Narrativa straniera Romanzi erotici Febbre. Passione senza tregua
 

Febbre. Passione senza tregua Febbre. Passione senza tregua

Febbre. Passione senza tregua

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Quando Gabe Hamilton vede Mia Crestwell presentarsi alla serata d'inaugurazione del suo hotel, capisce che è arrivato il momento di compiere la sua mossa. Desidera Mia da moltissimo tempo, ormai, e ora, la sorellina del suo migliore amico, da sempre per lui un frutto proibito, è finalmente diventata grande. Anche Mia ha fantasticato segretamente su Gabe. È adulta adesso e non ha nessun motivo per non provare a realizzare i suoi desideri inconfessabili. Ma più Gabe la trascina in un mondo seducente, più Mia si rende conto che ci sono ancora tante cose che non sa di lui. Gabe si rivela molto più esigente di quanto lei credesse: la loro relazione, intensa e ossessiva, brucia di un ardore trattenuto troppo a lungo, esplora tutte le tappe del piacere, ma non appena si fa più profonda, comincia a sfuggire dalle loro mani...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
1.0  (1)
Piacevolezza 
 
1.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Febbre. Passione senza tregua 2013-08-26 10:26:01 Amarilli73
Voto medio 
 
1.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    26 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'unico termometro che sale è quello dell'idiozia

Conoscevo già Maya Banks per una serie di romanzi erotico-sentimentali che hanno invariabilmente come protagonista un magnate greco o uno sceicco arabo, o giù di lì, e stavolta ero curiosa di vedere se aveva fatto il famoso salto di qualità. Dirò solo che se questa voleva proporsi come una serie intrigante ed originale, risulta invece un concentrato del più becero pseudo-erotismo finto scandaloso.

Certamente influisce non poco la protagonista, Mia, per cui si prova un’antipatia istintiva e che rappresenta una lagnosa stupidina senza arte né parte (cioè esattamente il contrario di una ragazza consapevole, libera e disinibita che ci si dovrebbe aspettare in un erotico al femminile nel 2013).
Mentre i suoi compagni di università si sono trovati un’occupazione, lei è ancora precaria in una pasticceria, nonostante un fratello ricco e sistemato. Ma guai a pensare che abbia chissà che ambizioni o che voglia farsi strada da sola: la verità è che lei è innamorata fin da ragazzina e ancora in attesa di un tizio più vecchio di quattordici anni, la cui unica qualità sembra essere quella di nascondere il santo Graal tra i pantaloni.

Uno pensa: beh, dai, la realizzazione di un sogno infantile.
Invece la misera viene messa “sotto contratto” da un idiota di portata stellare, tale Gabe, ulteriore esempio di ricco squallido che non si sente sicuro nel sesso se non impone fantasie perverse a suon di clausole e codicilli sottoscritti (Ancora i contrattini BDSM? E dove sta la novità? Oramai ti ritrovi i fac-simile di libro in libro). E lei, dal canto suo, è strafelice di trasformarsi in una mantenuta (visto che non saranno quattro dati inseriti nel computer a giustificare il suo posto ufficiale nella società di lui – e tutti i colleghi giustamente se ne accorgono), senza alcun briciolo di consigliabile esitazione.
Almeno ci fosse un po’ di gioco tra i due, qualcosa di meno ovvio e noioso: macché, Mia è sempre prona o supina come moquette in saldo. E il lettore sbadiglia.

(* SPOILER) Finché si arriva alla scena cruciale, quando l’idiota supera il limite e la offre quale agnello sacrificale. Ma se uno si aspetta (finalmente!) un barlume di reazione, attende invano, perché lei rimane in stato di choc giusto dieci minuti, il tempo di ritornare in modalità scodinzolante con perdono automatico.

Tutto ciò mentre le persone adulte intorno a lei si devono preoccupare se questa “bambina” mangia abbastanza, torna a casa da sola o ha le medicine per la febbre.
E’ sarebbe una storia d’amore? Siamo al limite della circonvenzione d’incapace.

Sorvolo sul finale (o.r.r.i.p.i.l.a.n.t.e), che ci viene risparmiato persino nei filmetti natalizi a basso costo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri