Sotto la pelle Sotto la pelle

Sotto la pelle

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Come un felino in agguato, Isserley va in giro sulle strade deserte delle Highlands scozzesi a caccia di autostoppisti maschi. E' sola, è bella, è piena di strane ferite nel corpo. E' decisamente pericolosa. Dopo l'enorme successo del Petalo cremisi e il bianco, Michel Faber piomba ai giorni nostri con un altro potente romanzo, un altro potente personaggio femminile.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sotto la pelle 2016-01-13 12:15:58 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    13 Gennaio, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La cacciatrice solitaria

Le Highlands scozzesi, terre suggestive punteggiate da agglomerati urbani più o meno densamente popolati, uniti tra loro da una ramificazione di strade isolate in un panorama inospitale e brullo.
Qui si muove la predatrice Isserley, donna a suo modo attraente, sarà per quei seni sproporzionati che si porta appresso esibiti da sapienti décolleté, o sarà per quel suo modo di fare accattivante, un po’ insicuro magari, ma civettuolo. Costantemente in auto macina e setaccia ogni chilometro di asfalto, pronta a caricare, sedurre e tramortire autostoppisti ignari del tragico destino che li attende.
Questa strana femmina non appartiene alla Terra, proviene da un pianeta lontano ed è qui come procacciatrice di cibo per i suoi simili, confinati in un mondo in cui il benessere è per pochi e utopia per i più.
Per questo lavoro si è dovuta trasformare chirurgicamente, snaturare il fisico, violentarlo a furia di estreme manipolazioni sino ad assomigliare ad un essere umano, del quale è consapevole clone mal riuscito.
Michel Faber racconta della caccia, ma soprattutto della realtà circostante elaborata attraverso il sapere della protagonista, cementando il tutto con una costruzione del personaggio di grande impatto emotivo.
Isserley è maledettamente sola, si strugge per un barlume d’affetto, di considerazione, ma è solo un ingranaggio di un meccanismo immenso dietro cui si potrebbe anche scorgere un attacco al consumismo feroce, senza regole né limiti.
Isserley è un personaggio a specchio, in lei albergano le esigenze umane, ed al tempo stesso nella sua razza i nostri stessi errori, a partire da una classificazione sociale simile alla nostra. Il tutto a sottolineare l’ambiguità di presunte disuguaglianze, come a voler abbattere ogni barriera tra il noi e il loro.
Abbandonata e privata dell’amore, lasciata in balia di un compito che scandisce noiosamente le sue giornate, si eleva a personaggio memorabile, mai odioso, in quanto costretta allo sgradevole ruolo per necessità di sopravvivenza. Cacciatrice atipica, con senso di colpa e insoddisfazione perpetue, cerca tra le maglie di un’esistenza senza scopo qualcosa per il quale valga davvero la pena lottare.
La storia potrebbe risultare ripetitiva nei fatti, ma è nei sentimenti di Isserley che si annida il vero cuore del romanzo, la vera azione, il senso di un’esistenza in apparenza vuota.
E qui la disperazione, la lucida coscienza e la forza della protagonista raggiungono vette di intimismo notevoli, con un arpeggio linguistico avvincente, abile nel portarci a tifare per la ragazza, lasciandoci nudi davanti ai suoi naturali - e così umani- bisogni.

Dal romanzo è stato tratto “Under the skin”, girato da Jonathan Glazer e interpretato da Scarlett Johansson. Detestato da molti, piaciuto invece al sottoscritto nonostante le significative differenze con il testo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Sotto la pelle 2012-12-05 18:02:34 Angelica Elisa Moranelli
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Angelica Elisa Moranelli Opinione inserita da Angelica Elisa Moranelli    05 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

C'è vita sulla Terra?

ATTENZIONE: SPOILER

Non lo inserirei fra i migliori libri del secolo, ma è comunque un bel libro. Lo stile è impeccabile, così come la psicologia dei personaggi, lo si capisce dal riuscitissimo gioco di identificazioni, una mappa di sentimenti contrastanti che l'autore riesce a farci seguire assieme alla protagonista: ci si identifica con Isserley, l'"umana" (in un universo parallelo dove la razza dominante è un'umanità dotata di coda, pelliccia e quattro zampe) che per poter andare a caccia di vodsel (gli abitanti del pianeta Terra che da Isserley sono visti come esseri inferiori votati alla soddisfazione degli appetiti della sua razza) ha dovuto subire decine di orribili mutilazioni per potersi trasformare da una bellissima umana a quattro zampe, ad una femmina di vodsel, che si regge su una schiena più o meno dritta ed è costretta ad indossare spesse lenti per nascondere il vero colore dei suoi occhi. Isserley va a caccia di autostoppisti, una specie particolarmente adatta a finire sulle tavole degli "umani" più ricchi.Ci si identifica in Isserley, come falsa femmina di vodsel, nella sua triste e grottesca caricatura di essere umano. Poi ci si identifica in Isserley, come umana, razza superiore, dotata di un fisico atletico un tempo, di una folta pelliccia, di speranze e sogni. Ci si identifica nei tanti vodsel incontrati lungo il cammino, stupidi o rozzi, timidi o spavaldi (perché sappiamo la fine che faranno tutti, ce la aspettiamo, tifiamo per loro, perché ci sentiamo in trappola anche noi, perché il pensiero di essere catturati, messi all'ingrasso, mutilati e infine cucinati ci fa orrore). Ci si identifica nella disperazione di Isserley e in quella dei poveri vodsel "lavorati". Il gioco di scambio di personalità è talmente complesso che non conta molto se si tratta di un uomo o un animale: sotto la pelle, siamo tutti uguali.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri