Narrativa straniera Avventura Il giorno della tigre
 

Il giorno della tigre Il giorno della tigre

Il giorno della tigre

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Wilbur Smith aggiunge un nuovo capitolo alla saga dei Courteney, ambientata nel XVIII secolo, nella quale azione, drammi, passioni e travolgenti avventure, sui mari e non solo, colmano ogni pagina. Già protagonista di Monsone e Orizzonte, Tom Courteney, uno dei quattro figli del comandante Sir Hal Courteney, salpa per un viaggio pericoloso attraverso le sconfinate distese dell’oceano, affrontando nemici senza scrupoli in scenari esotici. Così come il vento gonfia le sue vele, la passione guida il cuore di Tom Courteney, che, solcando i mari verso l’ignoto, andrà incontro al proprio destino, gettando le basi per il futuro della famiglia Courteney. Dopo Il dio del deserto e L’ultimo faraone, Wilbur Smith dimostra ancora una volta la propria maestria nel regalarci emozioni, sullo sfondo di un’epoca ormai lontana eppure drammaticamente attuale.

Recensione della Redazione QLibri

 
Il giorno della tigre 2017-11-28 14:09:49 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    28 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'esotismo di Wilbur Smith

Wilbur Smith approda in libreria con Il giorno della tigre, una nuova,avvincente ed intrigante, avventura della cosiddetta “saga dei Courteney”. Smith aggiunge una nuova pagina alla saga che lo ha accompagnato per tutta la vita, riprende, così, la storia della famiglia britannica impiantata nell’Africa Orientale che tanta parte ha avuto nel suo successo di scrittore. Il giorno della tigre, scritto con Tom Harper, aggiunge un nuovo tassello al mosaico genealogico Courteney, ma soprattutto mostra un legame profondo esistente tra il continente africano e Smith stesso, fra un uomo e le generazioni che lo precedono e seguono. Wilburn Smith è trentasei libri, tradotti in quaranta lingue, centotrentadue milioni di copie, e diecimila interviste rilasciate, e una grande voglia di continuare a scrivere e a narrare.
La stirpe dei Courteney è un’antica famiglia di origine inglese, appunto, che ha avuto la sua migliore sorte din Africa. La prima avventura di questi protagonisti è datata nel lontano 1667, e il libro in cui la si racconta è intitolato Uccelli da preda, proseguendo, poi, con Monsone, Il destino del leone, La voce del tuono, Gli eredi dell’eden, per approdare a quest’ultimo Il giorno della tigre. L’età dell’imperialismo è sullo sfondo, insieme al continente africano. Qui l’avventura si svolge tra l’estremo Sud Africa, attraverso il Mar Caraibico, approdando alle coste dell’India. Un viaggio pericoloso ed irto di insidie, con nemici vili e brutali: infatti il giovane Tom Courteney inizia la traversata avvistando immediatamente una nave mercantile che sta per essere attaccata dai pirati, e non esita ad intervenire, mettendo a repentaglio la propria vita e quella del fratello Dorian, uscendo vittorioso dallo scontro. Tom è un abile navigatore, commerciante, e:
“Non aveva rimpianti, ma non aveva dimenticato la sua infanzia: la grande ed antica dimora, la cappella con innumerevoli Courteney sepolti nella cripta, i domestici che avevano accudito suo nonno e i cui figli avrebbero servito generazioni di Corteney non ancora nate. Il senso di appartenenza lo rendeva consapevole che, per quanto l’albero di famiglia potesse protendere i suoi rami verso localit remote, avrebbe mantenuto forti e profonde radici in quel luogo.”
Figura di notevole fascino è anche quella di Dorian Courteney, che:
“A undici anni era stato catturato dai pirati arabi, ridotto in schiavitù, acquistato da un principe dell’Oman per i suoi capelli rossi simili a quelli del profeta Maometto e cresciuto nella sua dimora come un figlio adottivo.”
“Tom aveva impiegato un decennio per ritrovarlo, dieci anni durante i quali lo aveva creduto morto. (…) Quando i due fratelli si erano finalmente rincontrati, nel deserto dell’Africa orientale, Tom non lo aveva nemmeno riconosciuto ed erano stati sul punto di uccidersi a vicenda:”
Nello stesso momento dello scontro in mare, molto più lontano, nel Devonshire, un altro Corteney è in gravi difficoltà. Francis, figlio di William, ucciso da Tom, in seguito al tracollo finanziario del patrigno, è costretto a fuggire, determinato a catturare il famoso zio, che lui ritiene responsabile della morte violenta del padre. In preda ad una rabbia cieca e ad una furiosa sete di vendetta decide di prendere il mare. Dopo tante sofferte peripezie approda in Sud Africa, ma si trova a fare i conti con una verità differente da quella creduta finora, e ne esce sopraffatto e disorientato. Un altro personaggio di rilievo è Christopher Courteney: figlio di Guy, governatore di Bombay, uomo privo di scrupoli e di morale, cinico e burbero, vistosi respingere la sua domanda di matrimonio dallo stesso, decide di abbandonare il suo ruolo di privilegio per mettersi in viaggio, e conquistare una propria, personale ricchezza. Ma le vicissitudini sono innumerevoli, gli ostacoli da affrontare lo induriscono nel corpo e nello spirito, ma l’interiorità guerriera, di cui fin dall’infanzia, è stato temprato, lo aiutano nel raggiungimento dell’obiettivo.
Una saga che ammalia e conquista i lettori di tutto il mondo. Un soffuso fascino ed ammirazione per l’esotico emergono in modo preponderante per tutta la narrazione. Figure affamate di peripezie che solcano i mari verso l’ignoto, sfidando il proprio destino, tra pirati, commercianti avidi e uomini vendicativi. Il fil rouge della narrazione passa attraverso un elemento che, di per se, è portatore di avventure, il mare. Ed è proprio fra i guizzi del liquido azzurro che Smith racconta di un viaggio pericoloso.Viaggio che reca in sé azione, intrighi, segreti millenari, passioni e travolgenti avventure, in un mondo lontano, ricco di malia e di mistero. E:
“il vento della passione per la scrittura che gonfia le vele che Wilbur Smith dipinge sulle acque.”
Per gli appassionati del genere avventuroso e per le saghe una nuova lettura, da compiere nelle lunghe serate invernali, immersi nel calore e nel fascino dell’esotico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha letto ed amato i libri della saga dei Courteney.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stanza della tessitrice
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Mio fratello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Leone
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le rughe del sorriso
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fate il vostro gioco
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Matrigna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bontà
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il giro dell'oca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Game
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rumore del mondo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Suite 405
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Addio fantasmi
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri