Doom. Endgame Doom. Endgame

Doom. Endgame

Letteratura straniera

Editore


Lasciarono indietro ogni cosa a loro cara – la loro terra, i loro amici, i loro amati – per iniziare un viaggio verso le stelle. Il Sergente Flynn “Fly” Taggart e il Caprolae Arlene Sanders, dei Marines degli Stati Uniti d’America hanno raggiunto la loro metà: il pianeta natale dei demoni che hanno invaso e distrutto la Terra. Ma quello che li aspetta è un incubo senza precedenti. Fly e Arlene si ritroveranno faccia a faccia con i peggiori demoni che abbiano mai visto. La guerra sulla Terra è finita, ma la guerra per le stelle è appena iniziata.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Doom. Endgame 2014-03-19 10:16:35 Donatello92
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Donatello92 Opinione inserita da Donatello92    19 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Next-Gen

Non è facile parlare molto del capitolo conclusivo di una saga che va avanti da 4 volumi, specie sapendo che, chi vorrà leggerlo, avrà già intrapreso un percorso letterario di 3 romanzi e non avrà bisogno del mio parere, ma sento comunque di dover dare un giudizio a questo Endgame che si colloca, all'interno di pareri discordanti per tutti gli altri DOOM, in una posizione di media godibilità.
Endgame è, infatti, un buon romanzo, scritto bene (forse meglio degli altri, ma in maniera un pò prolissa) e con le carte in regola per quanto riguarda la grammatica, lo stile e tutta quella lunga serie di trovate di cui abbiamo già ampiamente discusso nei capitoli precedenti. Quel che lo rende diverso, tuttavia, è il contenuto.
Non vorrei spoilerare la trama ai più, quindi mi limito a dire che il romanzo fornisce un pò tutte le risposte che ci aspettavamo a quella infinita serie di quesiti sorta nel lungo percorso di Knee-Deep In The Dead, introducendo molti nuovi personaggi e riprendendone alcuni dal passato. Il problema è il modo in cui lo fa: razze aliene che non hanno niente a che vedere con quello che ci era stato presentato in ben tre altri libri, situazioni al limite del paradossale, fantascienza confusionaria che si perde fra navi, forze di gravità, relatività fisiche e mille altre derivazioni matematiche di cui avremmo volentieri fatto a meno, descrizioni che si soffermano perlopiù su argomenti già trattati e ripetizioni spiacevoli. Il tutto avrebbe potuto dare un pizzico di brio al romanzo, ma non ci riesce affatto a causa delle motivazioni della trama, e vorrei vivamente incontrare gli autori per domandargli da quale infante si siano fatti scrivere il plot.
Era tutto magico e coinvolgente, affascinante, ci si trovava dinnanzi ad un intreccio in grado di coinvolgerti nonostante certe delusioni sparse qua e là, e poi alla fine diventa banale (che più banale non si può). Praticamente tutto l'alone di mistero dipana in un momento, e le razze aliene diventano pressocché inutili, marginali, così come i loro pianeti. Tutto il viaggio dei protagonisti (quattro libri!!!) è fondamentalmente inutile, così come la protezione del pianeta Terra che non verrà mai attaccato e, peggio ancora, l'intera guerra galattica è più banale di una caccia alla volpe. Questo giustifica i miei voti per quanto riguarda la godibilità del romanzo e lo stile.
Il contenuto, invece, non potevo metterlo da parte. Nonostante le carenze della trama, mi sono trovato più volte a riflettere sulle implicazioni scientifiche, religiose e naturali contenute nel romanzo, finendo per rifletterci anche nei giorni successivi: la presenza di forme di vita aliene presentate per la prima volta sotto una luce completamente diversa, l'evoluzione delle razze ed il vero significato del loro processo di autoregolamentazione, l'essenza dei pianeti, il contrasto fra la tecnologia e la religione, le peculiarità dell'ambito umano ed una lunghissima serie di interrogativi che, anche se spesso non soddisfatti dalle soluzioni del romanzo, vi lasceranno la pulce nell'orecchio.
In definitiva, se anche fosse bruttissimo, consiglierei questo romanzo per concludere la saga ma, dopotutto, non è niente male e si legge facilmente. E' penalizzato da forzature eccessive.
Sottolineo il fatto che Flynn Taggart (e, volendo, anche la controparte femminile di Arlene Sanders) è uno dei personaggi a cui mi sia ultimamente più affezionato. Vale la pena portare a termine la storia anche solo per vedere che fine fa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La donna da mangiare
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri