Neuromante Neuromante

Neuromante

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


In un mondo in cui le mafie della finanza e dell’elettronica possono tutto, fra autostrade informatiche e hacker dai poteri neuromantici, si svolge l’avventura di Case. Si è messo contro l’organizzazione sbagliata e per vendetta è stato privato della capacità di connettersi al cyberspazio. Ora qualcuno è disposto a ricostruirgli le sinapsi bruciate, a patto che porti a termine un’ultima missione… Pubblicato nel 1984, Neuromante è il libro che ha dato origine all’universo virtuale e narrativo del cyberpunk, conferendogli una dignità letteraria che travalica il genere e assume la dimensione di un grande classico.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Neuromante 2018-08-18 00:05:29 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    18 Agosto, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pungiglioni neri fritti

“Le ‘zaibatsu’, le multinazionali che plasmavano il corso della storia umana, avevano trasceso le antiche barriere. Dal punto di vista degli organismi, avevano raggiunto una specie di immortalità. Non si poteva uccidere una zaibatsu assassinando una dozzina di dirigenti che occupavano i posti chiave, ce n’erano altri che aspettavano di salire la scala, di occupare i posti rimasti liberi (...)”

Nel 1984 (anno evocativo per la letteratura fantastica), William Gibson scrive “Neuromante”, libro capostipite della letteratura cyberpunk e suo manifesto.
Protagonista: Case. Ventiquattrenne. Allucinato pirata del software. Ladro di dati punito con l’inoculazione di una microtossina che gli ha danneggiato il sistema nervoso… Condannato alla prigione della carne, lui, un talento delle fughe nell’incorporeo, un virtuoso della navigazione nel cyberspazio. Ora impaurito, frustrato, consumatore di droghe.
“Cowboy da console” lo definisce Armitage, il misterioso personaggio che gli offre un’altra possibilità: gli pagherà i necessari interventi di neurochirurgia purché Case si metta al suo servizio per un lavoro impegnativo. Dopo sarà più o meno libero.
A proteggere Case c’è Molly, una giovane combattente che ha nel fisico atletico e nella resistenza al dolore i suoi punti di forza. Anch’ella assoldata da Armitage.

La visionarietà di Gibson non è in discussione: anticipa di qualche decennio la potenza della rete e le esperienze virtuali, ispirando molte opere successive (“Matrix” su tutte). Evoca innesti corporei e potenziamenti mentali, multinazionali sulfuree e onnipresenti al tempo stesso, dolenti intelligenze artificiali, incubi e sogni che sgocciolano dai chip.
Pesca a sua volta da Philip K. Dick e ne costituisce, per certi versi, una prosecuzione.
Tutto questo, però, senza “offrirsi” al lettore: sin dalle prime battute, “Neuromante” parla un linguaggio proprio, fatto di termini che sembrano specialistici, ma in realtà sono codificati attraverso una chiave interpretativa nota solo a chi li usa. Si può dire che il libro è scritto in un gergo “pseudotecnico”.
Non è l’unica difficoltà: Gibson sceglie di astrarre i suoi personaggi dalla storia, e solo alla fine, quando il lettore ha abbandonato da parecchio l’idea di essere coinvolto in una trama, indica il capo del filo logico da tirare, perché la vicenda si sciolga e assuma una parvenza di senso.

Una lettura non facile, sconsigliatissima a chi non ama il genere. E non è detto che anche chi mastica science fantasy non la abbandoni comunque. A questi sia dato sapere che, al di là di una forma “ostica”, il contenuto non è poi così inconcludente: chi completerà la prima lettura sarà magari spronato ad una seconda, che permetta di riannodare il filo e ripercorrerlo quando in lontananza si vede già la maglia.

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri