Narrativa straniera Fantasy Il giorno fatale
 

Il giorno fatale Il giorno fatale

Il giorno fatale

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di Il giorno fatale, romanzo di Mary Stewart edito da BUR Rizzoli. Un romanzo fiabesco, trasognato e magico, che riprende gli elementi della leggenda di Re Artù e dei Cavalieri della Tavola Rotonda. Con la consueta felicità di scrittura, Mary Stewart trasporta i suoi personaggi in un'atmosfera umanissima, togliendoli dal ruolo emblematico di "buoni" e "cattivi", per farne degli uomini combattuti tra realtà e ambizione, amore e odio, cuore e ragione.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giorno fatale 2014-07-16 11:51:11 lamancinachescrivepoesie
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
lamancinachescrivepoesie Opinione inserita da lamancinachescrivepoesie    16 Luglio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

breve analisi

Spoiler per chi non conoscesse le leggende arturiane.

Pagina 323, 2° capoverso.
< “…essere sommo re dopo la mia morte,” disse Artù, “e per il momento avere delle tue terre…”
(…) Qui si fermò e si guardò intorno come se un rumore lo avesse disturbato. Un’improvvisa corrente d’aria, carica di temporale, aveva agitato la seta della sua tenda e le corde gemettero. Artù alzò le spalle come se volesse difendersi da una ventata fredda e guardò in tralice suo figlio con una strana occhiata (fu il servo che, dopo, raccontò questa parte della storia) un’occhiata che si tradusse in un lampo di dubbio sulla faccia di Mordred come se, con il sorriso e l’offerta di vino, si volesse nascondere qualcosa. Poi, a sua volta, il reggente scollò le spalle, sorrise, e prese la coppa dalle mani di suo padre. >

In questo breve paragrafo si racchiude la bravura dell’autrice. Nonostante la vicenda sia narrata da ‘quelli che vissero tanto da poter parlare”, e la base delle leggende arturiane sia questa, Mary Stewart riesce a farci fantasticare sui dettagli della scena e a farci immaginare dei futuri che, per quanto poco possibili, s’impossessano della nostra testa anche dopo aver finito di leggere non solo la scena ma tutto il romanzo.

La corrente d’aria, carica di temporale, che agita la seta della tenda del Re e fa gemere le corde ci riporta subito con la mente alla discussione avuta da Artù, in sogno, con il fantasma di Gawain. Quest’ultimo lo aveva esortato ad aspettare Bedwyr, ossia Lancillotto, e nel frattempo promettere terre e potere a Mordred per poi, quando fosse stato certo della vittoria, attaccarlo e ucciderlo –“Niente è tradimento se distrugge un traditore”, aveva detto- e il Sommo Re sembra risentire le sue parole. Smette di parlare e, alzando le spalle come a volersi difendere da una ventata fredda, getta una strana occhiata al figlio. Un lampo di dubbio passa sul volto di Mordred: che il Sommo Re, con i suoi gesti gentili, voglia nascondergli qualcosa? Ma riprende subito il controllo e, scrollando le spalle e sorridendo, prende la coppa dalle mani del padre.

Ed ecco che, alla fine, noi impotenti lettori, ci troviamo a chiederci cosa sarebbe successo se il destino avesse permesso loro di stringere un –seppur non duraturo- accordo di pace. Artù voleva veramente, nonostante non avesse nessun motivo per sospettare di Mordred, all’arrivo di Bedwyr, tradirlo e cercare di ucciderlo, o la sua ‘strana occhiata’ era dovuta all’improvviso ricordo della discussione con il nipote defunto e dalla consapevolezza che la profezia avrebbe comunque trovato modo di avverarsi? E suo figlio, Mordred, che aveva eletto reggente in sua assenza, si sarebbe fatto sorprendere, in quel caso, o, capendo le intenzioni del padre, si sarebbe fatto trovare preparato all’arrivo di Bedwyr?
Il destino avrebbe comunque trovato il modo di far avverare la profezia. Ci resta solo da ringraziare la penna unica di questa scrittrice per queste brevi, ma intense, riflessioni e fantasticherie con cui, con il suo stile perfetto, ha reso magica la fine del libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nero come la notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caldo in inverno
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Ah l'amore l'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ragazza nuova
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'angelo di Monaco
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Universum. Cronache dei pianeti ribelli
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Anello di piombo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle voci
Valutazione Utenti
 
3.4 (4)
Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'avvocato degli innocenti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri