore, facendolo diventare se non uno sfruttatore di glorie altrui (è difficile parlare in questi termini in letteratura) sicuramente "uno dei tanti", uno "comune", una voce insomma nel coro dei "già letto", "già visto" e "già sentito."
È anche sì vero comunque che non è giusto definire Cyclops un totale buco nell'acqua, poichè qualche spunto divertente in realtà gli va riconosciuto: l'antagonista dal volto già noto e il finale quasi da commedia degli equivoci, anche se niente più che striminzite scialuppe nella burrasca della convenzionalità, sono a loro modo innovativi nella bibliografia dell'autore; e non è neppure giusto definire Cyclops un passo falso, poichè in fin dei conti è semplicemente un libro ingenuo, come ingenuo è stato l'autore a suo tempo che, a differenza di tanti suoi colleghi, non è riuscito a riciclare camuffandole adeguatamente delle tematiche fin troppo sfruttate. E' giusto tenere invece a mente che l'ingenuità quando è sinonimo di onestà può anche essere un pregio.
Ma in fine, onestà per onestà, bisogna rendersi anche conto quando la stima (altrove meritata) che si nutre per l' autore porta colui che scrive a non essere più obiettivo e a calzare i panni (qui quanto mai stretti) dell' avvocato del diavolo...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri