Narrativa straniera Romanzi erotici La passione di mademoiselle S.
 

La passione di mademoiselle S. La passione di mademoiselle S.

La passione di mademoiselle S.

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Quando l’ambasciatore francese Jean-Yves Berthault trova, nel vecchio appartamento di un amico, un plico di lettere e comincia a leggerle, non ci mette molto a capire di avere davanti il racconto di una straordinaria avventura. Nelle lettere scorre la storia di passione tra Simone, una donna francese degli anni venti e il suo giovane amante Charles, sposato: un amore che si trasforma in una ricerca del piacere senza limite, in cui Simone diventa ossessionata da Charles al punto da farne il suo schiavo sessuale. In un continuo alternarsi di seduzione, dominazione e provocazione una storia vera che schiude inaspettate fantasie, desideri ed emozioni.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La passione di mademoiselle S. 2016-01-26 03:07:25 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    26 Gennaio, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per il tuo sogno barocco

“La passione di Mademoiselle S.” viene sbandierata da Jean-Yves Berthault, curatore di quest’opera che attinge a piene mani da un presunto carteggio rinvenuto in un baule dimenticato (speriamo) da Dio e (avrebbe potuto rimanere tale!) dagli uomini, ove Simone – audace signorina della bella società parigina degli anni Venti – ha gelosamente custodito i suoi ricordi della travolgente relazione erotica che clandestinamente intrecciò con Charles, uomo (ma anche no, quando diventa la “mia adorata Lotte”, diminutivo di Charlotte) irrimediabilmente sposato a una rivale.

Simone ha appena il tempo di presentarsi come schiava d’amore (“… mi farai soffrire crudelmente, ma so anche con quale gioia riceverò la mia ricompensa”) a vocazione masochistica, e il lettore non ha neanche la possibilità di meravigliarsi della dimestichezza che Mademoiselle vanta con ausili che oggi supponiamo custoditi nei sexy shop, e già viene il tempo dell’inversione dei ruoli: “Sotto l’influenza delle nostre passioni, cambieremo sesso e avremo così doppio piacere, doppio godimento”.
Uno stratagemma per amplificare le possibilità del piacere (“In te ho trovato una creatura duplice: un amante meraviglioso, un’amante divina”)?
Nossignori. Sembrerebbero proprio tendenze omoerotiche belle e buone.

Quando poi l’evoluzione del rapporto sembra postulare nuove intrusioni, giunge il momento del dubbio cartesiano: “Perché cercate altrove ebbrezze diverse che certo non eguaglierebbero mai il nostro reciproco vizio?”
E così chiosa l’ineffabile Simone:
“Nemmeno io, tesoro, potrei tollerare una terza persona tra noi. Tollero appena la spartizione legittima del tuo corpo”.

Di fronte a tanta estroversione ed esuberanza amatoria (“Le mie più folli carezze dappertutto, dappertutto”), il curatore propone una sua razionalizzazione in una nota a piè di pagina: “Simone è soggetta a una forma grave di nevrosi isterica che la porta a divenire l’altro al punto da assumere il genere di Charles”.

Il tempo scorre (“… abbiamo un passato meraviglioso e un presente ancora appassionato, ma sai che temo l’avvenire”) tra (tante) fantasie epistolari, (pochi) incontri clandestini e alcuni momenti di distacco (“Perché non hai portato con te anche il mio corpo?”), il rapporto evolve in senso voyeuristico (“… le prossime foto… sarà follemente eccitante rivederle”) e si verticalizza in un incontro a tre nel quale Simone vuole coronare in modo autentico il sogno omoerotico del partner.

Il sagace curatore, in una delle ultime note, si preoccupa perfino di rispondere al mio atroce dubbio, anch’esso cartesiano: mi chiedevo perché mai nel baule vi fossero soltanto le lettere di Simone e non anche quelle del fortunato Charles. Trovate convincente questa risposta? “La consuetudine della buona società esigeva che al momento della rottura l’amante restituisse all’amata tutte le lettere che gli erano state indirizzate, per non rischiare di compromettere la reputazione della signora”.

Giudizio finale: pornografico, licenzioso, esplicito (alla faccia della bella società parigina!)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri