Narrativa straniera Fantasy La saga di Terramare
 

La saga di Terramare La saga di Terramare

La saga di Terramare

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Nel mondo incantato di Terramare, fatto di arcipelaghi e acque sconfinate, un giovane pastore possiede il dono di parlare agli animali e di piegarli alla sua volontà con misteriosi sortilegi. Non sa ancora di essere Ged, il grande mago destinato a sconfiggere le forze dell'oscurità che minacciano di sopraffare il suo mondo. Solo il duro apprendistato presso la Scuola per Maghi dell'isola di Roke lo renderà degno di diventare Signore dei Draghi e di sfidare le potenze del Male. Ma lungo il percorso, in un viaggio che lo spingerà oltre il regno della morte, incontrerà un nemico inaspettato: la propria ambizione e il desiderio di potere, che lo costringeranno a misurarsi con l'Ombra e minacceranno di annientare l'unico eroe in grado di riportare la magia in una terra che ne ha disperato bisogno.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La saga di Terramare 2017-08-20 13:50:57 Maria Fazio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Maria Fazio Opinione inserita da Maria Fazio    20 Agosto, 2017
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un libro per riflettere sul lato è scuro che è in

Se sei un amante del genere fantasy non puoi non aver letto la saga di Ursula K. Le Guin.
La saga contiene cinque libri di cui il primo “il mago di Earthsea” è stato pubblicato nel 1968.

Terrammare o Earthsea è un mondo di grandi arcipelaghi dove gli abitanti si muovono tramite imbarcazioni. E’ un mondo dove la magia è potente e le forze dle bene e del male si fronteggiano costantemente.
In questa saga il protagonista viene accolto in una scuola di magia dove apprende le basi che lo condurranno a diventare un mago potente.
La magia scaturisce dalle parole, del nome che hanno tutte le cose, e solo colui che conosce bene una cosa può avere il potere di utilizzare un incantesimo per modificarla.

L'atmosfera di questa saga è cupa e pregnante di significati arcani, e fornisce al lettore spunti di riflessione sulla natura umana, sul rapporto con il proprio lato oscuro, quella parte in ombra che c’è in ognuno di noi. Inoltre si sottolinea il rapporto con la morte che nel libro diventa una sorta di vero e proprio confine fisico con cui confrontarsi, per oltrepassare le proprie paure.

Lo consiglierei non solo a coloro che amano il genere fantasy ma a tutti quelli che amano vedere oltre la realtà quotidiana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La saga di Terramare 2014-08-30 10:21:57 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    30 Agosto, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La maestria dello scrivere.

Nel 2013 è uscita per la prima volta in Italia in un volume unico la raccolta completa dei sei capitoli della saga di Terramare narrante le avvincenti avventure del mago Ged meglio noto come SPARVIERE. Di seguito un resoconto dei vari capitoli costituenti l’opera.
IL MAGO è il primo capitolo dell'avventura e narra le gesta del giovane sin dalla tenera età mostrandoci i primi passi da questo compiuti nell'avvicinarsi alle arti magiche prima con la zia, poi col maestro Ogion infine nella scuola magica di Roke. Come ogni giovane caparbio ed ambizioso Ged si impegnerà anima e corpo nell'apprendimento della sua arte, si distinguerà tra tutti gli allievi di Roke per le sue sorprendenti capacità ma come ogni ragazzo si farà prendere dall'impulso del voler dimostrare il suo potere, di trovare il suo “posto” nel Mondo, di dimostrare che un “capraio” anche se di modeste origini non ha niente a che invidiare ad un nobile o benestante e così, spinto dall'odio, dall'orgoglio, dall'impulsività Ged commetterà un grave errore che lo segnerà nel corpo e nell'anima per tutta la vita.
Il vecchio Sparviere non esisterà più, la sua brama di imparare, la sua arroganza saranno spazzati via dalla paura, dall'umiltà e dalla consapevolezza dei rischi che si compiono a "voler fare il passo più lungo della gamba", una nuova saggezza animerà il corpo e l'anima del protagonista. Ottenuto il bastone da mago il nostro eroe verrà destinato ad una povera isola minacciata da 8 draghi, ma le sue paure non avranno fine: la minaccia da lui stesso liberata non ha mai smesso di seguirlo. Così Ged decide prima di risolvere la questione degli 8 Draghi in modo da adempiere ai suoi doveri e poter lasciare l'isola, poi di spingersi fino a Re Albi dove, in un piccolo anfratto, viveva il suo vero Maestro: Ogion. Il saggio mago riuscirà a comprendere i timori del giovane spingendolo a non temere ma a combattere ciò che lui stesso ha liberato perché l'ombra si nutre della sua angoscia. Con questa nuova consapevolezza e appellandosi a tutto il suo coraggio Sparviere partirà a bordo della Vistachiara affiancato dal suo amico mago Vetch alla ricerca dell'ombra scaturita dal suo sconsiderato gesto, è giunta l'ora di affrontare le sue inquietudini.
Questo primo romanzo pur se prevedibile sul finale rappresenta una buona base di partenza offrendo al lettore quei giusti elementi di curiosità ed intrigo. Senza dubbio la forza della Le Guin è la capacità narrativa, il romanzo pagina dopo pagina non resta mai farraginoso nello scorrimento ed anzi il lettore ha brama di conoscere fin dove si spingerà l’eroe.
Secondo capitolo dell'avventura di Terramare "LE TOMBE DI ATUAN" vedono quale protagonista la giovane Tenan, prima sacerdotessa di queste. Strappata in tenera età ai genitori per prendere il posto di colei che l'ha preceduta morta nel giorno della sua nascita, la giovane viene consacrata agli Innominabili al compimento del sesto anno di vita. Impara a conoscere i riti, le storie e i culti di quei luoghi oscuri e solitari, è l'unica in grado di attraversare ed esplorare le macabre tombe, luoghi sacri di cui lei conosce ogni cunicolo grazie al tatto in quanto interamente prive di luce appunto per la loro sacralità. Quelle gallerie nascondono tesori inestimabili e da sempre hanno attirato l'attenzione di ladri e furfanti, Tenar non ne aveva mai incontrato uno quando si scrocia per la prima volta con il giovane Sparviere. Il mago è alla ricerca della seconda parte dell'anello perduto di Erreth-Akbe, custodito nelle tombe. Tenar sa che l'uomo rappresenta una minaccia, che lei in quanto prima Sacerdotessa sarebbe dovuta intervenire ed ucciderlo per mantenere intatta la purezza di quei luoghi, ma man mano che passano i giorni ed ha modo di parlare col giovane non vi riesce ed anzi matura la consapevolezza del potere infinito che Ged ha dentro di sé e che proprio quell'uomo riuscirà a salvarla da ciò a cui è stata predestinata.
Il secondo capitolo della saga si sviluppa per la maggior parte del racconto dalla voce di Tenar, questa è un'altra caratteristica della Le Guin: nonostante il protagonista indiscusso sia Ged ella non forza la sua presenza ed anzi dà voce anche agli altri personaggi incastonandoli tra loro con una maestria sorprendente.
E' un romanzo più maturo del precedente, intrigante e scorrevole. Spicca per la delicatezza e la saggezza di Sparviere e per l'evoluzione del personaggio di Tenar.
IL SIGNORE DEI DRAGHI narra le gesta dell'arcimago Ged e di Arren (il cui vero nome è Lebannen) principe di Havnor. Un nuovo male si aggira nel Terramare, la magia sembra essere ormai perduta, il vero idioma dimenticato, i draghi e gli uomini impazziti.
Dinanzi ad una tale minaccia Ged non può sottrarsi e decide di partire con il giovane compagno al seguito.
Un capitolo che si presenta piacevole, non scontato ed avvincente in grado di sviluppare bene la trama tessuta sin dal primo libro. Il lettore non ne rimane deluso, è spinto a leggere, ininterrottamente rapito dalla maestria e dalla gradevolezza dell'autrice nel narrare. Non è solo un romanzo di maghi e draghi, è una riflessione continua sull'uomo ed i suoi desideri.
L'ISOLA DEL DRAGO è il quarto capitolo della saga e si distingue soprattutto per la maturità dei temi affrontati. Sono ormai passati 25 anni da quanto Tenar ha lasciato le Tombe di Atuan con Ged e si è recata dal maestro Ogion. Quest'ultimo sta morendo, Tenar vedova ed ormai una donna matura di mezza età non può abbandonare il suo amico, padre ed insegnante così decide di partire da Gont con Therru la bambina bruciata, violentata ed abbandonata dal padre-ladro naturale quasi un anno prima che ha preso con sé.
Ferito e privo di poteri Ged torna “a casa” a bordo del drago Kalessin dopo 6 giorni dalla morte del maestro Ogion e viene soccorso dalla donna che ha liberato tanti anni prima. Pian piano l'uomo inizia a riprendersi ma non vi è traccia del vecchio Ged. E' come un guscio vuoto. I suoi poteri sono stati prosciugati. Cerca di aprirsi con Tenar, di raccontarle cosa è successo con Arren nella terra del Dolore ma fatica a rivivere quelle angosce. Non volendo tornare a Roke, trova rifugio presso la fattoria della vedova. Dopo varie peripezie ed un inaspettato incontro col Re, Tenan e la bambina raggiungono la proprietà senza però trovare Ged impegnato coi pascoli sulle vette. I giorni scorrono nella quotidianità e per un attimo Tenar dimentica i malfattori che in più di una occasione hanno cercato di fare del mare a Therru. Una sera, dopo aver messo a letto sua figlia, la sacerdotessa si accorge di alcuni rumori provenienti dall'esterno dell'abitazione e comprende che la bambina è in pericolo: sono venuti a prenderle per vendicarsi della donna e “punire” la piccola che è stata cattiva. Che sia per il vecchio intuito del mago che per il caso fortuito Ged riesce a fermare dai malfattori; stava scendendo dalla montagna quando li ha incontrati e intravedendo in essi il pericolo li ha seguiti arrivando per tempo alla tenuta. Grazie alla presenza del nuovo Re vi è inoltre la certezza che quei criminali saranno puniti, adesso Therru può tirare un sospiro di sollievo; non le faranno più del male.
L'affinità da sempre esistita tra Ged e Tenan trova spazio in questo racconto e si manifesta con tutta la sua forza, e, forse in ritardo di 25 anni, forse “quando il tempo era maturo”, la loro relazione diventa “intima”, è giunto il momento di vivere il loro amore.
I molteplici temi affrontati rendono questo capitolo vivo ed intrigante per il lettore. Ged impara a vivere come un uomo, impara ad amare e grazie al tempo, all'affetto ed alla solitudine riesce a superare “quel vuoto” che si sente dentro dopo la perdita dei suoi poteri ed il dolore provato. Tenan non è più la ragazza delle Tombe di Atuan, è una donna e prima ancora una madre. Prende con sé Therru e la cresce con tutto l'amore che ha in sé cercando di colmare quel male che le è stato fatto, cercando di risanare quelle ferite che probabilmente non guariranno mai. Viene toccato anche l'aspetto di un amore adulto tra un uomo e una donna che si sono sempre amati e che semplicemente si sono ritrovati in età matura poiché prima i fattori non erano favorevoli (i maghi con grandi poteri devono restare scapoli). Ormai quarantenni i due vivranno facendo tesoro di ogni esperienza vissuta. Infine c'è Therru, la mutilata bambina che nasconde un grande potere, un dono per cui è necessario che sia istruita onde evitare che il male che le è stato fatto si ripercuota su altri. Ed è proprio sul finale che parte del mistero verrà svelato.
“L’isola del Drago” apre la mente del lettore a varie riflessioni, mostra la capacità di adattamento dell'uomo ai cambiamenti della vita, il dolore della privazione, il male afflitto a chi non ha gli strumenti per difendesi, l'amore senza confini di una madre, l'amore di due anime divise fisicamente da dogmi e precetti ma non spiritualmente.
Ultimo e non ultimo capitolo della saga “I VENTI DI TERRAMARE” offre risoluzione agli interrogativi rimasti i/n sospeso ne “L’isola del Drago”. L’opera si snoda interamente intorno alla figura di Therru mentre il /protagonista Ged non sarà molto presente a dispetto dei capitoli precedenti; Tenan accompagnerà la figlia in un viaggio alla ricerca di sé stessa e del suo “posto nel mondo”. Chi è Therru, come liberare le anime rimaste intrappolate nella terra del Dolore? Sono ormai passati 15 anni da quando Ged ha rinunciato a tutti i suoi poteri per porre rimedio alla frattura creata dall’avidità dell’uomo di possedere; eppure queste non hanno ancora trovato la pace.
LE LEGGENDE DI TERRAMARE e l’APPENDICE offrono ulteriori chiarimenti sul Terramare e sui segreti e le leggende che si tramano dai tempi più lontani. Costituito da 5 diversi racconti “Le leggende di Terramare” è stato scritto proprio per dare chiarezza alla dimensione fantastica in cui le vicende sono ambientate (tra le quali svelare il mistero della nascita dell'isola di Roke). Non a caso l’autrice li ha elaborati tra un libro e l’altro; è dunque opportuno accingersi alla lettura soltanto dopo aver ultimato la saga.
Nonostante la sua vastità “La Saga di Terramare” è un’opera che si appresta ad una lettura rapida, chiara ed avvincente. Perfettamente lineare e ben costruito, la Le Guin offre al lettore un Mondo tutto da scoprire, con solide fondamenta e per gli scettici della categoria fantasy “non campato per aria”. I temi trattati sono inoltre variegati e mutano in relazione al maturare dei protagonisti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ha semplicemente voglia di leggere un bel Fantasy; un romanzo solido e curato in ogni dettaglio.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri