Narrativa straniera Fantascienza Doom. Hell On Earth
 

Doom. Hell On Earth Doom. Hell On Earth

Doom. Hell On Earth

Letteratura straniera

Editore


La trama e le recensioni di "Doom. Hell On Earth", romanzo di Dafy ab Hugh e Brad Linaweaver pubblicato da Multiplayer.it Edizioni. La serie di romanzi di DOOM è composta da quattro capitoli scritti da Dafydd ab Hugh and Brad Linaweaver : Knee-Deep in the Dead, Hell on Earth, Infernal Sky, e Endgame. Basati su DOOM e DOOM 2 il famosissimo sparatutto creato dalla ID Software. Ecco il secondo di quattro romanzi di Doom… Il Caporale Flynn Taggart è l’unico sopravvissuto del team di esplorazione su Phobos, annientato dai demoni arrivati dai portali. Tornato sulla Terra pensava di essersi lasciato tutto alle spalle, invece il male l’ha seguito fin sul nostro pianeta. La battaglia continua!



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Doom. Hell On Earth 2014-03-09 20:19:38 Donatello92
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Donatello92 Opinione inserita da Donatello92    09 Marzo, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Manca qualche tasto...

Quando ho iniziato la lettura di questo secondo capitolo della saga, avevo già in mente di non valutarlo con la stessa benevolenza del precedente. Il risultato, al termine della lettura, non è cambiato di molto.
Ci troviamo dinnanzi alla prosecuzione lineare (e mai forzata) della trama di Knee Deep In The Dead, e appare chiaro sin da subito che i toni sono cambiati di parecchio: già dai primi atti le follie del duo Sanders-Taggart prendono una piega surreale, distaccata, così ambigua da essere più fantastica dei demoni stessi. Ma andiamo con ordine.
Innanzitutto lo stile è diverso: gli autori hanno abbandonato del tutto le soluzioni schiette e al limite della correttezza che avevano reso un ottimo libro il capitolo d'apertura, allontanandosi gradualmente dalla sensazione di essere in un videogame e avvicinandosi alla pericolosa percezione che il genere passi da fantascienza a drammatico.
E la trama non aiuta: pochissima è l'azione rispetto al volume d'overture e il turbine di fucili e creature orribili è stato sostituito da un inutilissimo filone religioso, introducendo la gerarchia Mormone che occupa pagine e pagine con riflessioni e speculazioni noise sull'utilità delle divinità, gli angeli salvatori e l'origine dell'uomo. Avrei dato un punto in più al contenuto del romanzo, poiché esso si avvicina a tematiche paradossalmente veritiere sul tradimento e sull'equilibrio dei goverino che possono far riflettere non poco il lettore, ma l'assonanza così evidente con un libro presentato quasi come guida videoulica (ma poi calato drasticamente) rovina l'atmosfera.
In definitiva, senza dilungarmi troppo, non posso affermare che questo romanzo sia mal riuscito, ma di certo è diverso dal precedente. Anzi, avendoli già letti tutti, posso affermare che gli altri saranno così, romanzati e meno espliciti (ma decisamente realizzati meglio. Il terzo è bellissimo), ma il passaggio di stile e questo primo tentativo di "maturità stilistica" si sentono parecchio.
E' un libro tanto utile all'evoluzione della saga da non poterlo disprezzare, ma non è all'altezza del precedente. L'introduzione di molti personaggi risulta qui fastidiosa, quasi forzata, e susciterà le antipatie del lettore che aveva imparato ad amare la connessione marziale, spirituale e forse anche fisica dei due Marine sopravvissuti. Ma, ancora una volta col senno di poi, posso garantire che alcuni di questi personaggi saranno, nei volumi necessari, quelli a cui potreste affezionarvi maggiormente.
Hell On Earth è il peggiore della saga, ma forse anche il più utile. Basta un piccolo sforzo per apprezzarlo. Dopotutto è scritto in maniera scorrevole, non è particolarmente grande (né impegnativo) ed i capitoli, ancora una volta, sono ben divisi per semplificarne la messa in opera.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri