Narrativa straniera Fantasy Il dominio del fuoco
 

Il dominio del fuoco Il dominio del fuoco

Il dominio del fuoco

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


C'è stato un tempo in cui la sua terra era ricca di arte e di cultura. Laia non può ricordarsene, eppure ha sentito spesso i racconti su come fosse la vita prima che l'Impero trasformasse il mondo in un luogo grigio e dominato dalla tirannia, dove la scrittura è proibita e in cui una parola di troppo può significare la morte. Laia lo sa fin troppo bene, perché i suoi genitori sono caduti vittima di quel regime oppressivo. Da allora, lei ha imparato a tenere segreto l'amore per i libri, a non protestare, a non lamentarsi. Ma la sua esistenza cambia quando suo fratello Darin viene arrestato con l'accusa di tradimento. Per lui, Laia è disposta a tutto, anche a chiedere aiuto ai ribelli, che le propongono un accordo molto pericoloso: libereranno Darin, se lei diventerà una spia infiltrata nell'Accademia, la scuola in cui vengono formati i guerrieri dell'Impero... Da quattordici anni, Elias non conosce una realtà diversa da quella dell'Accademia. Quattordici anni di addestramento durissimo, durante i quali si è distinto per forza, coraggio e abilità. Elias è la promessa su cui l'Impero ripone le proprie speranze. Tuttavia, più aumenta la fiducia degli ufficiali nei suoi confronti, più lui vacilla, divorato dai dubbi. Vuole davvero diventare l'ingranaggio di un meccanismo spietato e senza scrupoli? Il giorno in cui conoscerà Laila, Elias troverà la risposta. E il suo destino sarà segnato.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il dominio del fuoco 2018-06-25 14:50:47 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    25 Giugno, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Laia ed Elias sotto il crudele tacco dell'Impero

Laia ed Elias sono due adolescenti che potrebbero godere appieno della più bella stagione dell’esistenza umana se non vivessero in un mondo dominato da un impero feroce e sanguinario.
Laia, è una dotta, ha solo diciassette anni e ambisce unicamente ad attimi di serenità in casa con i nonni ed il fratello maggiore, Darin, tentando di dimenticare che l’Impero opprime e stermina la sua gente e che le ha ucciso i genitori e la sorella maggiore, accusati di capeggiare la Resistenza. Purtroppo una brutta notte i legionari fanno irruzione in casa sua. Ammazzano i nonni e imprigionano Darin, incolpato di essere in combutta con i ribelli ed in possesso di compromettenti disegni di armi sofisticate. Per lei inizierà una disperata lotta per cercare di liberarlo.
Elias è di poco più anziano ed è un marziale, anche se i primi anni della sua vita li ha passati tra i tribali, poiché sua madre, Keris Veturia, non voleva aver nulla a che fare con lui, considerato un errore. A sei anni è stato strappato dalle amorevoli mani della madre adottiva, Mami Rila, per essere condotto nell’Accademia di Rupenera, dove chi sopravvive, uscirà come Maschera, ovvero come uno dei più spietati e determinati esecutori della volontà imperiale. Al comando dell’Accademia c’è proprio sua madre che lo odia e farà di tutto per eliminarlo anche in contrasto con il volere del padre di lei, Quin, capostipite della potentissima Gens Veturia.
Elias, non si è mai integrato pienamente in quel crudele mondo, al punto che anche la sua mostruosa maschera d’argento, simbolo dell’appartenenza a quel corpo d’élite, non gli si è ancora fusa col volto. Egli ha già programmato di disertare, alla vigilia del diploma.
Gli Auguri, misteriosi esseri immortali che leggono il pensiero degli uomini, lo dissuaderanno, facendogli credere che solo restando raggiungerà la piena libertà dell’anima e del corpo. Purtroppo, il giorno del diploma scoprirà che, dopo cinquecento anni di attesa, saranno bandite le Selezioni che dovranno designare il nuovo Imperatore. Uno dei quattro Aspiranti è proprio lui!
Durante quei convulsi giorni di terribili prove di coraggio, lealtà all’Impero e, in sostanza, di spietatezza, farà la conoscenza di Laia, che s’è introdotta in accademia come schiava della crudele Keris, per carpirle informazioni in favore della Resistenza, condizione questa che le è stata imposta per tentare la liberazione di Darin.
Le vite di entrambi i giovani ne risulteranno stravolte per sempre.

“Il dominio del fuoco” è un romanzo fantasy di una crudezza incredibile. Il mondo che ci viene descritto è tutto racchiuso sotto una plumbea cappa di oppressione. Non c’è alcuna differenza tra i popoli dei dotti e dei tribali, oppressi, e quello dei marziali, oppressori. Tutti sono comunque soggetti e schiacciati da un giogo sovrastante che li fa schiavi al servizio di un Impero inteso come entità immateriale dominate ed inumana. Le Maschere stesse , simbolo del potere imperiale, per quattordici anni subiscono un addestramento micidiale che ne decima i ranghi e li plasma a diventare macchine di morte senz'anima al servizio di una feroce volontà superiore.
Se non fosse per la presenza di alcuni elementi tipicamente fantastici come gli Auguri dagli occhi rossi e i misteriosi démoni tipici della mitologia islamica (ginn, ghul, e ifrit) che paiono trarre godimento dalle sofferenze altrui e contribuiscono ad infliggere dolore, il romanzo potrebbe apparire come la spietata descrizione di uno dei nostri tanti inferni in Terra; uno di quelli in cui viene insegnato ai bambini ad uccidere senza nessuna pietà o dove gli essere umani vengono placidamente schiavizzati, torturati, marchiati e mutilati per la minima infrazione o, peggio, per diletto o noia. Questa sensazione angosciante è accresciuta dal fatto che l’A. sia sì cittadina americana, ma di genitori pachistani, forse testimoni di crudeltà non molto dissimili.
La narrazione procede senza accelerazioni o colpi di scena in un lento incedere che pare voler distruggere ogni residua speranza ed illusione. Non sembra neppure sia concessa alcuna possibilità di redenzione futura. Non esiste una netta divisione manichea tra il bene ed il male, tipica della letteratura fantasy. Qui nessuno è esente da colpe: Elias, per quanto inorridito da ciò che è costretto a fare, uccide senza pietà anche gli amici con i quali ha condiviso ore liete. Laia porta su di sé il peso della vigliaccheria che l’ha fatta fuggire quando c’era ancora la possibilità di salvare il fratello. La Resistenza è composta da individui cinici pronti a sacrificare spietatamente i singoli individui a favore di un preteso bene comune futuro, ammesso che essi non sbaglino clamorosamente i loro calcoli. Helene, l'amica d'infanzia di Elias, dopo avergli salvato la vita più volte, potrebbe divenirne il carnefice.
Le due voci narranti (Laia ed Elias) ci sprofondano nelle loro terribili ansie in maniera oltremodo coinvolgente e convincente.
Forse, in questa atmosfera fosca, spicca per una certa irragionevolezza ed arbitraria sbrigatività il coup de théâtre finale che, lungi dall'essere una catarsi ed una liberazione dei protagonisti, si rivela solo il mezzo che si è concessa l’A. per consentire la prosecuzione della saga con altri romanzi.
In conclusione, quindi, “Il dominio del fuoco” è un ottimo romanzo, pur con il peccato originale di essere un lunghissimo incipit di una serie che si preannuncia assai lunga. Tuttavia la atmosfera grave e penosa di cui è ammantato, unita al timore che l’opera sia anche una elaborata metafora della nostra realtà, ne sfarina un poco la piacevole illusione che ciò possa essere solo il parto di una fervida fantasia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri