Revenant Revenant

Revenant

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Glass è un esploratore e un cacciatore di pellicce che nel 1822 prende parte a una spedizione lungo il fiume Missouri e i suoi affluenti. L'ultimo avamposto americano, uno sperduto forte dell'esercito, è lontano una settimana di cammino: il resto è territorio di caccia di Sioux tutt'altro che in buoni rapporti con l'uomo bianco. E' qui che Glass, separatosi dal gruppo per trovare provviste, viene assalito da un orso. Vedendo in che condizioni l'ha ridotto l'animale, i compagni si convincono che gli resta poco da vivere: il grosso della spedizione procede nel viaggio, lasciando il trapper con due uomini, John Fitzgerald e Jim Bridger, incaricati di vegliare le sue ultime ore. Ma il destino sembra avere un conto in sospeso: i tre avvistano un gruppo di guerrieri indiani. Fitzgerald e Bridger, presi dal panico, abbandonano Glass, rubandogli le armi. Sembrerebbe la fine di Hugh Glass e invece è solo l'inizio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Revenant 2017-06-21 15:55:41 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    21 Giugno, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Montecristo in salsa western.

1822. Hugh Glass partecipa ad una spedizione di cacciatori di pellicce intorno al Missouri. È taciturno, pacato, affidabile. Sa orientarsi, trovare il cibo, riconoscere gli Indiani e parlare con loro. E ucciderli, alla bisogna. Un uomo prezioso, per il capitano Henry, in un’accozzaglia di tipi non sempre raccomandabili, il suo braccio destro. L’uomo a cui chiedere consiglio e anche con cui, qualche volta, confidarsi.
Ma Hugh viene attaccato da un’orsa (e leggere questa descrizione non può far che sorridere della scialba resa filmica del tutto) e nonostante il suo coraggio rimane a terra peggio che morto, con orrende ferite al volto, alle spalle e la gola squarciata.
Ma vivo.
Questione di tempo, e anche poco, secondo l’opinione di tutti.
Il Capitano Henry fa tutto quello che può per il suo uomo: cerca di curarlo, fa costruire una piccola barella e lo porta con sé.
Finché può. Perché ad un certo punto il cammino è troppo impervio per una barella. Perché sono in un territorio di Indiani ostili e attardarsi per un uomo può significare la morte di tutti.
“I fieri individui che componevano la sua comunità di frontiera erano legati dal ferreo vincolo della responsabilità collettiva. Sebbene non ci fossero leggi scritte, esisteva una sorta di diritto naturale, un patto da rispettare che trascendeva gli interessi egoistici. Era di una profondità biblica, e la sua importanza andava aumentando man mano che ci si inoltrava nella natura selvaggia: in caso di bisogno, dovevi tendere una mano sollecita ad amici, compagni e finanche estranei. Perché un giorno anche la tua sopravvivenza poteva dipendere dalla mano tesa di qualcun altro.”
Infine Henry decide. Promette un grosso premio in denaro ai due uomini che sceglieranno di rimanere con Glass nelle sue ultime ore; lui proseguirà con il resto della squadra.
Si offre Black Harris, amico di Hugh Glass, ma le sue abilità sono troppo preziose per il gruppo. Alla fine accettano Bridger, un ragazzo alla sua prima caccia, timido e gentile e Fitzgerald, che già in poche righe ha fatto capire di essere spregevole ed abbietto.
Bridger si prodiga per Glass, che continua a peggiorare. Dal canto suo Fitzgerald spera che si spicci a tirare gli ultimi.
Ma la situazione peggiora ancora. Bridger e Fitzgerald sono costretti ad abbandonare Glass.
Non solo.
Ma si portano via il suo fucile e il suo coltello.
E se Glass l’abbandono avrebbe potuto comprenderlo, il furto no.
Infatti Glass non comprende.
Ma sopravvive e cerca la sua vendetta.
Questa la trama del libro.
Che dalla sua ha una trama tosta e senza fronzoli (quelli ce li ha messi tutti Inarritu nel film) e delle descrizioni che, in una parola, sono stupende. Quella dell’attacco dell’orsa, all’inizio, ti inchioda immobile dove ti trovi (e nel mio caso mi ha pure costretto a ripararmi il collo per tutto il tempo), ma anche l’attacco dei lupi, la lotta di Glass contro il fuoco che non “prende” durante la bufera di neve, la discesa del fiume con i Francesi… pezzi davvero stupendi (e l’ultima volta che mi sono commossa per una descrizione… vediamo… era Hemingway). Di contro il resto non sempre è all’altezza. I personaggi, secondo me, non vengono sempre bene “fuori dalle pagine” e soprattutto Glass, alla fine, appare un po’ una citazione, più che un personaggio.
Non di meno la forza del plot fa superare allegramente questo “difetto” e il libro è perfettamente godibile.

[Se fossi costretta a dire due parole sul film, direi che ho piantato lì dopo un quarto d’ora e mi sono messa a fare l’inventario delle foto della Sicilia.
Per ragioni che non capisco la trama lineare – che è la forza del libro – viene sbrodolata in un complicato rimando di vendette incrociate costellato dall’insopportabile moglie indiana morta di Glass che di tanto in tanto se ne viene fuori con le sue tirate in elfico. Per tacere del figlio morto.
Il Glass del libro ha il cuore abbondantemente spezzato da prima e non ci pensa neanche a vendicare qualcun altro. Vendica sé stesso.
Non per essere stato abbandonato moribondo, ma per essere stato privato di qualunque possibilità di difesa.
Era perfetto così, cosa sbrodoli?
Per il resto. Di Caprio non lo sopporto e si sa. La scena dell’orsa è così bella nel libro che l’unico modo di renderla degnamente è fare a mo’ di tragedia greca: la fai descrivere a parole dal primo che arriva sul posto e poi fai trovare Glass ferito e agonizzante.
Non voglio cosi male a LdC da volergli far girare una scena realistica.
E quella realizzata, fra l’infelice stuntman a fare l’orsa e la CGI sarà anche stata il meglio che si potesse fare. E Inarritu si sarà anche studiato tutto il National Geographic sui grizzly, buon per lui.
Però veramente veramente veramente NO.
Ed è la cosa migliore.]

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Revenant 2016-05-22 07:46:37 Phoenix25
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Phoenix25 Opinione inserita da Phoenix25    22 Mag, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il vero riscatto

Ho deciso di leggere questo romanzo dopo aver visto la consegna dell'Oscar a Di Caprio per il relativo film. Film che vedrò di sicuro.
Glass, prima attaccato da un grizzly e poi abbandonato dai suoi compagni, si ritrova a dover fare i conti con la sopravvivenza nei territori delle frontiere americane, circondato da tribù indiane non tutte amichevoli. Vuole sopravvivere per vendicarsi dei suoi compagni e il viaggio verso il riscatto prenderà diverse pieghe impreviste.

Come la recensione precedente, concordo con Raspanti sulla somiglianza nelle descrizioni realistiche di McCarthy. L'autore utilizza un linguaggio semplice e diretto senza fronzoli, che però é in grado di portare il lettore nella dimensione di Glass, uomo di valori e rispettoso verso il prossimo.
Lettura avvincente e mai noiosa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
McCarthy
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Revenant 2016-02-03 01:55:07 Visitatore
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Visitatore Opinione inserita da    03 Febbraio, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando la realtà supera l'immaginazione

Ho acquistato il libro in tempi non sospetti, nessun idea che ci fosse un film all'orizzonte, spinta dal mio grande amore per la letteratura americana. Questo è il romanzo più simile alle descrizioni della frontiera Americana fatte da McCarthy mai letto. Bello, estremamente coinvolgente e scritto con uno stile asciutto ma davvero curato. Sono entrata con prepotenza nelle pianure dove il fiume Missouri porta fino alle montagna rocciose. Hug Glass, e' una figura storica realmente esistita, sopravvissuto all'incontro con un grizzly (ho visto il film e Oscar al regista che ha dato un tale realismo all'attacco da sembrare oltre l'immaginabile), creduto morto dai suoi compagni, viene abbandonato ma riesce con la sua forza di volontà e la grande conoscenza del territorio ha sopravvivere e ... Mi sono permessa di andare oltre al mio solito lecito "no spoiler" perché grazie al film e' stata già ampiamente raccontata la storia.
Altra parte davvero interessante del romanzo è la visione storicamente accurato del commercio in atto in quel periodo sulle pellicce, sul controllo del territorio in un miscuglio di Bianchi europei e indiani. Le zone ancora inesplorate, una natura che non perdona nulla ma in totale equilibrio e indifferente, al momento, alla venuta dei primi uomini barbuti che ne saggiavano le possibilità. Siamo ai primi commerci intensivi sul suolo statunitense. Consigliatissimo a chi ama McCarthy, non arriva ai suoi lirismi premetto, ma coinvolge moltissimo.

Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Racconti dei mari del sud
L'isola misteriosa
Il cerchio celtico
Jungle Rudy
Clean. Tabula rasa
Il re dei rovi
Codice Kingfisher
Missione Odessa
L'ultima discesa
I viaggi di Daniel Ascher
Missione Ararat
I cercatori di ossa
Monsone
L'enigma di Einstein
La stanza segreta dello Zar
Il segno della croce