Narrativa straniera Fantasy Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm
 

Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm

Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Federico Guglielmi, in arte Wu Ming 4, ripropone al pubblico dei lettori di Tolkien . il racconto del “Ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm” accompagnato dalla traduzione italiana della “Battaglia di Maldon”, celebre poema medievale a cui si ispira il racconto. Il curatore aggiungerà una sua nota introduttiva inedita con la genesi del racconto e l'analisi del contesto in cui questo nasce e si sviluppa, spiegandone l'imprescindibile lettura per la comprensione dell'autore inglese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm 2011-01-16 18:36:13 Tuc
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Tuc Opinione inserita da Tuc    16 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'orgoglio uccise l'eroe

Da alcuni anni abbiamo imparato ad apprezzare ,grazie al successo mondiale dei film di Peter Jackson, la produzione letteraria di quell'originale scrittore che fu J.R.R. Tolkien, oggi la Bompiani ci offre la possibilità di completare la conoscenza di quest'autore grazie alla pubblicazione dei suoi scritti accademici.Tolkien fu un professore di Oxford molto apprezzato come glottologo e filologo, la sua passione per le lingue antiche traspare nettamente anche nei suoi romanzi fantasy dove , come sanno i suoi lettori, non disdegna di inventare di sana pianta linguaggi nuovi (lingua elfica, lingua di Mordor etc etc), nel "Il ritorno di Beorhtnoth figlio di Beorhthelm" lo scrittore britannico analizza , in modo originale , un antico testo medievale scritto in Old English conosciuto come "La Battaglia di Maldon".
In breve nell'antico componimento si parla della tragica battaglia che ebbe luogo il 10 Agosto del 991 d.C. presso il villaggio di Maldon vicino all'estuario del fiume Pante nell'Essex. Le armate del Conte Beorhtnot e quelle dei Vichinghi invasori si affrontarono. Gli anglosassoni controllavano il ponte e avrebbero potuto resistere se il Conte , sollecitato furbamente dai nemici a dimostrare la sua nota cavalleria concedendo loro di passare il guado in modo da combattere entrambi in campo aperto, non avesse decretato con quest'atto di "ottusa" cavalleria la sconfitta degli inglesi che erano in numero inferiore. Dunque Tolkien nel suo scritto immagina che due personaggi Totta, un menestrello, e Tida, contadino sopravvissuto a mille battaglie, siano stati incaricati dai monaci del convento di Ely di recuperare il cadavere del Conte.
Totta e Tida sul loro carretto giungono presso l'estuario, recuperano il corpo straziato del nobile,la sua spada ma non la sua testa perduta per sempre nelle acque limacciose. Sulla strada del ritorno si imbatteranno in alcuni sciacalli, luridi codardi inglesi fuggiti di fronte ai vichinghi, saccheggiatori di cadaveri, a loro faranno saggiare ancora una volta la lama della spada del conte e poi tutti e due nella foschia, guidati dal lugubre canto dei monaci, torneranno a casa.
Questi due episodi di guerra sono bellissimi, rieccheggiano nelle parole dell'antico componimento le battaglie che poi si leggeranno nel Signore degli anelli, così come i discorsi e i bisticci fra Totta e Tida ricordano quelli tra Frodo e Sam o Frodo e Gollum, mentre Beorhtnot sembra un Beowulf più nobile e meno guascone.
Il testo oltre ai due scritti è arricchito da due piccoli saggi il primo di Wu Ming 4 , che per me è una garanzia e del Professor Tom Shippey uno dei maggiori esperti di Tolkien.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Saggi sui classici di letteratura inglese antica, mitologia nordica.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Flashback
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Foundryside
Il cielo di pietra
Il segreto della Regina Rossa
Il cielo oltre la tempesta
L'impero di sabbia. I libri di Ambha
La casa per Ognidove
Miti del Nord
Un assassino alle porte
Il portale degli obelischi
Questo oscuro duetto
Lanny
Tra le braccia di Morfeo
Questo canto selvaggio
La torre del corvo
La quinta stagione
Una fiamma nella notte