Narrativa straniera Avventura Missione Ararat
 

Missione Ararat Missione Ararat

Missione Ararat

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Quando un terremoto rivela una grotta segreta, nascosta tra le pareti del Monte Ararat in Turchia, una coraggiosa coppia di avventurieri è determinata a esplorarla per prima. Quello che scopriranno è destinato a cambiare il mondo. Messo insieme un team di speleologi, archeologi e documentaristi, riescono finalmente a raggiungere e a entrare nella cavità del monte. Sembra incredibile, ma la grotta altro non è che un’antica nave sepolta, un relitto finito a quell’altitudine in tempi remoti. Si tratta dunque dell’Arca di Noè? Nei recessi dell’antro è custodito un elaborato sarcofago, all’interno del quale riposano da millenni i resti di un mostruoso cadavere. Non è di certo il patriarca biblico che avevano immaginato di trovare: si tratta invece di una spaventosa creatura con le corna.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Missione Ararat 2018-03-02 22:18:04 fablic
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
fablic Opinione inserita da fablic    03 Marzo, 2018
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’Arca di Noè esiste, ma…

Catturato dall’entusiasmante plot di “Missione Ararat” scritta da Cristopher Golden, mi sono tuffato nella lettura di questo romanzo. Gli elementi c’erano tutti: la sensazionale scoperta della presunta Arca di Noè, incastrata sull’altura del monte Ararat, il conseguente rompicapo spiegato “logicamente” solo dalle Sacre Scritture, il ritrovamento di un corpo per alcuni versi non umano, scritture filologicamente misteriose. Insomma c’era molta carne al fuoco, il problema è stata…la cottura.
A determinare l’incipit, è un evento eccezionale, ovvero una forte scossa di terremoto, rivelatore dell’antico reperto. Dopo una snella caratterizzazione e messa a fuoco dei personaggi, prende corpo una spedizione per sciogliere il secolare mistero. Gli elementi della prima parte, costituiti da luoghi, personaggi, descrizioni, dialoghi, riflessioni, sono ben sviluppati e coordinati, come lo stile, chiaro e scorrevole. Verso la fine della prima metà del libro, il climax sale di tono molto lentamente, forse anche troppo, sortendo due effetti contrari: se una tensione non risolta contribuisce ad alimentare il mistero, spingendo il lettore a proseguire ad oltranza la lettura, per effetto opposto, inizia ad annoiare. Il vero problema di questo romanzo è strutturale. Manca il dramma. Il conflitto c’è, ma è debole. Come se non bastasse, il registro linguistico dei vari personaggi inizia a diventare uniforme, quindi piatto, senza contare numerose divagazioni e riflessioni che sfociano in una ridondanza di pensiero. A mio avviso comunque, il difetto più vistoso, consiste nella mancata caratterizzazione del malvagio, che si traduce in una sistematica volontà di fare del male. È un vero peccato, poiché la trattazione del Bolognium (elemento fantastico) è di tutto rispetto. Il crogiolo (tecnica narrativa strettamente collegata al conflitto, che obbliga i personaggi a stare insieme pur perseguendo obiettivi diversi), si sviluppa blandamente, con la funzione di movimentare le scene, ma oramai siamo quasi alla fine della storia. Altro espediente o tentativo di animare il romanzo, è quello di inserire qualche scena violenta, tipicamente splatter, che stona e stride con il resto della storia.
In conclusione, “Missione Ararat” rimane un romanzo interessante, consigliato a chi ha una propensione più per una letteratura d’evasione meditativa e riflessiva, piuttosto che d’azione e forti emozioni.

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Un'amicizia
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri