Narrativa straniera Fantascienza Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume
 

Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume

Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di "Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume", romanzo di Philip José Farmer edito da Fanucci. Il grande disegno è il terzo volume del ciclo Ciclo del mondo del fiume, in libreria dal 30 agosto 2012. Per decenni la vita del Mondo del Fiume è stata regolata da un complesso meccanismo di resurrezioni. Ora questo ciclo sembra essersi interrotto. Il mistero che avvolge il Mondo del Fiume e chi lo governa sembra infittirsi. Spinti dalla necessità di avere risposte sul mondo, si moltiplicano i tentativi di tracciare percorsi attraverso il mare polare per raggiungere l’imponente torre che lo sovrasta. Richard Burton prova a ricongiungersi all’equipaggio della prima nave mentre, dopo aver giurato vendetta a re Giovanni Senza Terra, Mark Twain alias Sam Clemens cerca di costruire un altro battello in grado di permettergli la risalita del Fiume. L’ingegnere Milton Firerbrass, intanto, tenta un viaggio con un enorme dirigibile in grado di raggiungere le sorgenti più velocemente. A guidarlo è Cyrano de Bergerac. Ma le difficoltà non mancano, così come i tentativi di sabotaggio.

Philip José Farmer (1918-2009) è stato un autore di fantascienza statunitense. Narratore eclettico, ironico e dissacrante, si è aggiudicato alcuni tra i maggiori riconoscimenti letterari nel campo fantascientifico, tra i quali il premio Hugo per Il fiume della vita e il premio Nebula alla carriera. Fanucci Editore ripropone in una nuova edizione tutto il Ciclo del Mondo del fiume, l’opera che lo ha definitivamente consacrato come uno dei più grandi autori di fantascienza del Novecento.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il grande disegno. Ciclo del mondo del fiume 2014-04-25 12:06:05 catcarlo
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
catcarlo Opinione inserita da catcarlo    25 Aprile, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il grande disegno

Non bisognerebbe accostarsi a una serie partendo da metà o giù di lì, e qui si tratta del terzo volume del Ciclo del Fiume, ma in casa questo c’era (un vecchio Urania di vent’anni fa) e non avevo tempo e voglia di andarmi a cercare le puntate precedenti (che poi mi sono arrivate a tiro quando avevo già cominciato la lettura, ma questo è un altro discorso). E’ anche vero, però, che ogni capitolo dovrebbe comunque saper camminare con le proprie gambe – se non altro con lo scopo di far avvicinare anche il lettore di passaggio - e così mi sono avviato fiducioso, anche perché Farmer è un narratore che sa coinvolgere e divertire: caratteristiche, queste ultime, che finiscono per acuire il senso di delusione che si prova una volta chiuso il libro. E’ certamente affascinante l’idea di un mondo percorso da un grande fiume lungo le cui sponde qualcuno ha resuscitato l’intera umanità mischiando provenienze geografiche ed epoche storiche, però non ci si può nascondere l’impressione che, giunto a questo punto, l’autore si sia di fatto ritrovato prigioniero in un universo dai difficili sbocchi, magari con il desiderio di volare nello spazio a immaginare nuovi mondi vicino a stelle lontane. La brillantezza della scrittura si rivela soprattutto nella capacità di sfruttare un’occasione come quella di mettere a contatto figure famose di epoche diverse (da Mark Twain a Richard Burton l’esploratore a molti altri), e nel sottofondo avventuroso che resta l’aspetto migliore, con i risorti che, una volta organizzatisi, si avvicinano ai responsabili (autonominatisi Etici) del loro risveglio che sono piazzati, in apparenza, in una grande torre al centro del mare polare. Il procedere della storia è però rallentato da una serie non indifferente di zavorre, a partire dalle lunghe parti didascaliche che, a volte, sembrano scritte per un’enciclopedia – si tratti di raccontare lo sfondo storico di un personaggio oppure di descrivere con minuzia le caratteristiche e il volo di un aeronave. Altrettanto disorientante è il gran numero di personaggi che entrano in scena – ci sono almeno tre o quattro filoni narrativi che procedono in parallelo – anche se non tutti riescono a raggiungere un certo spessore: al confronto, pur essendo avulse dal flusso principale, funzionano assai meglio le divagazioni (i flash-back, la lettera nel contenitore di bambù) che hanno come protagonista soprattutto Frigate e che si configurano come racconti a se stanti, ma in ogni caso gustosi. E’ curioso notare come, fra i personaggi suddetti, una sola sia donna, cioè il pilota di dirigibili Jill Gulbirra, che combarre quasi da sola per i diritti femminili in una compagnia esclusivamente maschile (le altre donne sono solo decorative) in cui gli uomini, anche i più sensibili alle istanze sociali, faticano moltissimo a mollare anche un grammo di potere al gentil sesso. Tra i sospetti incrociati di essere spie degli Etici, ripetizioni di ogni misura in sistema decimale e statunitense,viaggi ai confini del mondo e scoppiettanti battaglie aero-navali, il romanzo si lascia comunque leggere senza troppo impegno – malgrado, forse, le intenzioni dell’autore - per arrivare a un finale del quale non si può dire che sia aperto perché sarebbe riduttivo: manca solo la scritta ‘continua’…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri