Il cacciatore Il cacciatore

Il cacciatore

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

America dell’Ovest, primi anni del Novecento. I giornali l’hanno soprannominato «Il Macellaio» non a caso: appare dal nulla come un fantasma, rapina le banche il giorno di paga dei minatori e scompare senza lasciarsi dietro né tracce né testimoni. La Van Dorn Detective Agency ha deciso di affidare il caso al suo uomo migliore, Isaac Bell. Basandosi solo sul proprio straordinario intuito, Bell inizia le indagini. E il bandolo dell’intricata matassa sembra proprio essere un’avventuriera bellissima e senza scrupoli, che si fa chiamare Rose Manteca, una donna che ha già irretito uno degli investigatori della Van Dorn e che sembra molto interessata a sedurre Bell. Forse Rose potrebbe condurli al Macellaio...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cacciatore 2013-09-14 07:15:29 Todaoda
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Todaoda Opinione inserita da Todaoda    14 Settembre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritmo & nostalgia

Già visto, già letto, già sentito, per questo genere di libri spesso non c’è mai molto da dire: alcuni si inseriscono bene nel loro settore di narrativa non impegnata, altri invece riescono soltanto a inserirsi grazie alla notorietà dell’autore che li scrive. E il loro settore generalmente si colloca tra le scatole di pelati e le conserve della nonna, nei grandi magazzini, o tra le mani sudate dei bagnanti sotto gli ombrelloni.
Vero, Cussler, King, Follett, Crichton (e qualcun altro che ho sicuramente dimenticato) sono i grandi della letteratura popolare, ma anche se hanno sempre qualcosa in più rispetto ai loro giovani ed improvvisati colleghi, purtroppo vanno sempre osservati, recensiti e giudicati con obiettività. E l'obiettività ci rammenta ogni volta che anche loro, persino loro, rientrano nell' ambito della letteratura da spiaggia, o da supermercato che dir si voglia, e dunque in tale ambito vanno sempre giudicati.
Il cacciatore non fa eccezione, non è un romanzo profondo, impegnato, intimo, e anche lui si inserisce nella sopracitata nicchia di mercato, ma a differenza di molti altri libri, grazie a Dio (grazie soprattutto se si è un fan dell’autore da più di vent’anni e se si è cresciuti leggendo i suoi romanzi, sognando di vivere le avventure dei suoi protagonisti), grazie a Dio dunque, ma soprattutto grazie a Cussler, in questa categoria risalta particolarmente e non tanto per contenuti (la storia, pur ambientata nel passato, è infatti piuttosto canonica, per non dire banale) o per trovate (i mitici arguti, ma ormai attesi, colpi di scena che han reso famoso l’autore), quanto per stile.
Sarà infatti che è il primo libro che Clive scrive da solo dopo parecchi anni, sarà che è difficile trovare un approfondimento e una simile cura per il dettaglio nei romanzi dei suoi colleghi autori (Crichton a parte, ma è anche un altro genere), sarà che, va bene, non c’è nulla di che per buona metà del libro e i dialoghi sono stereotipati quanto i personaggi ma quando inizia l’azione vera è propria, quando comincia la caccia, l’inseguimento (da cui il titolo originale "The Chase"), il ritmo è davvero incalzante e la storia per quanto ingenua diventa realmente avvincente; sarà dunque questo, e sarà anche che l’autore grazie alla sua esperienza ormai quasi cinquantennale di certo sa come mettere insieme i vari elementi di una trama per suscitare l’interesse del lettore (vedasi la parte relativa alla "catastrofe", netta, concreta, precisa, toccante eppure non retorica), e che qui, in questo romanzo, cambiando scenari, ambientazioni, personaggi, parrebbe aver ritrovato finalmente la voglia di scrivere, ma Il Cacciatore nel suo genere è veramente degno di nota ed è la dimostrazione che Cussler merita quella considerazione che gli riserva da anni il panorama letterario mondiale.
Non c’è introspezione, non c’è profondità, non c’è ne messaggio ne morale, soltanto fatti messi in fila uno dopo l’altro per creare una storia, per raccontare una vicenda, ma se solo ci si scorda per un istante che questo romanzo in realtà non apporta nulla alla propria crescita personale, almeno nulla di nuovo, se solo ci si dimentica che è un romanzo senza pretese, se solo ci si lascia andare alla cadenza della narrazione, alla sua trama, al suo incessante incedere, come si faceva un tempo da ragazzi, ci si ritroverà catapultati in un mondo fiabesco e reale, un mondo di gangster, banditi, investigatori privati, belle donne, belle macchine e bella musica, un mondo permeato da quella atmosfera suadente e romantica che solo il mito del passato può avere, che solo un grande scrittore riesce a rendere.
No,The Chase, non è un romanzo su cui si deve riflettere, non è uno di quei racconti che estrapolano, spiegano, il punto di vista dell’autore su un argomento, non è uno di quegli stupendi trascendenti e catartici scritti che ci aiutano a comprendere meglio la realtà, ad apprezzarla di più, ne tantomeno è un saggio esplicativo di un pensiero, di una teoria con cui ci si può trovare d’accordo oppure no; è un romanzo semplice, schietto, diretto, è un romanzo che si legge così per come è, senza pensarci su.
Sì, lo si legge e basta... ma lo si legge tutto d’un fiato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Cussler e letteratura noir
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il cacciatore 2013-07-21 11:09:43 Fabrizio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Fabrizio    21 Luglio, 2013

veramente bellissimo

Ho appena finito di leggere questo meraviglioso libro, mi è piaciuto moltissimo. La descrizione dei personaggi è molto dettagliata come quella dei luoghi in cui è ambientata la storia. È un titolo che consiglio a chi piace il genere azione intriso di suspense e ricorrente trepidazione. Il lettore si trova così coinvolto in una intricata ricerca dal ritmo sempre pi serrato che vedrà anche la presenza di una coinvolgente storia d'amore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri