Narrativa straniera Fantasy Until I die. Revenants
 

Until I die. Revenants Until I die. Revenants

Until I die. Revenants

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice

Ero destinata a innamorarmi di Parigi. Fin dal primo momento in cui ho messo piede in questa città incantata, ho capito che tutto sarebbe cambiato. Che avrei perso il mio cuore. E così è stato perché ho incontrato Vincent. Vincent è il ragazzo che tutte vorrebbero. Bello, gentile, affascinante. E immortale. So che innamorarsi di una creatura soprannaturale può sembrare una follia, ma non mi importa. Ho deciso di mettere a tacere la ragione e seguire il mio cuore. Di rischiare tutto, anche la vita, per restare al fianco del ragazzo che amo. Lui ha giurato di proteggermi, da se stesso e dai suoi nemici. Ha anche promesso di resistere alla sua natura per tenermi al sicuro, e sono certa che lo farà. Io però non resterò a guardare seduta in un angolo mentre un destino più grande di noi tenterà di dividerci. Sarò pronta a tutto pur di difendere il nostro amore. A tutto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Until I die. Revenants 2015-12-11 08:18:08 Mian88
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Dicembre, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Superpluo. Non eccelso. Di passaggio.

Dopo aver appreso che Vincent è un revenent la vita di Kate è inevitabilmente cambiata. Non ha ancora il coraggio di accettarlo per quello che è – tanto che l’intero romanzo ruota attorno alla ricerca di un mezzo per il giovane di non provare il desiderio di sacrificarsi per gli altri, dettaglio che di poi gli risulterà essere fatale – ma al tempo stesso non può vivere senza di lui.
Charlotte e Charles vengono allontanati provvisoriamente dalla Maison onde garantire al secondo il tempo necessario per riprendersi dopo la brutta avventura conosciuta nel primo capitolo della saga, e nel mentre la nostra umana inizia i suoi allenamenti con Gaspard e conosce Violette e Arthur, due “antichi” noti sulla scena dei “non morti” particolarmente preziosi per le loro conoscenze. Sono personalità di grande spicco e ricchezza nell’universo parallelo creato da Amy Plum, il lettore però verso queste due nuove figure non può non provare sospetto, non riuscendo infatti a fidarsi completamente.
Interessanti sono le ricerche storiche della protagonista che riescono, almeno in parte, ad appagare la curiosità di chi vi si approccia spingendolo ad andare avanti.
Il romanzo infatti non è particolarmente impegnativo da leggere, anzi, la storia è rapida e si conclude senza troppa difficoltà, il problema è che non spiccano esaustivi elementi di originalità tanto che più volte viene spontaneo domandarsi se vale la pena andare avanti. Chi di norma fa della lettura una sua grande compagna nonché compagnia da anni non può che provare un moto di stizza verso questi, poiché li prevede, comprende immediatamente chi è il “cattivo” di turno e perfino cosa sta architettando tanto che arriva a chiedersi come sia possibile che una giovane moderna come Kate non si renda conto che non è il caso di fidarsi bensì che è forse il momento di stare all’erta.
In questo capitolo viene dato spazio ai co-protagonisti e questo è gradevole, Kate invece è priva di un’evoluzione, resta la classica signorina paurosa, incapace di gestire il cambiamento, sempre bisognosa di affetto e Vincent dipendente. Non che sia sbagliato ma magari l’autrice avrebbe potuto fare qualche taglio, indurla a crescere. Anche la richiesta che fa al suo amato è prova di quanto ancora sia immatura, non può cambiare quello che l’altro è.
Stilisticamente l’elaborato è fluente e piacevole. E’ uno scritto ottimo per chi ama i fantasy, per chi è alle prime armi con la lettura e per chi cerca un romanzo d’evasione. Lo ritengo un testo di passaggio, necessario tra il primo e il terzo ma al tempo stesso non indispensabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = a chi ama i fantasy/YA e ha letto "Die for me" o romanzi similari;
no = a chi cerca fantasy di spessore nonché elaborati di carattere.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri