Narrativa straniera Fantasy Rinascita. La confraternita del pugnale nero
 

Rinascita. La confraternita del pugnale nero Rinascita. La confraternita del pugnale nero

Rinascita. La confraternita del pugnale nero

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di "Rinascita. La confraternita del pugnale nero", romanzo di J.R. Ward edito da Rizzoli. Caldwell, Stato di New York: dopo la morte dell'amatissima Wellsie, uccisa da un lesser, il nobile vampiro Tohrment è precipitato in un abisso di disperazione che l'ha allontanato dai confratelli. Ma proprio l'angoscia di Tohr impedisce a Wellsie e al bambino che portava in grembo di abbandonare il limbo che li inghiotte e raggiungere il Fado, il sereno aldilà dei vampiri. Per questo Lassiter, l'angelo che veglia su Tohr, cerca di convincerlo che per liberare l'amata dovrà cercare l'amore di un'altra donna, a sua volta oppressa da un tragico passato. E mentre Tohr è diviso tra il dolore da seppellire e una futura passione a cui non vuole arrendersi, continua a infuriare la guerra con i lesser. Mentre un nuovo clan di vampiri trama per spodestare Wrath, il Re Cieco.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Rinascita. La confraternita del pugnale nero 2013-12-06 15:55:12 Amarilli73
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    06 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho iniziato a fare il tifo per i Bastardi

(Libro X della Confraternita del Pugnale Nero) – Seppure questo dovrebbe essere il capitolo dedicato a Thor e No’One, preciso subito che io li ho trovati mortalmente soporiferi e proprio non sono riuscita a provare simpatia per loro. Senza cercare di girarci intorno, oggettivamente sono due lagne fatte e finite, con ripetuti tristi monologhi monotematici (il sesso: quello subito, quello evitato, quello disprezzato, quello sognato...ma da lì non ci si schioda). E che dire dell’angelo che dovrebbe procurare la salvezza e finisce per apparire un supporter quasi viscido (dov’è finito il mio caustico Lassiter?)
Di fatto, stavolta tutta la confraternita mi è sembrata spenta, come se (restando in tema, visto che la trama attraverso le varie stagioni per virare sull’autunno) fossero stati tutti messi sotto naftalina.

L’unico brivido viene dai nuovi veri cattivi in scena, non i più i pallidi Lesser profumati di talco per bambini, ma l’orrido Xcor, il nobile e leale Throe e gli altri Bastardi al loro seguito. E pure questo enigmatico Assail, vampiro solitario in Jaguar, sembra molto più intrigante.
Non nascondo di aver fatto il tifo per loro, anziché per i soliti fratelli (nonché per Layla quando involontariamente aiuta il “nemico”).
L’impressione complessiva che ho avuto è che la Ward, mentre scriveva questo decimo volume, fosse già focalizzata sul romanzo seguente (attesissimo da tutti, con Blay e Qhuinn) e che si fosse ripromessa in ogni caso di saldare il proprio debito al guerriero Thorment, da lei bistratto in maniera imbarazzante rispetto agli altri.
Ma questa sua nuova versione, finalmente con una donna al fianco (e non la cara Wellsie, perché lei non è ancora nel Fado, ma inspiegabilmente non può tornare) e calato nel ruolo di vendicatore del Re Cieco mi è sembrato proprio il premio di consolazione per gli ultimi arrivati.

Da ultimo, mi ha lasciato perplessa un certo mutamento di stile: la Ward è sempre stata un po’ sopra le righe con i suoi personaggi sboccati, però in passato si trattava di battute un po’ spinte eppure sempre in senso simpatico-malandrino.
Qui invece ho trovato un eccesso di volgarità, con continui riferimenti e ammiccamenti.
Sembra che tutti i vampiri in scena non riescano a pensare ad altro che al contenuto dei loro pantaloni nonché a eccitarsi in ogni angolo della sede della Confraternita.
Lasciamo perdere l’aderenza alla realtà. Questo è un romanzo fantasy, dove si suppone che i protagonisti facciano sognare: se pure l’immortale fascinoso quando apre bocca assomiglia a un qualunque ragazzotto su di giri che puoi incontrare in birreria, che resta del sogno?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I precedenti volumi della Confraternita
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri