Narrativa straniera Fantasy Fate a New York
 

Fate a New York Fate a New York

Fate a New York

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Fate a New York, romanzo di Martin Millar edito da Fazi. Morag e Heather, due fatine punk scozzesi, si ritrovano catapultate a New York, nell'appartamento di Dinnie, il peggior violinista del mondo. Rinnegate dalla propria madrepatria per il loro rifiuto dei dogmi dell'essere fata e per aver tentato di sovvertire l'ordine del mondo delle fate suonando i riff dei Ramones sulle loro arpe, non vedono l'ora di godersi la loro ritrovata libertà. Ma il piano si rivela più difficile di quanto sembra e le due intruse sono presto costrette a scappare dalle gang di fate italiane, cinesi e nere che bazzicano dalle parti di Central Park. L'autore riesce a tessere una tela che collega storie diverse, mescolando l'umorismo a una personalissima e tagliente critica sociale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fate a New York 2012-11-07 10:21:11 Elisabetta.N
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    07 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fate punk-rock celtiche

Se penso alle fate la prima immagine che mi viene in mente è Trilli, la fatina di Peter Pan, un po' dispettosa, sicuramente gelosa e invidiosa, ma soprattutto piccola piccola.
Ed è proprio così che Martin Millar descrive le fate Morag e Heather, cacciate dalla Scozia e finite, non si sa come, a New York dove "non si può neanche trovare un goccio di vero whisky al malto"!
Sì perché non solo le nostre fatine sono spesso ubriache, ma prediligono anche i funghetti magici!
Ah, dimenticavo, vogliono anche creare un gruppo punk-rock celtico!! Dei tipetti veramente particolari!

La storia è carina anche se un po' confusionaria.
I troppi punti di vista che si alternavano anche all'interno di un unico capitolo mi hanno fatto girare la testa!
Ovviamente c'è Heather e Morag, poi una barbona di nome Magenta che crede di essere Senofonte (e vi giuro che quando c'era il suo punto di vista ero realmente tentata a mettere giù il libro!!) e che beve un cocktail fatto con lucido da scarpe (!!!!), alcool denaturato e spezie varie, poi si passa in Cornovaglia alla corte del re Tala, ed ancora a Central Park, dove Petalo e Tulipano (i figli di re Tala, fratello e sorella) si sono rifugiati insieme ad alcuni amici, infine, verso gli ultimi capitoli, giacchè non c'erano abbastanza punti di vista, è stato introdotto anche quello del capo dei ribelli, innamorato perdutamente della figliastra del re Tala.
Non vi pare che già così ci sia un po' troppa confusione? e che ancora non ho scritto tutti i nomi delle fate e dei personaggi che compaiono in questa storia, troppi per essere riportati, ma anche solo per essere ricordati..

Insomma, in mezzo a tutta questa confusione, abbastanza tipica quando si ha a che fare con le fate, si delinea una storia piacevole, a tratti interessante.

In questo libro ho notato che spazio e tempo a volte si confondono, non viene usata una linearità nel racconto e spesso leggendo, credevo che fossero passate solo poche ore quando in realtà, dopo più pagine, mi rendevo conto (perché veniva specificato) che erano trascorse settimane.

Il continuo cambiamento di punti di vista, mi ha reso impossibile immedesimarmi in uno qualsiasi dei personaggi (a mio parere decisamente troppi) e devo anche aggiungere che non ho provato alcuna emozione leggendo questo libro, una storia carina, ma nulla più.
Il titolo, la copertina, tutto mi ispirava a leggere questo libro, ma ora che l'ho finito, non so, mi aspettavo di più..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri