Narrativa straniera Romanzi erotici Il gioco. Peccato originale Triology
 

Il gioco. Peccato originale Triology Il gioco. Peccato originale Triology

Il gioco. Peccato originale Triology

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Regola Numero 2: mai smettere di sperimentare. Nora Sutherlin, celebre autrice di romanzi erotici, non si è mai preoccupata del giudizio della gente. Ora però, per la prima volta in vita sua, è costretta a nascondersi: il suo amante, Søren, non vuole che venga alla luce la natura perversa del loro legame e quindi le ordina di sparire per un po’, rifugiandosi nella villa di campagna del ricco e disinibito Griffin Fiske. Griffin è entusiasta di ospitare Nora, ma soprattutto è lieto di accogliere il suo pupillo e compagno di viaggio, Michael, un giovane, inesperto e dotato di una bellezza angelica. Il fuoco della passione non tarda a divampare e Nora ne viene travolta, ma il suo cuore è altrove: non fa che pensare a Søren e a un altro uomo del suo passato, che non è mai riuscita a dimenticare…

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il gioco. Peccato originale Triology 2013-08-08 10:17:46 Amarilli73
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    08 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un collare per sempre

Ogni volta che incomincio a leggere un libro di questa serie, mi sembra di sentire da lontano la Reisz che inizia ad arrotare il coltellaccio sulla mola. Perché lei è sadica e crudele, più dei suoi stessi protagonisti, gode a far del male come se un giorno Soren, oltre a tutte le incredibili cose che sa fare, si improvvisasse scrittore e utilizzasse i libri per infliggere sofferenza (e frustate di carta) prima di giungere all’agognato piacere.
Se già uno aveva letto il primo libro con contorsionismi di budella per i saliscendi tra tristezza e felicità di Nora e del suo Padrone, nonché di Nora e di Wes, qui altri poveretti vengono buttati allegramente sulla graticola. Altro che gatti a nove code o croci di S. Andrea (tanto per stare in tema)!
La Reisz apparecchia il barbecue e lascia sfrigolare lentamente il “cucciolo” Michael, con cupe oscurità dentro, nonché Griffin il settimo Dominatore in linea d’importanza del club, nonché una giornalista d’assalto con ulteriori demoni alle spalle e che si è prefissa di scoprire la verità sulla strana parrocchia del Sacro Cuore. E con Nora che ci offre un gioioso campionario di dominatrice e sottomessa rigorosamente switch (ovvero sessualmente reversibile: top o bottom, kinky o vanilla, come la metti sta, e come la metti lei gode, sempre e comunque).

Su tutti aleggia il Dominatore dei dominatori, il prete in odore di nomina vescovile che sta a padre Ralph (Uccelli di Rovo, per chi era troppo giovane e non se lo ricorda….) come Pollicino cuore d’oro stava a Barblù. Lui che ti arriva sempre alle spalle con voce fredda e terribile (sic) e con una sola sillaba ed occhi di ghiaccio scatena polluzioni infinite nei suoi parrocchiani di ambo i sessi.
E se ancora ci chiedevamo come facesse a mantenere la forma fisica, ora lo sappiamo: 500 (dicesi cinquecento) flessioni quotidiane per mantenere fluide le omelie e toniche tutte le altre prestazioni.

Quasi quasi nel secondo libro la Reisz tenta addirittura il tasto “alibi compassionevole” per Soren: fustigare di brutto le persone che ama è un po’ il suo Viagra, e senza proprio non ci riesce.
Però io non sono ancora convinta. Lui che affetta la sua amata con un coltellino, tipo ama o non m’ama, resta difficile da digerire. Il sangue e sangue, il dolore è dolore, l’amore è un’altra cosa.
Certamente, questo uomo di Dio o principe delle tenebre (anche lui è molto switch e reversibile) è un personaggio che non riesci a dimenticare facilmente e che ti rimane “dentro”. Però più nel male che nel bene.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
The Original Sinners - Peccato Originale 1
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Possiamo salvare il mondo, prima di cena
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri