Narrativa straniera Fantasy La scuola dei maghi
 

La scuola dei maghi La scuola dei maghi

La scuola dei maghi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di La scuola dei maghi, romanzo di Trudi Canavan edito da Nord. Sonea ha finalmente accettato di entrare nella Corporazione dei Maghi, iniziando così il suo percorso di studi. Ma la strada davanti a lei è irta di pericoli, a cominciare dal fatto che numerosi Maghi disprezzano le sue umili origini e la giudicano indegna di quel privilegio. Il più spietato è Regin, un novizio che sembra avere come unico scopo quello d'istigare i compagni e gli insegnanti contro la ragazza, umiliandola ripetutamente e arrivando persino ad accusarla di essere una ladra. L'unica speranza per lei è rappresentata da Lord Dorrien, sensibile e intelligente figlio del potente Lord Rothen: il ragazzo, giunto alla scuola per far visita al padre, prende subito le parti di Sonea e si spinge addirittura a rivelarle alcuni segreti che la rendono più potente del perfido Regin. In tal modo, però, Sonea scopre pure che il Lord Supremo, Akkarin, fa uso della proibitissima Magia Nera, riuscendo a trarre forza da qualsiasi essere vivente, uomo o animale, e questo rischia di costarle la vita...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La scuola dei maghi 2018-04-28 21:04:49 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    28 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bene, ma non benissimo

Se un lettore continua una saga deludente, ci sono due ragioni: spera in un irrealistico miglioramento dello stile oppure ha già comprato tutti i volumi e si sentirebbe in colpa a non leggerli. Mi imbarazza dover ammettere che ho continuato la lettura della Black Magician Trilogy per il secondo motivo.
In realtà avevo anche qualche speranza che la storia ingranasse un po’ e ci fossero più azione ed emozioni; da un lato, posso dire di essere stata accontentata, perché rispetto a “La Corporazione dei maghi” questo secondo volume ha una trama maggiormente densa di eventi, nonché una discreta evoluzione dei personaggi principali.
La storia riprende alcuni mesi dopo la fine del primo capitolo, con Dannyl pronto a partire per Elyne dove sarà Ambasciatore e Sonea che, dopo essersi allenata con Rothen, sta per iniziare il suo primo anno da novizia presso l’università della Corporazione.
Nel primo romanzo avevo trovato alcune somiglianze con la saga Potteriana, e analogamente qui ho provato un senso di déjà vu collegato alla serie del Mondo Emerso in generale, e a “Nihal della Terra del Vento” in particolare, ma non posso certo gridare al plagio in questo caso, perché il romanzo della Troisi è stato pubblicato ben due anni dopo. Comunque alcuni elementi sono davvero simili: la giovane protagonista che riesce ad accedere ad una scuola dove “quelli come lei” (gente dei bassifondi da una parte e donne dall’altra) non sono mai stati ammessi prima, ed è vittima delle molesti dei compagni. A completare il quadro, possiamo aggiungere la figura del saggio maestro (Rothen/Ido) e del misterioso antagonista da affrontare rigorosamente nell’ultimo libro (Akkarin/il Tiranno).
Parlando della trama, ho notato alcuni miglioramenti come la presentazione di nuove ambientazioni, grazie ai viaggi di Dannyl, e delle scene adrenaliniche ed emozionanti nella parte finale. Ma ciò che più ho apprezzato è sicuramente come la Canavan abbia trattato il tema della tolleranza, sia verso chi ha origini umili sia in relazione all’orientamento sessuale, con molto accortezza e sensibilità.
Per quanto riguarda i personaggi, in questa serie è d’obbligo fare una distinzione tra quelli principali e le comparse, che non sono nulla più di sagome in cartone messe in scena con il solo nome a distinguerle, e poi fatte sparire in modo randomico.
Anche in questo volume ho tollerato a fatica la protagonista: nonostante quanto ha vissuto, Sonea continua a dimostrarsi debole e vittima delle decisioni altrui. Purtroppo è un personaggio che il lettore deve quasi farsi piacere a forza, perché è una delle pochissime figure femminili nell’intera saga.
Il nuovo antagonista ha mostrato gli stessi difetti di Lord Fergun, infatti anche Regin è del tutto privo di una motivazione seria e credibile, ma è ancor più assurdo che così tanti novizi gli diano retta. Mi sono invece piaciuti il Sommo Lord, tratteggiato in modo da renderlo ambiguo e spaventoso (forse anche troppo) e Lord Dannyl che rispetto al primo libro ha avuto molto più spazio e uno sviluppo notevole.
La Canavan ha però scelto di accantonare, o meglio eliminare, parecchi personaggi importanti ne “La Corporazione dei maghi”, nonché due ottimi spunti, quali il governo tirannico del sovrano e le trame dell’organizzazione criminale note come i Ladri.
Come già accennato, lo stile dell’autrice non pare migliorato, anzi è ancora molto banale e si dilunga eccessivamente in descrizioni del tutto inutili o in scene ripetute più volte, come gli attacchi della banda di Regin ai danni di Sonea.
A mio giudizio, l’edizione italiana della Nord (TEA in flessibile) ha contribuito notevolmente a svilire una serie non proprio brillante: due problemi minori e forse soggettivi, ma che saltano subito all’occhio, sono le traduzioni arbitrarie dei titoli da questo volume in poi e i molti refusi per la mancata revisione, presenti soprattutto nella seconda parte del volume. Il difetto peggiore è però la sinossi in quarta di copertina, che di nuovo si dimostra pressappochista e zeppa di spoiler; nel primo libro ciò era spiegabile con la brevità della trama stessa, ma qui non c’è davvero scusa che tenga.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri