Narrativa straniera Fantascienza Il problema dei tre corpi
 

Il problema dei tre corpi Il problema dei tre corpi

Il problema dei tre corpi

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice


Nella Cina della Rivoluzione culturale, un progetto militare segreto invia segnali nello spazio cercando di contattare intelligenze aliene. E ci riesce: il messaggio viene captato però dal pianeta sbagliato, Trisolaris, l'unico superstite di un sistema orbitante attorno a tre soli, dominato da forze gravitazionali caotiche e imprevedibili, che hanno già arso undici mondi. È quello che i fisici chiamano "problema dei tre corpi", e i trisolariani sanno che anche il loro destino, prima o poi, sarà di sprofondare nella superficie rovente di uno dei soli. A meno di non trovare una nuova casa. Un pianeta abitabile, proprio come il nostro. Trisolaris pianifica quindi un'invasione della Terra. Sul Pianeta azzurro, nel frattempo, l'umanità si divide: come accogliere i visitatori dallo spazio? Combattere gli invasori o aiutarli a far piazza pulita di un mondo irrimediabilmente corrotto?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il problema dei tre corpi 2018-04-08 22:34:20 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    09 Aprile, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un’inarrestabile forza di alienazione

Dicono i saggi che alla fine di una vita dignitosa ed onorevole menata innanzi per circa settant’anni, non siano moltissime le cose di cui andare fieri. Le cose da mettere a curriculum (vitae), per così dire. Certamente io aggiungerò, alle mie pochissime, l’aver proposto questo libro nel mio gruppino di lettura.
Difficile raccontare la trama, e non lo farò.
Dirò solo questo. Ci sono uomini e donne che si trincerano nei loro settori di appartenenza e vi si arroccano: umanisti e scienziati (disprezzandosi anche un poco gli uni con gli altri) ed altri (quelli che, secondo me, sono VERI umanisti e scienziati) che gettano ponti fra gli ambiti del sapere.
Come si faceva nel 1500 quando gli uomini di cultura, per essere tali, dovevano essere scienziati. E saper scrivere un sonetto. O una pagina di prosa mirabile. Magari suonare uno strumento. Tempi in cui non era un vanto dire “non ci capisco niente di matematica” e via dicendo.
Uomini come Galileo Galilei, per dirne uno.
Carl Sagan, per dirne un altro. James Gould. Stephen Hawking. Piero Angela. Liu Cixin.

Liu Cixin fa emozionare per la multidimensionalità. Per le conseguenze di un codice binario. Per un’antenna che amplifica un segnale. Ed è in grado di spiegarlo mirabilmente:
“Le storie della scienza sono più maestose, coinvolgenti, profonde, eccitanti, strane, terrificanti, misteriose e persino più commoventi delle storie della letteratura. Ma queste splendide storie sono incatenate a equazioni matematiche che molti non sanno interpretare (…) Attraverso la fantascienza, cerco solo di creare i miei mondi usando il potere dell’immaginazione e di rendere manifesta la poesia della Natura in quei mondi, per narrare le leggende romantiche dell’uomo in relazione con l’universo.”
E con questo si supera tutto. Che i nomi cinesi sembrino tutti uguali, che uno dei protagonisti si chiami “Miao”, che l’autore, qui e là, per descrivere meraviglia e stupore non trovi di meglio che inserire un punto esclamativo.
Perché ci sarà un punto molto preciso in cui, anche con le ammuffite nozioni di fisica/scienze che ci portiamo dietro dalla scuola media, esclameremo – sul tram, nel salotto di casa o ovunque siamo:
– “Oh mamma mia, i due protoni!”
E non solo perché la storia è ganza oltre ogni dire: una storia che comincia in Cina durante la Rivoluzione Culturale. Ma perché sono ganzi i nanomateriali, la multidimensionalità, le onde radio, il codice binario. I computer “viventi”. I videogiochi di ruolo. Gli scienziati che sviluppano sistemi. Quelli che li fanno inceppare. E perché Da Shi è un mito. E non è uno scienziato. Ma è la sintesi di Jason Staham e di un filosofo e chiude mirabilmente questo primo capitolo della Trilogia dei Tre Corpi:
“Gli insetti non sono stati mai davvero sconfitti.”

PS. Occorre fare ogni pressione possibile per velocizzare la traduzione degli altri due volumi!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Odio volare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La follia Mazzarino
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Instinct
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri