Narrativa straniera Romanzi erotici Risveglio. La trilogia dei sensi
 

Risveglio. La trilogia dei sensi Risveglio. La trilogia dei sensi

Risveglio. La trilogia dei sensi

Letteratura straniera

Autore

Editore

Casa editrice

Vittima di un perfido incantesimo, la principessa Bella ha dormito per cent’anni e tutti coloro che hanno tentato di svegliarla sono morti nell’impresa. Ma poi è arrivato lui, il Principe, affascinante e spietato, e Bella si è svegliata dal suo sonno secolare. Ora lei gli appartiene totalmente, ne è diventata la schiava, e dovrà seguirlo alla corte della regina Eleonora, madre del principe.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Risveglio. La trilogia dei sensi 2013-03-29 09:05:34 Amarilli73
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    29 Marzo, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il risveglio di Bella

Dopo cento anni di maledizione, il bellissimo Principe giunge al castello immerso in un sonno stregato per risvegliare la principessa che si è punta con il fuso. Ma non è un casto bacio a risvegliare Bella.

Il Principe la denuda, la stupra, la riporta alla vita solo per farla sua, solo per condurla nel suo regno come trofeo di guerra. E se una volta Bella era stata un’algida e pura principessa di fiaba, ora sarà educata per divenire il giocattolo del principe, uno dei tanti balocchi viventi alle dipendenze di una Regina splendida e lasciva, che ricerca il piacere attraverso il dominio totale di giovani corpi e di anime desiderose di compiacerla.

Tra il 1983 e il 1985 Anne Rice aveva giù pubblicato con uno pseudonimo questa sua rivisitazione estrema e sorprendente della classica fiaba della Bella Addormentata. In seguito, si mormora che abbia cercato di prenderne le distanze, dedicandosi alle sue storie di vampiri ugualmente lussuriosi, ma non così schiavi dell’oscurità e del sadismo.
Il Castello della Regina è una serie di saloni e di camere di tortura, di alcove segrete e di strani tornei con cavalcature umane: ovunque, freschi e nobili corpi da esibire, ostentare, umiliare, trasformati in oggetto di sfogo per i membri della Corte. Tutto è concesso, tutto è a portata di mano della fantasia, nel rispetto di poche regole: non bruciare, non tagliare, amare soffrendo e far soffrire amando. E non si può neppure dire che sia una fantasia maschilista, perché i carnefici sono maschi e femmine, così come i principi e le principesse ridotti in “animali da piacere”.

Certo, qualcuno cerca di fuggire, qualcuno non accetta il proprio destino, ma la maggior parte, come Bella, appesa ed esposta, nuda e battuta, scopre di desiderare lo sguardo compiaciuto su di sé del suo Signore, il brivido di essere in balia dei suoi capricci.

“Risveglio” è decisamente una fiaba gotica per adulti, dove Perrault è stato sostituito da De Sade.
Non c’è una vera trama, ma solo un’iniziazione alla sottomissione e al piacere di godere attraverso la sottomissione, mentre Bella o il principe Alessio o il principe Tristan cominciano a sfidare se stessi, mettendosi alla prova per scoprire quali ulteriori prove il loro corpo riuscirà a sopportare.

La penna della Rice si limita a riportare su carta fantasie sessuali, scomposti quadri di torture, affreschi di impalamenti e di frustate, e il lettore-spettatore deve fare la sua scelta: può sedersi a contemplare il risultato, impaurito ma estasiato da tanta audacia, o chiudere il libro e conservare il ricordo della Bella Addormentata della sua infanzia.
Se cercate qualcosa come 50 Sfumature astenetevi senza indugio. Qui si richiedono stomaci forti e capacità di guardare nel pozzo dell’anima, nel buio sempre più profondo. Se invece amate sporgervi curiosi, e rischiare, questa trilogia può riservarvi parecchie soprese…

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Histoire d'O, Venere in visone - Avvertenza: contenuti per adulti
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Risveglio. La trilogia dei sensi 2013-03-26 14:51:54 Pupottina
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    26 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una fiaba che diventa filosofia esistenziale

Da troppi anni non sono più una persona che si lascia incantare dalle fiabe, nemmeno quando vengono adattate dalla forma letteraria a quella cinematografica o vengono fuse insieme diventando una serie tv da “C’era una volta”, ma sarà perché dietro la storia già risaputa, trita e ritrita, c’è Anne Rice e tutto cambia …
Adoro da anni Anne Rice e il suo modo di narrare, di creare storie. La sua serie di romanzi con il vampiro Lestat de Lioncourt è tra le mie preferite del genere horror-fantasy.
Non sapevo che prima di creare Lestat, Louis, Armand e compagnia bella, la Rice si fosse cimentata con il genere fiabesco, precorrendo i tempi e l’attuale ritorno e la ricorrente moda della letteratura erotica.
Con Risveglio, primo romanzo di una trilogia, Anne Rice riesce a ricreare il linguaggio della fiaba per la durata di più di duecento pagine e al tempo stesso svela i misteri di un erotismo, non soltanto fisico, ma mentale, una vera e propria filosofia dell’esistenza votata ai principi di sottomissione, masochismo e dominazione. La sottomissione diventa qualcosa di vitale per la protagonista che, per paura, cerca di compiacere il suo padrone, attraverso un lungo percorso fatto di umiliazione, punizione ed apprendimento graduale di quella che sarà la perfezione quando l’avrà raggiunta.
La mescolanza del linguaggio, sempre fiabesco e allo stesso tempo elevatamente erotico, rende questo primo volume, nel quale il “risveglio” è quello letterale della famosissima Bella addormentata, un’esperienza originale e inedita. Quante volte anche voi vi siete chiesti cosa sarebbe accaduto alla Bella addormentata se si fosse svegliata? Sappiamo che viveva addormentata da tempo immemore e alla fine della fiaba il valoroso, nobile e gentile Principe riusciva a destarla, ma non sappiamo altro di lei, se non che sarebbe vissuta felice e contenta per sempre.
Anne Rice gioca con questo famoso personaggio fiabesco e fa in modo che a svegliarla non sia un perfetto Principe (troppo da fiaba e poco reale), ma un perfetto Padrone con tanto di mamma, una terribile Regina sadica quanto lui, e tutto un entourage di corte pronto a compiacere i suoi capricci, desideri e perversioni.
La povera Bella si trova a fare i conti con un mondo che le è ignoto ed è tutt’altro che fiabesco, ma che avvince il lettore e lo coinvolge in una spirale erotica, costituita da una sottomissione che diventa sempre più una questione intellettiva, filosofica, psichica.
Per la letteratura erotica sadomasochista, questo volume entra a pieno titolo nel genere, essendo un romanzo ben riuscito che fonde originalità, creatività e la bravura di una grande scrittrice come Anne Rice in un genere che non deve essere solo di nicchia.
VOTO 10+

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Anne Rice, fiabe in generale, letteratura erotica d'alto livello,
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri